Log in
A+ A A-

La depressione

Parlare di depressione non è mai semplice soprattutto perché si tratta di un argomento estremante ampio e sulla quale si parla moltissimo, non raramente, anche a sproposito generando disinformazione e pregiudizi. Innanzi tutto è necessario sottolineare che ogni individuo è soggetto ad oscillazione dell'umore passando da momenti di disforia a sensazioni di benessere ed euforia: solitamente queste reazioni sono il frutto della risposta emotiva ad una valutazione cognitiva a stimoli alla quale siamo sottoposti ed hanno una durata relativamente breve. La depressione è definita tale quando le manifestazioni cliniche sono durature nel tempo, debilitanti e,  spesso ma non necessariamente, non correlati agli eventi esterni: le principali manifestazioni di questa affezione sono individuabili nelle difficoltà a dormine(insonnia ma anche ipersonnia), inappetenza o iperfagia, apatia, irritabilità, difficoltà a concentrarsi, crisi di pianto improvvise, dolori muscolari, percezione di inadeguatezza propria ed a considerare in maniera negativa il futuro, isolamento sociale: queste manifestazioni ovviamente possono avere livelli diversi di gravità e di compromissione delle attività quotidiane arrivando, nei casi più gravi a rendere la persona che ne soffre incapace di prendersi cura di se stesso. Se le manifestazioni cliniche sono evidenti e facilmente catalogate, un discorso a parte meritano le cause della depressione sulla quale non vi è, ad oggi, ampia concordanza tra i professionisti che se ne occupano. Per quanto sia impossibile parlarne in maniera sintetica è possible menzionare tra le possibile cause che favoriscono lo sviluppo di questa problematica gli eventi alla quale si è esposti durante l'infanzia, su tutti il lutto di un adulto significativo, abusi fisici o psicologici subiti, malattie fisiche proprie o dei genitori, eventi traumatici senza dimenticare che alcune forme di depressione hanno una causa biologica e sono il frutto di un malfunzionamento del sistema neurologico: quest'ultima forma rappresenta probabilmente quella maggiormente resistente alle terapie con una forte tendenza alla cronicità. In maniera piuttosto semplicistica la depressione è spesso associata a condotte lesive in particolare auto-dirette ma alle volte anche rivolte a terzi in particolare familiari ma anche verso sconosciuti: per quanto questo non sia propriamente un errore è indispensabile sottolineare che determinati comportamenti non sono riconducibili a variabili singole e sono comunque il risultato di situazioni estremamente complesse. Per rimanere nell'ambito strettamente psicopatologico secondo alcune ricerche epidemiologiche, suicidi e tentativi di suicidio sono molto più frequenti in persone affette da altri disturbi, quali schizofrenia, disturbo bipolare e disturbo di panico; queste ricerche sono altamente significative ma viziate dal fatto che la reale diffusione della depressione, così come altri disturbi psichici, non è ancora ben chiara in quanto molte persone che ne soffrono non si rivolgono agli specialisti. Per quanto sappiamo che la diffusione della depressione sia in aumento anche nell'infanzia e nell'adolescenza,  quella della mancata diagnosi rappresenta un problema sulla quale è necessario intervenire: rispetto al passato molto è cambiato ma ancora oggi sulla depressione e sulle persone che ne soffrono vi sono stereotipi e pregiudizi che contribuiscono a rendere recalcitranti in molti a chiedere aiuto a causa del  timore, ad esempio, di essere etichettati come deboli oppure di subire delle conseguenze al lavoro. Un altro aspetto sulla quale è necessario porre attenzione rappresenta la possibilità di aiutare coloro che ne soffrono:come per altre forme di disagio psichico l'intervento terapeutico è competenza esclusiva di Psichiatri e Psicoterapeuti; sono noti purtroppo moltissimi casi di persone che si sono improvvisati esperti di depressione soprattutto tra coloro i quali si ritenevano adeguatamente preparati ad affrontare una relazione d'aiuto ma che in seguito hanno danneggiato coloro che pretendevano di poter aiutare; questi episodi, non isolati, giustificano la necessità di ricordare a coloro i quali soffrono di depressione di rivolgersi a persone qualificate ed abilitate al trattamento. In merito al trattamento della depressione, gli studi di efficacia sulle psicoterapie e sui nuovi farmaci antidepressivi sono piuttosto incoraggianti; attualmente la terapia combinata farmaci antidepressivi/psicoterapia rappresenta la strada elettiva anche se alcune forme di psicoterapia risultano efficaci anche come monoterapia.

Dr Michele Passarella

Ultima modifica ilDomenica, 19 Aprile 2015 17:41
Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Giugno 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Area Riservata