Log in
A+ A A-

Articoli filtrati per data: Agosto 2016

Un saluto al dottor Francesco Pasquariello: fedele al giuramento di Ippocrate

Bisognava proprio fare quella puntura. Ma io, come tutti i bambini paurosi dell’ago, saltavo sul letto e mi dimenavo mentre mia madre tentava di rassicurarmi perché l’avrebbe fatta il Dottor Pasquariello …. Arrivò con la sua borsa, e con un grande sorriso e dolcezza mi rassicurò… “tac…” puntura fatta e non me accorsi! “E’ un dottore davvero speciale”, pensai. E infatti il dottor Francesco Pasquariello è stato una persona amata da tutti perché davvero speciale! Di lui ci si poteva fidare sul serio! Discreto, di poche parole e con una grande passione per il proprio lavoro!!!

E così come è approdato nella comunità di Ruoti, servendola silenziosamente e amorevolmente, oggi 31 agosto, è andato via con la stessa discrezione e riservatezza….

Era arrivato in Basilicata intorno agli anni Sessanta. Veniva dalla Campania. Era un giovane dottore carico di entusiasmo per la sua professione.

Un “dottore vero”, diceva la gente che lo salutava con ammirazione. Il dottor Pasquariello mi ha vista nascere e crescere. Posso testimoniare, e con me in tanti, che lui è stato veramente un uomo fedele al giuramento di Ippocrate: “…Con innocenza e purezza io custodirò la mia vita e la mia arte…(…) Ciò che io possa vedere o sentire durante il mio esercizio o anche fuori dell'esercizio sulla vita degli uomini, tacerò ciò che non è necessario sia divulgato, ritenendo come un segreto cose simili (...)”. Due passaggi incarnati nel suo stile professionale e di vita.

Lo intuirono subito gli abitanti del posto. Tutti i suoi pazienti lo ricordano infatti come persona di fiducia, di grande generosità e disponibilità. Sempre pronta!!!

E oggi, che non sono più una bambina, posso dire con piena convinzione che in lui si è compiuto quanto si legge nella conclusione del giuramento di Ippocrate: “E a me, dunque, che adempio un tale giuramento e non lo calpesto, sia concesso di godere della vita e dell'arte, onorato degli uomini tutti per sempre…”.

E così è stato: Onorato e amato da tutti coloro che lo hanno conosciuto. Un uomo fedele alla professione, fino in fondo. Un modello e un testimone! Un uomo di fede. Un uomo carico di rispetto.

Grazie dottore per il buon esempio e per la testimonianza di una vita a servizio degli altri. Grazie perché in silenzio hai insegnato che fare bene il proprio lavoro è segno di autentica grandezza e di vera santità.

Avrei voluto dirti queste cose di persona… ma non ho fatto in tempo. Sorella morte mi ha preceduta.

Buon viaggio dottore!

Riflessione sui grandi poeti. Alcune differenze e analogie.

 

Tracciare una linea di discendenza diretta fra i poeti può risultare esercizio difficile, a meno che non si considerano i due secoli che ci hanno preceduto come profondamente innovativi sul piano storico e letterario.
La siepe ad esempio, resta un passaggio obbligato un momento fondamentale per comprendere la poesia di Leopardi. Se per lui rappresenta un limite, per Pascoli è vista più come una protezione dal mondo.

Leopardi, nello scrivere la poesia "L'infinito", prende come riferimento proprio il giardino di casa. Per Leopardi l'uomo è costantemente alla ricerca della felicità, pur subendola, perché non riesce ad ottenerla. Da ciò ne scaturisce quel senso di nostalgia che lo contraddistingue, seppur partendo dall'idea di una benigna natura che offre all'uomo molteplici illusioni, differenziandosi in questo dal poeta D’Annunzio che, come ne “La pioggia nel pineto”, fonde spesso la natura con l’uomo facendo si che l’uomo si immedesimi, sentendosi parte di essa e abbandonandosi al piacere dei sensi.

Per la visione di Leopardi, l'uomo conosce i propri limiti in quanto consapevole di essere finito e quindi mortale. Il naufragare non è legato semplicemente all'immaginazione ma alla realtà. Tuttavia, grazie alle illusioni, l'uomo può comunque guardare oltre e avvicinarsi almeno idealmente all'infinito. Con il peggiorare delle condizioni fisiche, però, Leopardi elabora un pensiero, più affine al Decadentismo, anche se non nichilista, in cui l'uomo sembra non avere ancore di salvezza, come ben demarcato nella poesia “A Silvia”, in cui si ispira a Teresa, la figlia del cocchiere, ricordandosi di quando la sentiva cantare nel periodo primaverile e con quel canto esprimeva la sua fiducia nell'avvenire. Ma la morte fisica di Silvia richiama la fine di ogni speranza e solo nell'ultima fase della vita, quando si avvicina alla morte, Leopardi elabora il concetto della “social catena” come si evidenza nella poesia "La Ginestra" in cui gli uomini, se si uniscono nella fratellanza, possono meglio sopportare la sofferenza. In Leopardi c'è un continuo scontro con la realtà. Criticava ad esempio il fatto che la poesia aveva perso il linguaggio antico, che solo la memoria e le parole  indefinite potevano recuperare.

Anche la nostalgia di Pascoli è legata alla sua esperienza di vita ed in particolare al nido familiare. La morte del padre, non a caso, provoca un trauma ben descritto nella poesia “X Agosto” e la terra diventa per lui, “un atomo opaco del male”. Nella poetica pascoliana si trovano onomatopee e suoni cifrati, perché tutto ha un suono. In questo modo l'io poetare si offre al mondo, come è riscontrabile anche dai suoi versi.

La fanciullezza rappresenta l'immagine della contemplazione pura, attraverso la formazione del simbolo ed il rapporto tra il reale e i suoi segni. Da questa presa di contatto con la tenera intensità del passato emerge tuttavia una volontà riflessiva e analitica, volta a cogliere proprio l’unicità dell’immaginazione giovanile, che sfocia nei famosi “Idilli” che aprono la via verso la dolcezza di questa esperienza, come avviene anche nelle pagine dello “Zibaldone”. Il suo pensiero, in fondo, si esprime nella tendenza a cogliere nelle cose il senso vero del mistero, il simbolo che si cela dietro l'apparire. Il ruolo della poesia diviene salvifico e catartico, sfiora l'esistenza oggettiva delle cose che il poeta si limita a scoprire, diventa voce superstite e sopravvissuta all'età.

La poesia nasce sempre da un trauma che può colpire in maniera particolare, come nei “Canti di Castel Vecchio”, sempre dello stesso autore, in cui si racconta di una carezza d’amore fatta da una madre verso il proprio figlio. Nei Canti si assiste ad una celebrazione del passato, attraverso le molteplici operazioni immaginative compiute dalla mente del poeta-fanciullo.

Per Pascoli la morte è il tramite per comprendere la vita, in quanto ha a che fare con il cosmo e la vita senza religione è un delirio. Ciò che si contrappone alla morte è la vita. Ma c'è un elemento che, più di tutti, accomuna i tre poeti e cioè che entrambi porgono lo sguardo sulla realtà.

Dei grandi autori, dunque, tanto legati ai temi della vita e della morte da esibirli enfaticamente evidenziando come ad una metrica, ora poetica ora sincopata, si possono felicemente accostare infinite astrazioni del pensiero.

 

Giulio Ruggieri

E' DI AVIGLIANO LA SUORA MORTA AD AMATRICE

 

Anche la Basilicata piange una vittima del terremoto.

E' lutto nel comune di Avigliano (Pz) dove suor Agata Galasso di 82 anni  è rimasta sepolta a seguito del crollo dell'Istituto Ancelle del Signore ad Amatrice.

Altre due suore lucane suor Giuseppina e suor Maria entrambe di Barile invece ce l'hanno fatta, sono salve.

Il sindaco del paese Vito Summa a nome dell'intera comunità aviglianese, mediante un comunicato stampa ha espresso il proprio cordoglio per le vittime del sisma delle popolazioni umbre, laziali e marchigiane.

Il comune in collaborazione con l'Associazione di Protezione Civile, le associazioni culturali e gli operatori economici oggi e domani effettueranno una raccolta fondi da destinare alle zone terremotate.

Inoltre gli eventi previsti in corso di svolgimento in questi giorni, nell'ambito della famosa sagra del baccalà sono state sospese in segno di rispetto per il lutto di tante famiglie colpite da questa tragedia.

Gli spettacoli per bambini previsti in occasione della sagra, in collaborazione con la compagnia Officina del Circo, saranno svolti nei luoghi del sisma previo accordi con le autorità locali.

In attesa dell'arrivo della salma di Suor Agata Galasso, il comune in collaborazione con la società di Mutuo Soccorso fra gli operai e con i familiari della suora, provvederà ad assicurare la sepoltura presso il cimitero di Avigliano.

Nel giorno delle esequie sarà proclamato il lutto cittadino.

 

Angela Rondanini

 

GRAN GALA' DELLA PUBBLICITA' - 27 AGOSTO 2016 LAGOPESOLE (PZ)

Si terrà oggi 27 agosto 2016 alle ore 21,00 nella suggestiva cornice del castello di Lagopesole (Pz) il primo Gran Galà della Pubblicità., un evento che coinvolgerà tutti gli operatori del settore di Basilicata, Campania e Puglia.

Testimonial dell'evento sarà il comico napoletano Biagio Izzo che si esibirà in uno spettacolo di cabaret seguito dall'esibizione della “Tarata Fil” e la sua pizzicaband.

All'interno dell'area Eventi di Fiere Lucane, oltre a musica e canti, sono previsti spazi di ristorazione a base di prodotti tipici lucani, oltre ad ampi spazi riservati ai più piccini con giochi e animazione.

Al termine della serata saranno premiate le migliori aziende della pubblicità e della comunicazione che hanno elaborato i messaggi in promozione più penetranti anche a livello grafico.

Presentatore della serata sarà Antonio Petrino.

 

Angela Rondanini

 

"Gemellaggio Potenza - Amatrice"

Il 25 agosto 2016  alle ore 13.05: “Ho scritto al Sindaco di Amatrice per esprimere la solidarietà di Potenza alla loro comunità e per offrire il supporto istituzionale per qualunque provvedimento potrà essere ritenuto utile al fine di sostenere la loro popolazione così duramente colpita dall’evento sismico del 24 agosto. Lo contatterò telefonicamente dopo che siano trascorse queste prime ore, così delicate nel gestire la fase dei soccorsi”. Queste le parole del Sindaco di Potenza Dario De Luca che ha ricordato inoltre come le città di Amatrice e Potenza siano “legate dal gemellaggio che siglarono nell’ottobre del 2007, in occasione delle celebrazioni  dell’ottava edizione del Premio di Saggistica ‘Padre Giovanni Minozzi’, che coincise col decennale del Centro Studi Minozziani”. Amatrice (località Preta), infatti, è la città natale di padre Giovanni Minozzi a cui si è intitolato il Centro Studi Minozziano e a Potenza il Centro svolge la sua attività di alto contenuto sociale e culturale. “L’opera dei padri minozziani – prosegue De Luca – ha rivestito una grande importanza per i potentini, ospitando, presso l’Istituto Principe di Piemonte, prima gli orfani di guerra e successivamente molti studenti potentini, sulla scia di quanto compiuto dal fondatore sul terreno della carità, della cultura e della storia sociale della Basilicata. Il gemellaggio, come riportato nella delibera “ha anche lo scopo di rafforzare il vincolo di solidarietà per far crescere la cultura nelle istituzioni pubbliche del volontariato civile e religioso e ciò anche per avvicinare le comunità tra di loro e diffondere il senso religioso ed il messaggio dell’accoglienza delle persone in difficoltà. In questa occasione drammatica, che unisce le nostre popolazioni, entrambi vittime di terremoti così devastanti, la nostra comunità non farà mancare il proprio sostegno a quella di Amatrice e, anzi ho già ricevuto offerte di imprenditori locali disponibili a fornire il proprio ausilio per quello che sarà loro richiesto” conclude il sindaco De Luca.

 

             

Emergenza terremoto

A Potenza, a seguito del terremoto che ha colpito le regioni del centro Italia, sono stati allestiti presso le parafarmacie  Tecnomedical dei punti di raccolta dove è possibile  donare beni di prima necessità quali:

PASTA
POMODORI
ALIMENTI IN SCATOLA
LATTE A LUNGA CONSERVAZIONE
BISCOTTI VARI TIPI
FARINA
ACQUA
PIATTI POSATE BICCHIERI DI PLASTICA
TOVAGLIOLI
PER BAMBINI:
LATTE IN POLVERE
VESTITINI
CREME
SALVIETTINE
PANNOLONI
OMOGENIZZATI
CIUCCI
BIBERON
SAPONI
DENTIFRICI
SPAZZOLINI
ASCIUGAMANI
ASSORBENTI DONNA
ACCAPATOI
BAGNOSCHIUMA
LENZUOLA
SACCHI A PELO
SCARPE
MEDICINE (ANTIDOLORIFICI, ANTIPIRETICI, ANTIBIOTICI, CEROTTI, GARZE, DISINFETTANTI COTONE IDROFILO ED EMOSTATICO)

Giuseppe Messina

BIRRA IN BASILICATA. CHE SORPRESA!

L'abbiamo visto ed ascoltato diverse volte in tv, lo spot pubblicitario che ci parla del Marchio - Birra Moretti Lucana - incutendo in noi tutti un certo tono di soddisfazione,perche' vuol dire che qualcosa di stampo lucano, sta facendo un buon percorso.

Infatti tutto cio', grazie all'Agroalimentare Sud di Melfi,il piu' grande maltificio d'Italia, in grado di fornire malto a birrifici tra i piu' grandi al mondo e a marchi famosi: questa capacita' ha fatto scaturire la  - Birra Moretti Lucana - contenente malto di Basilicata al 100%; un marchio che si pone in evidenza,si identifica agli occhi dei consumatori, diffonde e rende visibile il mondo della Basilicata con le capacita' di imporsi all'interno di un settore, quello appunto della birra, un alimento di largo consumo, dalle caratteristiche e abitudini tradizionali, ben diffuso e apprezzato anche negli ambiti giovanili.

Un insieme di occasioni e situazioni che possono far pensare all'organizzazione di una filiera dell'orzo e malto  - cosi' come in riferimento alla sede Ferrero in Basilicata, si é pensato alla coltivazione delle noccioline per rifornire la stessa - .

Ma non solo Agroalimentare:

buoni prodotti scaturiscono anche dal birrificio FAM di Santarcangelo con i suoi marchi - Lucana bionda/rossa doppio malto,blanche ecc - e dal " Drive Beer" Morena di Baragiano con i marchi - Lucana bionda,riserva,bio ecc - .

Pertanto un mondo,quello della birra in Basilicata, in pieno fermento,e a cui auguriamo un pieno sviluppo stabile e duraturo.

   

luciano gentile

foto fonte facebook

Il 2 settembre a Matera si terrà il Gran Galà Europeo della Magia.

 

Il 2 settembre 2016, nello splendido scenario di Matera, è in programma il “Gran Galà europeo della magia” (Matera è Fiera - piazza della Visitazione - ore 22.00), un evento magico che riunirà nella nostra regione prestigiatori di fama internazionale. Imperdibile per grandi e piccini, l’iniziativa è dell’associazione culturale “I Giardini delle Illusioni” che, grazie alla sapiente guida del Mago Marco Pacella, ormai da anni organizza spettacoli e laboratori di magia, anche nelle scuole, con l’obiettivo di sensibilizzare gli spettatori ai temi ambientali e della promozione turistica.

A condurre l’evento sarà Walter Rolfo, che insieme a Gerry Scotti, ha presentato il programma televisivo “Masters of Magic” in onda su Canale 5, le cui riprese sono state registrate durante il FISM (campionato mondiale di magia) tenutosi a Rimini nel luglio 2015.

Tanti gli artisti internazionali che si esibiranno sul prestigioso palcoscenico materano, tra questi Brando e Silvana, maghi professionisti dal 1987, provenienti dall’Argentina, che miscelano diverse discipline artistiche (teatro, mimo, giocoleria e magia);
Samuel Barletti, brasiliano, uno dei massimi esponenti mondiali dell’arte della ventriloquia e vincitore della quinta edizione del talent show “Italia’s Got Talent”;
Ottavio Belli, direttore artistico del “Merano magic Festival” , maestro in manipolazione e grandi illusioni e finalista della seconda edizione di “Tù Sì Que Vales”;
Oscar Strizzi, che condurrà grandi e piccoli nel mondo della “Sand Art”, ovvero l’arte di creare con la sabbia storie animate;
Martin, che si esibirà con il suo celebre spettacolo che ha girato il mondo sulle navi da crociera più prestigiose.

Durante la giornata, a partire dalle ore 17.00, numerosi artisti animeranno il pomeriggio degli ospiti di “Matera è Fiera” esibendosi in spettacolari performance di street magic.

Uno spettacolo che si preannuncia unico e coinvolgente, capace di abbracciare le diverse branche della magia: dalla manipolazione al mentalismo, dalla magia comica alle grandi illusioni e al trasformismo, per venire incontro ai gusti di tutti gli appassionati.

 

Comunicato stampa

Matera è Fiera

La Capitale Europea della Cultura si prepara a ospitare l'evento fieristico "Matera è Fiera", giunto ormai alla sua VII edizione si svolgerà dal 31 agosto al 4 settembre 2016, in Piazza della Visitazione nella città dei sassi.
La manifestazione sarà caratterizzata da una variegata offerta espositiva, dalla presenza di diversi servizi sempre più idonei alle esigenze imprenditoriali attuali. La crescita e lo sviluppo delle aziende è da sempre mission dell'evento fieristico, occasione unica per accrescere la voglia di confrontarsi e conoscere i nuovi competitors. "Matera è Fiera 2016” ha assunto un respiro nazionale grazie alla presenza di espositori provenienti dalla Puglia, Campania, Calabria, Sicilia, Lombardia, Lazio, Friuli e naturalmente dalla Basilicata. Per la prima volta la manifestazione ospiterà un'azienda tedesca, segno di apertura sull’Europa e novità assoluta. Un altro motivo per non perdere assolutamente questo momento è la presentazione delle eccellenze della zootecnia lucana. Grazie alla preziosa quanto imprescindibile collaborazione con l'ARA (Associazione Regionale degli Allevatori), saranno presentate le razze autoctone del territorio, che identificano le eccellenze del settore zootecnico nonché volano di crescita, promozione e sviluppo di un comparto destinato a ricoprire un ruolo primario e strategico per l'economia della regione.  Nell'area adiacente Piazza della Visitazione saranno allocati, in appositi box, bovini, ovini, suini, caprini ed equini rappresentanti le eccellenze del settore e, nel contempo, gli allevatori proporranno momenti didattici per illustrare le peculiarità di ogni razza, l'utilizzo di e la commercializzazione dei prodotti”. Ovviamente, come da tradizione, non mancheranno numerosi spettacoli, che allieteranno le serate. "Matera è Fiera” potrà vantare la finale regionale delle selezioni per Miss Europa 2016 che si svolgerà nella giornata inaugurale di mercoledì 31 agosto. Durante le serate il pubblico potrà ascoltare artisti di fama internazionale e nella serata finale applaudire cantare e ballare lo spettacolare gruppo nazionale dei “Sud Sound System."

Sottoscrivi questo feed RSS

Chi è online

Abbiamo 168 visitatori e nessun utente online

La Pretoria Social

Ora esatta

Cerca...

Che tempo fa?!

Potenza

Calendario Articoli

« Agosto 2016 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Area Riservata

fb iconLog in with Facebook