Log in
A+ A A-
Antonio Corbo

Antonio Corbo

URL del sito web:

NELLA VALLE DEL SISMA...DEL PROF. DONATO VERRASTRO

POTENZA. -«È tutt.o da Potenza» Con questa espressione si chiudevano lapidariamente molte delle corrispondenze di don Gerardo Messina per Radio Vaticana nei mesi successivi al terremoto del 23 novembre 1980 e oggi pubblicate, a cura del prof. Donato Verrastro, docente di Storia contemporanea dell’Università degli Studi della Basilicata, per le edizioni Stes, a quarant’anni dal disastroso sisma che colpì l’Irpinia e la Basilicata.

Il volume è il risultato di uno sforzo collettivo compiuto dal gruppo di lavoro del Centro di geomorfologia integrata per l’area del Mediterraneo (Cgiam) di Potenza, presso cui afferisce, come sezione, il Centro studi internazionali “Emilio Colombo”.

Don Gerardo Messina, sacerdote, storico e giornalista lucano, un paio d’anni prima della sua morte, avvenuta a Potenza nel febbraio del 2017, affidò al prof. Verrastro il dattiloscritto delle corrispondenze, confidando nella possibilità di farne un’edizione curata a quattro mani; il rapido capitolare degli eventi, però, soprattutto a causa delle sue precarie condizioni di salute, impedì che il lavoro fosse portato a termine.

Oggi, il bel volume Il volume che vede la luce a tre anni dalla sua scomparsa, presenta un’apertura affidata a una lirica e densa pagina redatta il 30 dicembre 1980, preambolo delle trenta corrispondenze che seguono e che coprono un arco temporale che va dal 29 novembre 1980 al 24 novembre 1981; si tratta per lo più di resoconti brevi ma esaustivi, talvolta lapidari, che restituiscono il clima concitato di quei giorni e che mettono in luce tutta l’abilità comunicativa di don Gerardo Messina il quale, tra le numerose attività, annoverava anche quella di giornalista.

Il valore insito in una radiocronaca è proprio quello di riuscire a raccontare i contesti, gli scenari osservati che, proprio per la limitazione del campo visivo, costringono il cronista a descrivere anche emotivamente ciò che lo circonda; da questa prospettiva, uno dei tratti più interessanti delle cronache di don Gerardo Messina, vista anche la particolare tipologia di fonte che oggi viene resa disponibile, è costituito dal tratto “religioso” che fende la fredda narrazione storica, offrendo al lettore la dimensione intima di una sacralità fortemente presente nelle corrispondenze.

Il 1980, dalla lettura delle cronache di don Gerardo, si conferma data periodizzante per chi ha vissuto quell’esperienza: nei testi è sempre presente lo sguardo sul futuro che, sul piano della percezione collettiva, strappa via il tempo passato attraverso una faglia temporale simile a quella che si apre plasticamente nel terreno, per inaugurare, da quel momento in poi, un tempo nuovo. Se nulla sarà più come prima, il tempo del futuro si traduce in pianificazione, mentre nel vissuto di ciascuno si produce una cesura nel complesso impianto della memoria fra un prima e un dopo-terremoto, laddove il tentativo di orientare all’indietro i propri ricordi comporta la necessità di leggere nel sisma del 1980 il momento rispetto al quale riavvolgere il proprio passato in un nuovo ordine di senso, come per ricollocare temporalmente fatti e vicende in una vecchia o in una nuova vita.

Si trattò, come documentato nei testi di Messina e come riportato dalla stampa dell’epoca, anche di un’operazione di solidarietà internazionale, laddove numerose furono le organizzazioni, confessionali e laiche, che si riversarono nelle aree del cratere per prestare la propria opera di supporto nel primo soccorso e nella ricostruzione.

Una bella occasione, dunque, per fare memoria di un anniversario traumatico per le genti lucane ma anche per riscoprire la cifra più autentica di un sacerdote intenso e di un intellettuale autorevole.

Associazione Insegnanti di Lingue Straniere – Sezione di Basilicata Rinnovo delle cariche triennali per la Presidenza ed il Direttivo

L’attività dell’Associazione Nazionale degli Insegnanti di Lingue Straniere (ANILS) rinnova la sua presenza in Basilicata con l’elezione delle cariche per il nuovo direttivo e per la presidenza del triennio 2020/2023. A seguito dell’assemblea dei soci online indetta sabato 12 dicembre 2020, è risultata eletta la professoressa Matilde Misseri, già presidente ANILS Basilicata nel triennio precedente ed ora riconfermata. Anche il direttivo neo eletto vanta di risorse di spicco, appartenenti ai diversi settori della scuola di Basilicata: la dott.ssa Debora Infante, dirigente dell’Ambito Territoriale di Potenza, i professori: Sabia Valentina, Salvia Serena Corbo Antonio e Bianco Laura.  Nominati anche i referenti linguistici territoriali responsabili: per la lingua francese i professori Luisa Vivolo e Giuseppe Martoccia, per la lingua spagnola la dott.ssa Valentina Barile, per la lingua tedesca la prof.ssa Antonietta Tammone, per la lingua latina la prof.ssa Antonia Camardese, per la lingua cinese la dott.ssa Miriana Piccirillo, lingua italiana per stranieri la prof.ssa Valentina Sabia. Docenti e dirigenti uniti nel comune intento di creare momenti di formazione e sviluppo professionale per docenti e studenti di Basilicata che studino e  lavorino con le lingue straniere. Tra i fini dell’ANILS c’è infatti incrementare e migliorare l’insegnamento delle Lingue moderne nelle scuole e istituti di ogni ordine e grado e nelle Facoltà Universitarie, diffondere lo studio e la conoscenza delle Lingue moderne in Italia senza preclusioni e nel pieno rispetto del plurilinguismo. L’ANILS inoltra mira a studiare, in una visione globale delle problematiche della scuola, gli aspetti connessi con la professione di insegnante di Lingue straniere, nonché a promuovere la costituzione di cattedre di Lingue straniere, potenziando, nello stesso tempo, quelle esistenti ed assicurando il pluralismo linguistico nella prospettiva dell’Unione Europea. L’ANILS è sicuramente una delle associazioni di categoria più antiche, poiché ha mosso i primi passi nel dopoguerra (nata nel 1947, ha tenuto il primo congresso nel 1949), quando le lingue non erano ancora ritenute rilevanti nell’insegnamento come oggi e si è impegnata in battaglie che solo in tempi recenti hanno portato a risultati concreti. Nei primi anni ’70 l’ANILS si batte per l’introduzione della lingua straniera in tutte le classi di tutte le scuole secondarie, di primo e di secondo grado, nonché per la creazione del ruolo dei professori di lingue, prima solo “transitorio”; inoltre inizia la campagna di sensibilizzazione dell’Amministrazione e dell’opinione pubblica alla necessità di introdurre la lingua straniera in tutti i settori della scuola italiana. Grazie all’attività di ANILS Basilicata, nello scorso triennio, si sono promosse iniziative atte a migliorare la preparazione degli insegnanti sia sul piano culturale sia su quello pedagogico e metodologico – didattico, attraverso propri Centri di studio e di ricerca e collaborando con altre Associazioni o Centri di studio presenti sul territorio. ANILS Basilicata ha istituito per tre anni la sessione d’esame a Potenza per il conseguimento della Certificazione di Italiano come Lingua Seconda (CEDILS) in collaborazione con l’Università Cà Foscari di Venezia, permettendo a molti docenti e neo laureati di certificarsi ed ottenere il titolo di insegnamento. Non ultimo ANILS Basilicata ha proposto mezzi idonei a perfezionare l’insegnamento delle lingue moderne per docenti e neo laureati, con percorsi di Job Shadowing all’estero e con attività di partecipazione attiva nell’insegnamento in college inglesi per brevi periodi.  Molteplici, dunque, le attività passate e ricca di eventi sarà la pianificazione futura. Per restare in contatto con l’associazione è possibile consultare il sito www.anils.it o contattare la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Non resta che augurare un buon lavoro alla presidente eletta professoressa Matilde Misseri ed al suo staff per le attività di formazione in programma.

 

Associazione Insegnanti di Lingue Straniere – Sezione di Basilicata Rinnovo delle cariche triennali per la Presidenza ed il Direttivo

L’attività dell’Associazione Nazionale degli Insegnanti di Lingue Straniere (ANILS) rinnova la sua presenza in Basilicata con l’elezione delle cariche per il nuovo direttivo e per la presidenza del triennio 2020/2023. A seguito dell’assemblea dei soci online indetta sabato 12 dicembre 2020, è risultata eletta la professoressa Matilde Misseri, già presidente ANILS Basilicata nel triennio precedente ed ora riconfermata. Anche il direttivo neo eletto vanta di risorse di spicco, appartenenti ai diversi settori della scuola di Basilicata: la dott.ssa Debora Infante, i professori: Sabia Valentina, Salvia Serena, Corbo Antonio e Bianco Laura.  Nominati anche la Vicepresidente Ione Garramone, la Segretaria di Sezione Serena Tortoriello, e i referenti linguistici territoriali responsabili: per la lingua francese i professori Luisa Vivolo e Giuseppe Martoccia, per la lingua spagnola la dott.ssa Valentina Barile, per la lingua tedesca la prof.ssa Antonietta Tammone, per la lingua latina la prof.ssa Antonia Camardese, per la lingua cinese la dott.ssa Miriana Piccirillo, lingua italiana per stranieri la prof.ssa Valentina Sabia. Docenti e dirigenti uniti nel comune intento di creare momenti di formazione e sviluppo professionale per docenti e studenti di Basilicata che studino e  lavorino con le lingue straniere. Tra i fini dell’ANILS c’è infatti incrementare e migliorare l’insegnamento delle Lingue moderne nelle scuole e istituti di ogni ordine e grado e nelle Facoltà Universitarie, diffondere lo studio e la conoscenza delle Lingue moderne in Italia senza preclusioni e nel pieno rispetto del plurilinguismo. L’ANILS inoltra mira a studiare, in una visione globale delle problematiche della scuola, gli aspetti connessi con la professione di insegnante di Lingue straniere, nonché a promuovere la costituzione di cattedre di Lingue straniere, potenziando, nello stesso tempo, quelle esistenti ed assicurando il pluralismo linguistico nella prospettiva dell’Unione Europea. L’ANILS è sicuramente una delle associazioni di categoria più antiche, poiché ha mosso i primi passi nel dopoguerra (nata nel 1947, ha tenuto il primo congresso nel 1949), quando le lingue non erano ancora ritenute rilevanti nell’insegnamento come oggi e si è impegnata in battaglie che solo in tempi recenti hanno portato a risultati concreti. Nei primi anni ’70 l’ANILS si batte per l’introduzione della lingua straniera in tutte le classi di tutte le scuole secondarie, di primo e di secondo grado, nonché per la creazione del ruolo dei professori di lingue, prima solo “transitorio”; inoltre inizia la campagna di sensibilizzazione dell’Amministrazione e dell’opinione pubblica alla necessità di introdurre la lingua straniera in tutti i settori della scuola italiana. Grazie all’attività di ANILS Basilicata, nello scorso triennio, si sono promosse iniziative atte a migliorare la preparazione degli insegnanti sia sul piano culturale sia su quello pedagogico e metodologico – didattico, attraverso propri Centri di studio e di ricerca e collaborando con altre Associazioni o Centri di studio presenti sul territorio. ANILS Basilicata ha istituito per tre anni la sessione d’esame a Potenza per il conseguimento della Certificazione di Italiano come Lingua Seconda (CEDILS) in collaborazione con l’Università Cà Foscari di Venezia, permettendo a molti docenti e neo laureati di certificarsi ed ottenere il titolo di insegnamento. Non ultimo ANILS Basilicata ha proposto mezzi idonei a perfezionare l’insegnamento delle lingue moderne per docenti e neo laureati, con percorsi di Job Shadowing all’estero e con attività di partecipazione attiva nell’insegnamento in college inglesi per brevi periodi.  Molteplici, dunque, le attività passate e ricca di eventi sarà la pianificazione futura. Per restare in contatto con l’associazione è possibile consultare il sito www.anils.it o contattare la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Non resta che augurare un buon lavoro alla presidente eletta professoressa Matilde Misseri ed al suo staff per le attività di formazione in programma.

L’ATTIVITA’ SPORTIVA DILETTANTISTICA E IL PARTICOLARE MOMENTO STORICO

La pratica sportiva al pari di numerosi settori economici, in tempi di Covid-19, ha subìto un duro colpo e si è complicata per una lunga serie di aspetti legati al distanziamento, alle sanificazioni, ai disciplinari Ministeriali e delle relative Federazioni di riferimento che hanno indotto in parte ed in alcuni casi alla totale rimodulazione delle attività. Difatti Il rispetto di tutte le norme, disciplinate dai numerosi DPCM, può essere ormai garantito solo presso quei sodalizi sportivi dilettantistici “bene organizzati” e cioè A.S.D. e/o S.S.D. iscritte al registro del Comitato Olimpico Nazionale. In questo particolare momento storico, ricco di incertezze e timori, è di fondamentale importanza offrire un luogo sicuro in cui praticare sport e pertanto privilegiare quelle strutture che rispettano le norme vigenti e relativi codici comportamentali mirati alla tutela della integrità fisica, partendo da una buona base di prevenzione. Sulla stretta data ad alcuni sport da contatto, se pur giusta, è bene fare poi dei distinguo in quanto nella pratica molte delle stesse discipline possono essere praticate in forma tale da salvaguardare le giuste distanze di sicurezza. Il karate-do ad esempio per maggiore chiarezza e precisazione dal giapponese “la via della mano vuota”, non nasce necessariamente come uno “ sport da contatto “  ,perché  la pratica quotidiana del kata (ovvero della forma) e del Kihon  (la ripetizione di tecniche eseguite singolarmente) prevedono distanza fra i praticanti che lavorano individualmente con tecniche preordinate di pugno , calcio percossa o parata , nelle diverse direzioni, ma mai incontrandosi con un avversario o con un compagno di allenamento vicino. Il Karate di per se, è già marziale e rispetta dei dogmi: La distanza, la pratica individuale, la disciplina e l’ordine. Il combattimento, il contatto, non è necessario praticarlo. Bambini, ragazzi e adulti sono rigorosi nella partica quotidiana con le regole del distanziamento, che i nostri tecnici, maestri e istruttori, fanno rispettare alla lettera. Il presidente dell’A.S.D. DOJO CLUB POTENZA da noi intervistato il tecnico Alessandro POERIO “Evidenzia il rigoroso rispetto delle norme di sicurezza emanate dai vari D.P.C.M. ,  in tutti gli ambienti della palestra, oltre alla normale dotazione di gel, salviettine e detergenti igienizzanti, anche gli accessi sono contingentati su misura, gli spazi di lavoro in palestra sono esplicitamente segnalati utilizzando il tappeto bicolore e ad ogni cambio turno viene poi avviato un sistema temporizzato di sanificazione con irraggiamento UVC (lo stesso utilizzato in ambiente ospedaliero). Tutto ciò rappresenta una ottima fase di prevenzione che consente ai praticanti e ai genitori nella prossima ripresa (speriamo bene e presto….!) delle attività in sicurezza”. 

Un progetto che parla lucano Team di professionisti produce raccordi per respiratori diretti al Nord

Un progetto che parla lucano
Team di professionisti produce raccordi per respiratori diretti al Nord

La pandemia di Coronavirus che ha colpito l’Italia e tanti altri paesi del mondo ha spinto molte aziende a riconvertire la loro produzione per realizzare camici, dispositivi di protezione, ventilatori per la rianimazione e altri strumenti, dispositivi o oggetti più utili in questo periodo di emergenza.

Tra le tante imprese riconvertite in questo periodo c’è anche la “Rolag” di Potenza, Rocco Laguardia, Sergio Lo Sardo, Valerio Aliandro e Francesco Ruoti che hanno deciso di convertirsi producendo mascherine e dispositivi anticovid , destinati alla protezione individuale degli operatori sanitari  -e non solo  -che stanno affrontando la battaglia contro il Coronavirus.

Stampata con metodo FDM (una tecnologia di produzione additiva usata comunemente per applicazioni di modellazione, prototipazione) in materiale plastico di origine vegetale, filtro in TNT (Tessuto Non tessuto è il termine generico per indicare un prodotto industriale simile a un tessuto, ma ottenuto con procedimenti diversi dalla tessitura (incrocio di fili di trama e di ordito tramite telaio) e dalla maglieria),mantenuto all’interno da una griglia amovibile.

Una barriera contro la contaminazione a droplet. Riutilizzabile e disinfettabile. Non sono un presidio medico certificato ma comunque saranno donate a chiunque si batte in prima fila nei confronti del virus bastardo.

Un progetto che parla lucano, quello che coinvolge dei potentini professionisti nella progettazione ingegneristica e del design, loro è anche il merito non solo per aver riconvertito la loro azienda ma anche per aver prodotto: raccordi per i respiratori degli ospedali del Nord Italia.

Un atto necessario, ma anche di grande responsabilità civica e umana, perché nella lotta al Coronavirus c’è bisogno, dell’aiuto di tutti. Ci dice l’ing. Rocco Laguardia: “Come portare con sé un oggetto ormai fondamentale è stato da subito un nostro cruccio. “.

BERNALDA FUTSAL E’ PARTITA LA STORICA STAGIONE A2

 

E’ partita la nuova storica stagione del Bernalda Futsal di calcio a 5 che affronterà per la prima volta nella sua storia il campionato di serie A2. Dirigenza, staff tecnico e squadra sono stati presentati al PalaCampagna alla presenza di una rappresentanza delle autorità cittadine il 10 ottobre 2020. Media partner della formazione lucana per la nuova stagione è Canale 85 insieme al calore del pubblico bernaldese ed un Presidente: Alfredo Plati, fautore e cuore pulsante, della squadra sportiva.

Un progetto che parte da lontano con una

programmazione quinquennale che ha

condotto il Bernalda Futsal a

raggiungere lo storico obiettivo della

Serie A2 con una dirigenza giovane e

ambiziosa capitanata dai presidenti

Franco Grieco & Sani Rasulo entrambi i

Main Sponsor del club coadiuvati dal

Manager General Giuseppe Mazzei

che per il primo anno in serie A2 ha rinnovato la squadra ingaggiando calciatori del calibro di Zancanaro Piovesan e Borges

giusto per citarne alcuni oltre alle

importanti riconferme del capitano

Gallitelli e dei brasiliani (il portiere dal valore assoluto Guilherme Boschiggia) e Lucas Bocca la guida della squadra è stata affidata al tecnico Marcos Mathias Lamers allenatore

con un bagaglio di esperienza

internazionale. L’allenatore Marcos Mathias Lamers afferma: “Ci sono parecchie squadre con qualità sarà un campionato abbastanza

impegnativo e abbastanza difficile;

credo che abbiamo creato una

buona squadra la squadra sta imparando

ancora a giocare insieme, dobbiamo

lavorare giorno dopo giorno per cercare di amalgamare questa squadra per cercare di trarre il meglio dei singoli e anche della collettività della

squadra; secondo me è una squadra che può fare molto bene in campionato e cercheremo di stare sempre lì in zona play off”. Rimarca il Presidente Franco Grieco : “Non vedevamo l'ora di

ripartire in campo e vedere cosa siamo

stati capaci di fare durante la sessione di calciomercato, abbiamo introdotto tanti nuovi innesti e una nuova guida tecnica, siamo

molto ottimisti da questo punto di vista

è sicuramente un traguardo storico,

non è questo il nostro punto d'arrivo

non è questo il traguardo, il progetto

vuole andare ancora più lontano, con

con calma e i tempi giusti, ma le ambizioni ci sono tutte.”

Ecco l’organigramma per la’nno 2020/2021:

elenco atleti

Alessandro Depizzo, portiere 1998

Fernando Calderolli, laterale 1991

Marcio Antonio Zancanaro, centrale 1980

Marcio Borges, universale 1990

Tiago Lemos, laterale 1997

Salvo Murò, laterale 1998

Marciano Piovesan, pivot 1988

Lucas Bocca, centrale 1994

Simone Laurenzana, laterale 2000

Guilherme Boschiggia, portiere 1989

Manuel D’amelio, portiere 1999

Mario Quinto, laterale 2001

Alessio Saponara, pivot 2000

Lorenzo Giannace, laterale 1999

Mario Gallitelli, capitano 1994

2 Staff Tecnico

Preparatore portieri: Carmine Costini

Preparatore atletico: Giovanni Grieco

Fisioterapista: Alessandro Lavecchia

Mister: Mathias Lamers

3 Dirigenti

Presidente: Franco Grieco

Presidente onorario: Sanny Rasulo

Direttore sportivo: Alfredo Plati

General manager: Giuseppe Mazzei

Direttore commerciale: Francesco Venere

Responsabile commerciale area Potenza: D’anzi Carmine

Team manager: Angelo Rosa – Vincenzo Caruso – Michele Gallitelli

Responsabile dei materiali : Cosimo Dichio

Dirigente Accompagnatore: Vincenzo Piccinni

Facciamo i nostri migliori auguri, per una stagione entusiasmante!.

  • Pubblicato in Sport
  • 0

L’Associazione Italiana Dislessia rivolge il buon anno scolastico a tutti! Siate sempre fieri di voi stessi!

L’Associazione Italiana Dislessia, sezione di Potenza, nasce 2002 dalla volontà tenace di un genitore che dovendo affrontare la dislessia del proprio figlio ha fatto conoscere, attraverso convegni, seminari, incontri informativi e formativi, cosa sia il D.S.A., ovvero il Disturbo Specifico di Apprendimento. Attualmente Annalucia Gagliardi è la Presidente di Sezione, in compagnia di quel genitore che tanto ha fatto per portare avanti e mantenere viva la sezione in tutti questi anni, la Sig.ra Marcella Santoro.

La L. 170 dell’8 ottobre 2010 riconosce il DSA in quattro caratteristiche: la dislessia che riguarda la difficoltà nella lettura; la discalculia che riguarda la difficoltà nell’ambito logico-matematico; la disgrafia che riguarda difficoltà nella scrittura e propriamente nel tratto grafico; la disortografia che riguarda sempre la scrittura, ma nello specifico gli errori di grammatica. Frequentemente si usa il termine dislessico per definire tutti e quattro gli ambiti, ma non è detto che siano presenti tutti insieme. Siccome il DSA si manifesta in modo esplicito soprattutto negli apprendimenti scolastici, la normativa prevede che a seguito della certificazione depositata e protocollata in segreteria da parte della famiglia, venga redatto un PDP, Piano Didattico Personalizzato, in cui vengono inseriti gli strumenti compensativi e dispensativi in relazione alle specifiche difficoltà dello studente. Naturalmente la collaborazione scuola-famiglia, nel rispetto reciproco dei ruoli, diventa fondamentale per portare al successo formativo ogni studente con D.S.A.

La dislessia non è una malattia, afferma la Presidente Gagliardi “Ma una caratteristica della persona, su base neurobiologica. Non è un handicap perché non impedisce di acquisire gli apprendimenti, ma ha solo bisogno di un metodo didattico appropriato e personalizzato per raggiungere gli stessi obiettivi formativi della classe. Essere dislessico non vuol dire essere meno (meno intelligente, meno bravo, meno attento, ecc.), ma essere altro da te. Un aspetto fondamentale che ogni insegnante non dovrebbe mai trascurare è la dimensione emotiva e l’elevato tasso di sensibilità che contraddistingue queste persone. Lo studente che si reca a scuola con la paura, serberà questo ricordo per tutta la vita e si convincerà di non valere niente, mentre lo studente che si reca a scuola con la gioia, la curiosità, la motivazione, diventerà una persona capace e consapevole. L’insegnante non è solo colui che trasferisce i saperi, ma è soprattutto un maestro di vita!!

In conclusione, auguro a tutte le famiglie, a tutti gli insegnanti e a tutti gli studenti un sereno e proficuo anno scolastico 2020/2021, ma un augurio particolare lo voglio rivolgere a tutti gli studenti dislessici e dire loro di non pensare mai di non valere niente, ma che invece avete una marcia in più, perché siete persone speciali e possedete una visione diversa e singolare del mondo che vi rende unici ed originali. Siate sempre fieri di voi stessi! Buon anno scolastico a tutti!”.

Questi i contatti della Sezione AID di Potenza: Email:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Coordinamento Basilicata
Anna Lucia Gagliardi
tel.331 86 90 895
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sito WEB:http://potenza.aiditalia.org

"Arrivati alle porte della propria esistenza che, non esiti ad entrare! E, qualora fosse chiusa, abbattiamola!

 

L’Associazione “I Doni di Anthea” è un' associazione di Promozione Sociale costituita da un gruppo di cinque donne con l’obiettivo comune di dare al termine “risveglio” nuova luce. Vuole essere più vicina a tutti coloro che quotidianamente stanno compiendo un percorso di vita interiore.

Chi è Anthea? Il suo nome ha origine floreale. Figlia di Era è una dea che protegge i boschi, i fiori, la flora, le piante. Protegge il seme, il germoglio, fino a quando si svilupperà in tutta la sua bellezza e fiorirà nel momento esatto, né prima né dopo. Così come quando l’anima è pronta, si svilupperà in tutta la sua bellezza e riceverà tutti i suoi doni

La nostra Associazione ci dice la presidente Annarita Baldassarre “è anche un’Accademia aperta ad incontri, seminari e corsi di formazione, sia individuali che collettivi, in cui intraprendere un cammino di crescita personale e spirituale, insieme ad altre anime sensibili, verso un cammino di risveglio e di consapevolezza di sé.

Il nucleo delle formatrici accoglie e si racconta con sincerità, con il desiderio di condividere l’esperienza che ci ha cambiato la vita e il proprio cammino di evoluzione individuale.

Le chiavi per vivere il risveglio spirituale sono:

Presenza. Iniziamo a capire che l’unico momento che esiste è “Adesso”.

Gratitudine. Non ci concentriamo sui problemi, ma sulle soluzioni. Non vediamo le tempeste, ma gli arcobaleni.

Fiducia. Iniziamo a capire che le cose accadono per un motivo e che anche nelle difficoltà c’è una lezione da imparare.”

Lei Baldassare, è anche Coach del Benessere Olistico ci parli anche della sua figura ?

Premetto che i miei percorsi formativi sono indirizzati verso la Natura, la conoscenza interiore del proprio Sé,  quella Natura che agisce secondo una segreta armonia che è compito dell'uomo scoprire per il bene dell'uomo stesso e la gloria del Creatore e il viaggiare interiormente, significa il risveglio spirituale, crescere e non addormentarsi in un sogno proiettato sulla realtà.

Questo “risveglio spirituale” di un essere umano significa realizzare pienamente l'idea che in fondo, l'intero universo è un essere e capire che dentro quest'essere, esiste lui stesso come essere reale, con il suo ruolo all'interno di questo universo. Un'attenta concentrazione e consapevolezza rivela la nostra vera natura, ci permettono di trovare la pace e la tranquillità interiore, impedendo l'identificazione di noi stessi attraverso il nostro ego superficiale, vanitoso, egoista, affamato di potere. Oggi dopo lunghi anni di esperienza è sul campo di libero professionista è sulla continua ricerca e studio, vivo     l' olismo nella mia quotidianità, spesso affermo che bisogna prima Essere per poi dare e fare. È interessante sperimentare un voler "cambiare" una condizione, la stessa che ti porta ad un momentaneo non riconoscersi, ecco che all' Associazione i " Doni di Anthea" abbiamo pensato di affiancare un' Accademia Olistica aperta a tutti coloro che sentiranno la necessità di voler prestare attenzione al proprio "grido dell' Anima" attraverso studi, seminari, formazione, percorsi di crescita personale, ma anche solo semplici azioni quotidiane: Riconoscersi, riunirsi, continuando a vivere riemergendo più vigorosi e più veri.

Una “consapevolezza” ed un “benessere di sé stessi, degli altri e del mondo” a noi circostante. Grazie a ciò possiamo educare verso un benessere globale. "Il Risveglio ci obbliga a vedere che ogni umano è Coscienza Divina incarnata. Tutti gli Umani lo sono:

1- Se vogliamo essere pronti ricordiamoci di non disperdere le nostre gioiose energie in inutili pensieri ed inutili faccende, insegniamo con le nostre vite;

2- Non lo raccontiamo ma diamone prova in ogni nostra azione e scelta;

3- Se la freccia ci colpisce estraiamola e guariamo la ferita, siamo i guaritori di noi stessi". (dal libro Ho affrontato Covid 19 e, non solo della stessa Annarita Baldassarre).

Lasciatevi accompagnare attraverso questo naturale processo di trasformazione e di crescita personale al fine di riattivare il vostro potenziale "umano" ritrovando l'armonia psicofisica, sostenendovi e facilitandovi in questo processo di trasformazione e vi esorto a riflettere su:

"Arrivati alle porte della propria esistenza che, non esiti ad entrare! E, qualora fosse chiusa, abbattiamola!

Oltre c'è la Nuova Vita!".

LA MOSTRA SULLA STORIA DI EMILIO COLOMBO

In occasione dei cento anni dalla nascita di Emilio Colombo, il politico, l’uomo e il suo tempo sono raccontati dal Centro Studi Internazionali a lui dedicato con una interessante mostra allestita a Potenza, presso il Palazzo della Cultura e del Turismo, durante questo mese di Settembre.

Emilio Colombo 1920-2020, nel suo centenario, in occasione della nascita dello statista lucano, il Centro Studi Internazionali “Emilio Colombo” di Potenza (Sezione del Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo – CGIAM, via F. Baracca 175, 85100 Potenza – Tel/Fax: +39 0971 69511 ha organizzato una serie di eventi attraverso cui riannodare i fili della ricerca sulla figura di Colombo e sulla storia dell’Italia repubblicana del secondo Novecento.

La mostra fotografica-documentaria sta valorizzando parte del patrimonio conservato nella biblioteca “Maurizio Leggeri” di Potenza; nelle sale della mostra è stato proiettato il documentario “Emilio Colombo. Memorie di un Presidente”, curato da Alessandra Peralta e Cleto Cifarelli; e sono offerti alcuni approfondimenti relativi al volume, edito da Laterza, “Emilio Colombo. L’ultimo dei Costituenti”, curato dal Prof. Donato Verrastro ed Elena Vigilante.

La mostra è organizzata come momento di approfondimento, immaginato come un luogo per la valorizzazione della memoria e per approfondire e ricordare la storia di uno dei maggiori protagonisti della nostra storia repubblicana.

La mostra, che ha avuto il patrocinio del Comune di Potenza e la collaborazione dell’Istituto Luigi Sturzo di Roma (accreditato istituto di ricerca in ambito storico e possessore dell’archivio personale di Colombo), è stata allestita nel Palazzo della Cultura a Potenza a partire dal 3 settembre 2020 e rimarrà fino al 27 settembre 2020.

L’iniziativa, realizzata grazie all’ingente patrimonio del Centro, si è mossa su alcuni filoni, quali: La Basilicata e il Mezzogiorno, l’Italia, la Costituzione e la stagione democratica, l’Europa, l’impegno internazionale.

L’intento è stato quello di rendere omaggio all’illustre cittadino di Potenza, politico di primo piano nella storia dell’Italia repubblicana e apprezzato statista di livello nazionale ed internazionale.

Il Centro studi, nato con il fine di valorizzare il profilo storico-politico di Emilio Colombo e di non disperdere la memoria del suo impegno istituzionale, opera anche come centro di documentazione: in tale ottica, ha messo a disposizione degli utenti una selezione di contenuti documentari e multimediali, attraverso una sua apposita piattaforma (www.centenariocolombo.it).

La mostra, è stata concepita secondo una formula itinerante: prendendo il via nella città di Potenza, per poi…raggiungere successivamente Matera, Roma e Bruxelles.

LA GUARDIA NAZIONALE AMBIENTALE

 

 

La Guardia Nazionale Ambientale è un ente riconosciuto

dal Ministero dell’Ambiente del Territorio e del Mare.

Nata nel 2001 e istituita con Decreto n. 110 del 29.04.2016,

è un ente di terzo livello, riconosciuto anche in ambito internazionale.

Lo scopo che si propone è la tutela dell’ambiente in tutte le sue forme.

Non a caso è formato da uomini e donne che in forma democratica, prestano attenzione alla salvaguardia del territorio.

Ma il loro compito è anche al contempo quello di educare i bambini e i ragazzi all’educazione ambientale, mediante la realizzazione di progetti ed incontri all’interno delle strutture scolastiche. Stefania Galasso è una di queste che ci afferma :” Il mio paese di origine è Picerno, paesino situato nella meravigliosa Lucania, ove la Guardia Nazionale Ambientale sta prendendo piede sia in provincia di Potenza che di Matera, con dei validi rappresentanti. 

Stiamo allargando i nostri confini anche in Puglia, con nuovi iscritti su Barletta e Bari. Per quanto riguarda la provincia di Salerno, si è maggiormente diffusa per il tramite del nostro Dirigente provinciale di Salerno Dott. Antonio D’Acunto. Si contano più di 100 iscritti. 

Ma abbiamo nel nostro organico anche il Dirigente Regionale Campania Dott. Savino Lattanzio, i Dirigenti intermedi e della formazione Dott. ssa  Alessia Angeli, Cav. Valerio Russo e il Dott. Andrea Aquino, e il Cav. Prof Generale Alberto Raggi.

Costui si convinse che il modello operativo nato in Umbria potesse essere riproposto anche in altri territori. Così l’Associazione iniziò a crescere in gran parte del territorio nazionale.

Personalmente mi trovo sul territorio di Contursi Terme. Cinque mesi fa ho ricevuto la nomina a Responsabile di Distaccamento. Vari sono i progetti che abbiamo realizzato e che realizzeremo, a partire dal territorio contursitano per poi passare attraverso il Fiume Sele e le scuole.

La nostra è un’attività di vigilanza ittica, zoofila, zootecnica e venatoria e di monitoraggio del territorio a piedi e a cavallo. E proprio a tal proposito, a cavallo è in via di realizzazione nel Parco del Pollino. Ausiliari durante le festività e dinanzi agli uffici postali, ai fini di tutelare la popolazione e contenere la lotta al Covid-19, accanto ad altre Associazioni ed Enti come la Protezione Civile”.

Ad oggi ci sono molti Distaccamenti insediati in Basilicata come Marconia, Villa D’Agri , Rivello e Campania come Contursi Terme, Sarno, Auletta, Caggiano ecc. Probabilmente ne nasceranno altri proprio in Basilicata e Campania e in Puglia. Tutti Distaccamenti in supporto l’uno con l’altro. L’entusiasta Stefania Galasso si conceda da noi dicendo con convinzione e forza che “Siamo un’unica squadra che ha un solo obiettivo: la tutela dell’ambiente che è il luogo più importante in cui viviamo”. E noi glielo auguriamo di cuore a credere in questi valori importanti !.

scopo che si propone è la tutela dell’ambiente in tutte le sue forme.

Non a caso è formato da uomini e donne che in forma democratica, prestano attenzione alla salvaguardia del territorio.

Ma il loro compito è anche al contempo quello di educare i bambini e i ragazzi all’educazione ambientale, mediante la realizzazione di progetti ed incontri all’interno delle strutture scolastiche. Stefania Galasso è una di queste che ci afferma :” Il mio paese di origine è Picerno, paesino situato nella meravigliosa Lucania, ove la Guardia Nazionale Ambientale sta prendendo piede sia in provincia di Potenza che di Matera, con dei validi rappresentanti. 

Stiamo allargando i nostri confini anche in Puglia, con nuovi iscritti su Barletta e Bari. Per quanto riguarda la provincia di Salerno, si è maggiormente diffusa per il tramite del nostro Dirigente provinciale di Salerno Dott. Antonio D’Acunto. Si contano più di 100 iscritti. 

Ma abbiamo nel nostro organico anche il Dirigente Regionale Campania Dott. Savino Lattanzio, i Dirigenti intermedi e della formazione Dott.ssa  Alessia Angeli, Cav. Valerio Russo e il Dott. Andrea Aquino, e il Cav. Prof Generale Alberto Raggi.

Costui si convinse che il modello operativo nato in Umbria potesse essere riproposto anche in altri territori. Così l’Associazione iniziò a crescere in gran parte del territorio nazionale.

Personalmente mi trovo sul territorio di Contursi Terme. Cinque mesi fa ho ricevuto la nomina a Responsabile di Distaccamento. Vari sono i progetti che abbiamo realizzato e che realizzeremo, a partire dal territorio contursitano per poi passare attraverso il Fiume Sele e le scuole.

La nostra è un’attività di vigilanza ittica, zoofila, zootecnica e venatoria e di monitoraggio del territorio a piedi e a cavallo. E proprio a tal proposito, a cavallo è in via di realizzazione nel Parco del Pollino. Ausiliari durante le festività e dinanzi agli uffici postali, ai fini di tutelare la popolazione e contenere la lotta al Covid-19, accanto ad altre Associazioni ed Enti come la Protezione Civile”.

Ad oggi ci sono molti Distaccamenti insediati in Basilicata come Marconia, Villa D’Agri , Rivello e Campania come Contursi Terme, Sarno, Auletta, Caggiano ecc. Probabilmente ne nasceranno altri proprio in Basilicata e Campania e in Puglia. Tutti Distaccamenti in supporto l’uno con l’altro. L’entusiasta Stefania Galasso si conceda da noi dicendo con convinzione e forza che “Siamo un’unica squadra che ha un solo obiettivo: la tutela dell’ambiente che è il luogo più importante in cui viviamo”. E noi glielo auguriamo di cuore a credere in questi valori importanti !.

Sottoscrivi questo feed RSS

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Gennaio 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Area Riservata