Log in
A+ A A-
Tenport1
Angela Rondanini

Angela Rondanini

URL del sito web:

E' STATO RITROVATO SENZA VITA DIEGO CAMPIGLIA IL 35ENNE SCOMPARSO IERI DA SALA CONSILINA (SA)

E' stato ritrovato privo di vita nel crepaccio sotto il ponte Valiterno sulla Strada Provinciale  11 del Corticato Diego Campiglia il 35enne scomparso nella serata di ieri dopo un incidente stradale di lieve entità tra sua auto una Peugeot ed una Alfa Romeo Giulietta. Subito dopo l'incidente Diego Campiglia si era dileguato nei boschi facendo perdere le sue tracce. Come descritto dall'altro automobilista sembra fosse in uno stato confusionale tant'è che il conducente dell'altra autovettura ha fatto appena in tempo a chiamare i Carabinieri dopodichè lo ha visto sparire tra la boscaglia. Le ricerche sono subito scattare e condotte dai Carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania  in collaborazione con i Vigili del Fuoco del distaccamento di Sala Consilina e del Nucleo SAF (Soccorso Alpino Fluviale) di Salerno e dei volontari della protezione Civile di Sacco e Laurino.

Le ricerche sono cominciate subito dopo l’incidente e sono proseguite fino alle 4 del mattino, i volontari della Protezione Civile  di Laurino si sono poi fermati per qualche ora e questa mattina appena hanno ripreso a battere la zona hanno fatto la triste scoperta. Una vera e propria tragedia che ha sconvolto la comunità di Sala Consilina,Diego Campiglia era un giovane padre, lascia due bambine piccole e la moglie.

 

Angela Rondanini

EX VIGILE URBANO POTENTINO UCCIDE IL FIGLIO 37ENNE E POI SI TOGLIE LA VITA

Omicidio- suicidio nella mattinata di oggi a Potenza Una tragedia familiare .  Un ex vigile urbano Giovanni Tramutola  di 66 anni alle 06.30 di questa mattina ha ucciso il figlio 37enne Giuseppe e poi si tolto la vita con la stessa arma sembra dopo una lite furibonda , i due risiedevano in una villetta a Chianchetta al Rione Betlemme nei pressi del carcere potentino . Il corpo di Giuseppe è stato ritrovato in una "Fiat Punto"nel cortile della villetta mentre il padre si è sparato davanti l'abitazione ed  è morto durante il  trasporto in ospedale . A dare l'allarme un altro figlio che al rumore degli spari ha subito chiamato il 113.

Incredulità e disperazione  da parte dei familiari e amici che subito dopo la notizia si sono ritrovati davanti la villetta. Sui motivi sono ancora in corso le indagini. Sul posto sono giunti due magistrati, il Procuratore aggiunto Francesco Basentini e la p.m.Anna Gloria Piccininni per coordinare le indagini condotte dalla Polizia. La scientifica sta effettuando rilievi sull'automobile , mentre gli investigatori stanno interrogando i familiari ed amici per verificare se nell'ultimo periodo vi siano stati litigi tra padre e figlio.

 

Angela Rondanini

GIORNALISMO LUCANO IN LUTTO: ADDIO A ROCCO BRANCATI

Si è spento questa mattina all'età di 68 anni  Rocco Brancati giornalista, antropologo, professore, uomo di cultura.

Giornalista pubblicista dal 1973 e professionista dal 1979, è stato in questi anni il principale divulgatore della cultura della Tgr Basilicata  Con i suoi servizi ha raccontato la Basilicata dei Premi letterari e delle tante pagine di storia importanti quanto sconosciute al grande pubblico.

Si è occupato prevalentemente di cultura, prima come redattore del quotidiano Il Mattino di Napoli  e successivamente alla Rai. Dal 1999 è stato vice caporedattore vicario della TGR, la Testata Giornalistica Regionale, della sede della Basilicata. E' stato docente dell'Università della Basilicata a contratto di Teorie e Tecniche del Linguaggio Radiotelevisivo del corso di Laurea in Scienze della Comunicazione. Ha presieduto per tanti anni la "Commissione premi UNPLI Basilicata"

Autore di numerose pubblicazioni, Rocco Brancati, a conferma del suo multiforme impegno nel mondo della cultura, è stato componente della Deputazione di Storia Patria per la Lucania, membro della giuria di saggistica del Premio Letterario Basilicata, cittadino onorario di Tursi e di Aliano, presidente onorario del circolo culturale “Il Portale” di Pignola, direttore responsabile del Bollettino storico della Basilicata, presidente del circolo Unesco del Vulture.La camera ardente sarà allestita a Potenza, dalle ore 16.00 presso l’Associazione della Stampa di via Mazzini 23. I funerali si celebreranno domani mattina a Potenza, nella chiesa di San Giovanni Bosco alle ore 10,30.

 Alla famiglia del giornalista vanno le sincere condoglianze della nostra Redazione.

 

Angela Rondanini

TEATRO DUNI DI MATERA- LA REGIONE BASILICATA DICE "SI" ALLA RISTRUTTURAZIONE

"Il Teatro Duni deve tornare alla città ed essere cuore pulsante della sua attività culturale, ponendo fine ad un'annosa vicenda. E' per questa ragione che mi dico disponibile a supportare il percorso in campo e a rintracciare le risorse economiche necessarie affinché, dopo che il comune avrà concluso la procedura di acquisto, che chiedo sia veloce, venga reso funzionante attraverso un progetto di ristrutturazione. 
Non si può vivere di continui rinvii né di situazioni perennemente irrisolte, pertanto la Regione è pronta a fare la sua parte. Ho chiesto agli uffici di fare le opportune verifiche e, a valle di esse, proporrò un emendamento nella prossima finanziaria da sottoporre al Consiglio regionale. Mi sembra una giusta risposta per Matera, i suoi cittadini e gli operatori culturali". La mia risposta è “SI” è quanto ha dichiarato il Presidente della regione Basilicata Marcello Pittella, dopo la pubblicazione sulla pagina di Facebook.

A questa dichiarazione  segue una nota diramata dall’ufficio stampa della Fondazione 2019 che riporta la soddisfazione del neo presidente Adduce.

 “ Sono molto soddisfatto della decisione del presidente della Regione, Marcello Pittella, di mettere a disposizione risorse per la qualificazione del cineteatro Duni” Ora occorre reperire i finanziamenti necessari all’acquisto dell’immobile” aggiunge Adduce “per ridare finalmente alla citta quello straordinario contenitore, patrimonio architettonico e fondamentale luogo di produzione e distribuzione culturale. Non sappiamo,al momento, se il teatro sarà pronto per il 2019, quando Matera sarà capitale europea della cultura. Comunque è importante chiudere nel più breve tempo possibile l’accordo con i proprietari e avviare i lavori ridando lustro e vitalità a questo immobile in modo che sia inserito fra l eredità che il 2019 lascerà alla comunità materana e lucana. Alla Luce dell’impegno messo in campo dalla Regione Basilicata ho immediatamente sentito il sindaco di Matera, raffaello De Ruggieri, per concordare subito una soluzione compatibile con le disponibilità finanziarie del Comune”

 

 intervento di Saverio Vizziello, Direttore del Conservatorio Duni di Matera

Le dichiarazioni del Sindaco Raffaello De Ruggieri e del Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella sulla risoluzione del problema “Teatro” della città Capitale Europea della Cultura per il 2019, rappresentano il punto di svolta per una delle problematiche più annose per il nostro settore,quello dello  spettacolo dal vivo
Il recupero del Teatro Duni di Matera, meravigliosa opera di Ettore Stella e patrimonio della città, ristrutturato ed adeguato acusticamente alla concertistica, prosa e lirica e con una buona capienza sarebbe la migliore soluzione per noi operatori dell’arte e della musica, sostenuti anche dalla legge regionale n. 37/2014 dello spettacolo che ha ridato finalmente dignità ed occupazione al settore.

In qualità di Direttore del Conservatorio Duni di Matera e di operatore musicale, sicuro di rappresentare l’intera comunità artistica materana e regionale, auspico che il sogno “Teatro” a Matera diventi realtà.

 Consorzio Teatri Uniti di Basilicata soddisfatto per decisione Pittella

“Con estrema soddisfazione apprendiamo dalla dichiarazione del Presidente Marcello Pittella, che personalmente porrà fine all’annosa vicenda del Teatro Duni di Matera”.
Il presidente del consorzio Teatri Uniti di Basilicata Dino Quaratino e la vicepresidente Francesca Lisbona, residente nella Città dei Sassi, plaudono all’impegno dimostrato da Pittella, che a prescindere dalla candidatura a Capitale europea della culturale, ha dimostrato concretezza verso il mondo della cultura, con l’approvazione della Legge sullo spettacolo. “Ci auguriamo che al più presto il Teatro Duni torni ad essere il cuore della cultura e dell’identità per l’intera Regione e torni a splendere nel suo valore architettonico”

 

Angela Rondanini

 

 

"CINEMA CHE ARTE" DAI MAESTRI DEL MANIFESTO A MIMMO ROTONDELLA- MUSEO PROVINCIALE DI POTENZA

Il Museo Archeologico Provinciale di Potenza ospiterà dal 13 aprile al 26 maggio la mostra “Cinema che Arte! Dai maestri del manifesto a Mimmo Rotella” a cura di Sergio Buoncristiano e Fiorella Fiore, realizzata con il supporto della Lucana Film Commission, il patrocinio della Provincia di Potenza ed in collaborazione con la Cineteca Lucana di Oppido Lucano (PZ), la Galleria Opera Arte e Arti di Matera e il Museo Cinema a pennello di Montecosaro (MC). 
La rassegna vuole illustrare le relazioni proficue e articolate tra cinema e pittura all’insegna di uno scambio reciproco di specificità e suggestioni che si sostanzia in una contaminazione tra ambiti culturali paralleli e, in qualche caso, complementari. Il percorso espositivo analizza, da un lato, l’evoluzione del manifesto cinematografico nel corso di quasi un secolo, evidenziando le connessioni pittoriche che si intersecano tra bozzetto e manifesto stampato; dall’altro, mostrare come quest’ultimo abbia influenzato molti artisti contemporanei. Le opere esposte nelle tre sezioni della rassegna sono oltre novanta di cui quaranta tra dipinti, décollages, e tecniche miste, e circa 50 tra manifesti e locandine d’epoca. La prima sezione si apre con una serie di manifesti originali dell’epoca del muto, come la Salomè di Cândido Aragonez de Faria del 1910, per poi sviluppare la relazione tra lavoro preparatorio e locandina stampata con un’ampia selezione di bozzetti originali realizzati da grandi maestri del “cinema disegnato” quali Anselmo Ballester, Ercole Brini, Silvano (Nano) Campeggi, Renato Casaro, Umberto Golino, Ermanno Iaia, Otello Mauro Innocenti (Maro), i fratelli Giuliano e Lorenzo Nistri, Arnaldo Putzu, Alessandro Simeoni; in mostra si possono ammirare, solo per citarne alcuni, i bozzetti di film celeberrimi quali Il Gattopardo, Colazione da Tiffany, Ombre rosse, Quarto potere, Il Padrino, Ben-Hur. Queste opere hanno ispirato la poetica di molti artisti della seconda metà del XX secolo e contemporanei, protagonisti della seconda sezione della mostra, che contiene quattro décollages di Mimmo Rotella (di cui si festeggia il centenario della nascita, che questa mostra intende celebrare) e numerosi lavori di artisti contemporanei di caratura internazionale quali l’ungherese Màrta Czene, l’argentino Alejandro Pereyra e l’italiano Andrea Gualandri. L’ultima sezione della mostra, infine, è dedicata alla Basilicata, attraverso l’esposizione di molte delle locandine degli oltre 50 film girati in Lucania: un omaggio a quella che si sta affermando, sempre di più, terra di cinema, grazie alla bellezza quasi unica del suo territorio. Come scrive in catalogo il Direttore della Lucana Film Commission Paride Leporace: “Ora ci ritroviamo a Potenza a ricordare che la Basilicata è una consolidata terra di cinema che vuole continuare a creare immagini per permettere alle nuove generazioni un presente nell’industria culturale che si sta sviluppando nelle stesse terre dell’antica civiltà contadina. Oltre a divertirci e a curare l’anima creativa, questa bella mostra è utile anche per questo.”
La mostra, organizzata e allestita dalla Rebis Arte, resterà aperta nei seguenti orari: martedì 8-13, dal mercoledì al sabato 8-13 e 16-19. Chiuso domenica e lunedì. Per informazioni: 0971 444833; museo.provinciale@provinciapotenza.it . 
Ingresso libero.

Partner: BCC Basilicata, Centro medico KOS - Potenza

(Comunicato Stampa)

GIORNATA MONDIALE DELLA CONSAPEVOLEZZA DELL'AUTISMO - 2018

 il Castello di manovra della sede del comando provinciale di Potenza dei Vigili del fuoco si illuminerà di blu. Il corpo dei Vigili del fuoco ha infatti aderito alla Giornata mondiale della consapevolezza dell'autismo. Per l'intera notte del 2 aprile, a partire dalle 20, si illuminerà di blu per sensibilizzare la società sui problemi legati all'autismo, per contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone con sindrome delle spettro autistico e delle loro famiglie,per sostenere la ricerca scientifica al fine di individuare sempre più precocemente l’autismo e di scoprire nuovi interventi per curarlo.

A farlo sapere è l'associazione nazionale Genitori soggetti autistici onlus di Basilicata. "Il blu  - spiega la presidente dell'Angsa Basilicata Giuliana Lordi - è il colore simbolo di questa giornata, in cui si vuole sensibilizzare la società tutta al tema ancora troppo sconosciuto dell'autismo. Molto è stato fatto, ma ancora lento è il cambio culturale che deve avvenire nella sanità, nelle politiche sociali e nella scuola, che non riescono a dare risposte dignitose ai tanti soggetti affetti da questo disturbo".

Il corpo dei Vigili del fuoco è "da tempo in prima linea sui temi della sicurezza delle persone disabili".

Oggi sappiamo che l’origine dell’autismo è genetica e che all’insorgenza del disturbo, come emerso da molteplici studi, contribuiscono anche fattori ambientali e l’esposizione ad agenti inquinanti durante la gravidanza. Altri elementi di rischio sono l’età avanzata dei genitori (in particolare, del papà), il basso peso alla nascita o la forte prematurità del feto.

Si stima che nel mondo un bambino ogni 100 – negli Stati Uniti 1 ogni 68 – sia interessato da un disturbo dello spettro autistico e il fenomeno è in crescita. Sebbene gli studi in corso siano molti e riguardino sia le possibili terapie sia la diagnosi precoce del disturbo, a oggi non esiste ancora una cura che consenta di guarire dall’autismo e l'assenza di cure specifiche rende ancora più fondamentale la diagnosi precoce per riuscire ad intervenire sui bambini prima che i sintomi diventino gravi e permanenti

. Le terapie più efficaci tuttora in uso sono di tipo comportamentale, come il parent training, in grado di migliorare significativamente la sintomatologia e la qualità di vita del bambino e della famiglia. Il termine parent training identifica due tipologie distinte di intervento: il sostegno genitoriale e la terapia mediata dai genitori. Nel primo caso, il bambino non partecipa agli incontri tra genitori e terapeuta, poiché orientati al sostegno emotivo dei genitori e al trasferimento di informazioni utili. Nel secondo caso, gli incontri coinvolgono l’intero nucleo familiare. Tra i centri di riferimento a livello nazionale per questo tipo di terapia vi è l'Ospedale Bambin Gesù di Roma dove si effettua una “terapia cooperativa mediata dai genitori” che si rivolge, infatti, a tutto il nucleo familiare e coinvolge il bambino a partire dall’età prescolare. Il percorso dura 6 mesi: si inizia con una seduta e settimana e si conclude con incontri a cadenza mensile. Il trattamento consente di costruire, in un arco limitato di tempo, un’interazione tra genitori e figlio, favorendo lo sviluppo delle competenze sociali e comunicative nel bambino, aumentando il senso di autoefficacia dei genitori e riducendo lo stress. 

Ma questa giornata cade fatalmente il lunedì dell'Angelo già impegnato dalla tradizione  per gite fuori porta, scampagnate, merende all’aperto. E’ un segno fatale da interpretare perchè le tradizionali ritualità a cui eravamo abituati per la giornata degli autistici dovranno necessariamente essere ripensate.Chi si occuperà di accendere le luci azzurrine davanti su Montecitorio il giorno di Pasqua quando tutti saranno appena rincasati da S. Pietro dal dopo messa con il Papa  e  con ancora le costolette d’agnello da digerire?

Possiamo dire finalmente che oggi anche per le persone con autismo il diritto ad una vera presa in carico e ad una vera integrazione sociale è stato raggiunto? NO!

 

Angela Rondanini

MALTRATTAVANO DISABILI - 8 ARRESTI A VENOSA (POTENZA)

A Venosa (Potenza )per maltrattamenti a disabili sono 15 le persone indagate (tra cui 8 agli arresti domiciliari , 5 divieti di dimora e due interdizioni dalla professione medica) eseguite dai carabinieri del Nas nell’inchiesta “Riabilitazione invisibile” I fatti sarebbero avvenuti nella struttura riabilitativa dei Padri Trinitari che ospitava tutte le persone con disabilità.

 Calci, pugni, schiaffi e "trascinamenti a terra" per essere trasferiti dal corridoio alle stanze: è "l'inaccettabile e penoso sistema di vita quotidiano" che hanno dovuto subire alcuni ospiti di una struttura riabilitativa , interrotto stamani dai Carabinieri del Nas.

 Maltrattamenti "ripetuti" e "violenti" sugli ospiti, tutte persone con disabilità, avvenivano all'interno di una struttura per la riabilitazione gestita dai Padri Trinitari.

Tutto  è partito dalla denuncia della madre di un paziente che più volte aveva notato sul corpo del figlio ematomi e graffi. La  donna si era rivolta al personale dell’istituto di riabilitazione, ricevendo in risposta «sempre spiegazioni evasive e di comodo»

Per altri ricoverati viene contestata l'assenza di attività ludiche, ricreative e riabilitative, con completo disinteresse del personale dipendente.

 Inoltre dall'esame di 22 cartelle cliniche e diari medici, sottoposti a sequestro, si è riscontrato che gli unici duemedici presenti avevano omesso di registrare negli anni l'invio al pronto soccorso di alcuni pazienti per ferite lacero-contuse e traumi cranici.

 I reati contestati a vario titolo sono concorso in maltrattamenti e falsità ideologica ed omissione di atti d'ufficio.

  Le indagini cominciate nel novembre 2016 e andate avanti per diversi mesi sono state condotte anche con intercettazioni audio-video e telefoniche nonché con attività tradizionali quali ispezioni, riscontri testimoniali ed acquisizione di documentazione sanitaria.

 I dettagli dell’operazione sono stati forniti stamani in una conferenza stampa negli uffici della Procura della Repubblica alla quale hanno partecipato il Procuratore capo facente funzioni, Francesco Basentini, il pm Vincenzo Lanni, il comandante del Nas di Napoli, tenente colonnello Vincenzo Maresca, e il comandante del Nas di Potenza, capitano Carmelo Marra.

 

Angela Rondanini

LA BASILICATA PRESENTE ALLA BMT (BORSA MEDITERRANEA DEL TURISMO)

La Basilicata è presente all'edizione 2018 della Bmt, la "Borsa mediterranea del turismo" in programma a Napoli iniziata venerdi  e che si concludera’il 25 marzo: a curare la partecipazione è l'Agenzia di promozione territoriale (Apt) "che anche in questa ventiduesima edizione espone alla Mostra d'Oltremare a Fuorigrotta l'offerta turistica" lucana.

  La vetrina partenopea -  - rappresenta "un ulteriore appuntamento per l'Apt che prosegue il suo percorso di promozione finalizzato a legare la Capitale europea della Cultura 2019 all'intero territorio della Basilicata ed alla sua articolata potenzialità. In questa ottica, il periodo in cui si svolge la Bmt è l'ideale per lanciare prodotti particolarmente affini all'identità territoriale di una regione che può puntare in maniera decisa su outdoor, ambiente, borghi, enogastronomia di qualità, sport e natura

Un’offerta che di anno in anno si arricchisce di nuove attrazioni, come nel caso del “Ponte alla Luna” a Sasso di Castalda, nel Parco nazionale dell’Appennino Lucano, sistema di ponti tibetani che sarà inaugurato nelle prossime settimane. Attenzione rilevante, inoltre, è rivolta alla promozione dei borghi lucani, in linea con le strategie del Mibact per il 2017, con la consapevolezza che la Basilicata dispone di una straordinaria offerta di piccoli e piccolissimi borghi che ne costituiscono una ricchezza unica. Non mancheranno i prodotti turistici di forza, dal balneare all’enogastronomia e, ovviamente, Matera, che rappresenta il principale biglietto da visita della nostra regione.

Infine, oltre agli operatori del settore, l’Agenzia di Promozione Territoriale ospiterà presso il proprio stand gli studenti dell’Istituto per le Scienze Umane “Gianturco” di Potenza, per una esperienza di formazione e lavoro. «Intendiamo cogliere anche l’occasione della Bmt di Napoli – spiega il direttore generale dell’Apt, Mariano Schiavone – per continuare il percorso di formazione e sensibilizzazione che abbiamo avviato con le scuole lucane. Un percorso che vuole offrire l’opportunità ai giovani studenti di osservare da vicino il mondo dell’impresa turistica, che rappresenta un mercato in forte crescita, e di cogliere le potenzialità che questo settore può offrire in termini anche di collocazione professionale».

 

Angela Rondanini

LA POLIZIA PRESENTA AGLI STUDENTI DELL'EINSTEIN-DE LORENZO "YOU POL" UN' APP PER SCONFIGGERE INSIEME BULLISMO E DROGA

Una interessante e meritevole iniziativa quella della Polizia di Stato che manifesta, attraverso i canali tecnologici dei millennials, la sua vicinanza e “protezione” verso gli ultimi e indifesi: l’attivazione di un’app – YOU POL - da scaricare sul cellulare per inviare alla sala operativa della Questura una foto e/o un messaggio che segnali casi di bullismo o di spaccio di droghe.

A presentare l’App You Pol ai giovani dell’Einstein-De Lorenzo, in entrambe le sedi –di via Sicilia e via Danzi nella mattinata di venerdì 16 marzo u.s. -, è stato il Commissario capo Marcello Rizzuti. Un incontro apprezzato dagli studenti che hanno fatto domane e hanno espresso ammirazione per l’iniziativa della Polizia di Stato.

Attraverso un video il Commissario Rizzuti ha spiegato le caratteristiche, le potenzialità e la modalità d’uso dell’applicazione. Una volta scaricato l’app sul proprio cellulare, lo studente (ma anche l’adulto) può denunciare –anche in forma anonima- bulli e spacciatori (anche se si trova in un’altra città). In questo modo diventa cittadino protagonista collaboratore insieme alla Polizia del “benessere” e della sicurezza della propria comunità. “Mettetevi dalla parte dei più deboli”, è stato questo il monito più volte ripetuto dal Commissario ai giovani allievi. L’invito a “non nascondersi” e a recuperare il vero senso di una comunità democratica è venuto anche dal Dirigente scolastico, Domenico Gravante che insieme alla docente Funzione strumentale alunni, Anna Grignetti (che ha organizzato e coordinato gli incontri), ha voluto questo appuntamento in-formativo per tutti i rappresentanti di classe dell’Istituto.

L’app YOU POL, inaugurata ufficialmente lo scorso 8 marzo in tutti i capoluoghi italiani ha avuto la sua prima sperimentazione nel mese di novembre 2017 a Catania, Roma, Milano.

 

Potenza, 16 marzo 2018

Addetto Stampa

Prof.ssa Maria De Carlo

SANT'ANGELO LE FRATTE SI ARRICCHISCE DI NUOVI MURALES

  Sant'Angelo Le Fratte (Potenza) il comune conosciuto per le cantine incastonate tra le rocce e gli straordinari dipinti che dal 1988 rendono unico il borgo si arricchisce di due  nuovi murales insieme a Savoia di Lucania fa parte della “ Valle più dipinta d’Italia” - spiega in un comunicato il maestro Luciano La Torre, direttore artistico del progetto e realizzatore dal 1988 di molti di questi dipinti murali - la fama della Valle del Melandro e l'operato degli artisti che da 30 anni si sono avvicendati".

    Le prima nuova opera, di circa 200 metri quadrati, è stata realizzata dallo stesso maestro La Torre. "Dedicata a 'Rue dei fiori' (nome storico del largo che ospita il comparto architettonico interamente interessato dal dipinto murale) l'opera evoca un'atmosfera primaverile e leggera, variopinta, con grandi figure coronate da una moltitudine di fiori in spazi puliti".
    La seconda opera è di circa 50 metri quadrati ed è stata realizzata dall'artista Sante Muro che "continua il racconto visivo della tradizione già in essere nel luogo sul tema del vino e delle cantine

Il  patrimonio muralistico della valle del Melandro supera le 400 opere e “rappresenta un modello unico e originale di rivitalizzazione e modernizzazione dell’arredo cittadino, intrecciandosi con la tradizione e con la storia di questi luoghi, ricchi di cultura e di tradizioni. Un’operazione resa possibile attraverso il recupero visivo della storia, della religiosità, delle leggende, della cultura popolare”.

 

Angela Rondanini

Sottoscrivi questo feed RSS

Meteo

Mostly Clear

2°C

Potenza

Mostly Clear

Humidity: 60%

Wind: 25.75 km/h

Ultime

Calendario Articoli

« Marzo 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Area Riservata