Log in
A+ A A-

Attacco hacker agli smartphone: a rischio le app bancarie

In tempi economicamente grami, come quelli che stiamo attraversando, una gestione oculata delle risorse pecuniarie è più che mai necessaria: pertanto risparmiare è divenuta sempre più un'abitudine vulgata. Purtroppo, però, a mettere a repentaglio i nostri risparmi, oltre alle ristrettezze della crisi finanziaria, ci sono i rischi interrelati all'utilizzo e alla diffusione degli smartphone che si utilizzano quotidianamente soprattutto per lavoro e per l'intrattenimento, ma anche per la gestione del denaro. Sono numerose, infatti, le app di home banking che consentono, mediante una connessione telematica, di gestire i conti bancari e di operare su di essi. E sono proprio queste app ad essere maggiormente prese di mira dai pirati informatici che, con attacchi mirati o con stratagemmi ingannevoli, cercano di eluderne le protezioni per avere accesso ai conti correnti e sottrarre il denaro.

Ad essere maggiormente esposti al rischio di attacco hacker sono gli smartphone con sistema Android che, essendo il sistema operativo installato sull'85% dei dispositivi mobili di telefonia, sono la preda preferita dai pirati informatici.
Infatti, secondo uno studio della società di sicurezza Kaspersky Labs (in collaborazione con l'Interpol), gli assalti degli hacker ai sistemi del banking online tramite smartphone con sistema Android sono stati 588 mila, sei volte in più rispetto a un anno fa. La maggior parte degli utenti attaccati sono russi, ma lo 0,34% riguarda quelli italiani con 2 mila attacchi all'anno.

Benché la sicurezza totale sia una velleità, salvaguardare i conti correnti da furti cibernetici di denaro è possibile, adottando delle semplici ma efficaci accortezze tecniche. Innanzitutto proteggere i dispositivi Android con password sicure, ovvero sufficientemente lunghe (10-12 caratteri), complesse e composte da caratteri alfanumerici (lettere maiuscole e minuscole, numeri e simboli) e mai banali, come ad esempio la propria data di nascita oppure il proprio codice fiscale; quindi, con gli stessi criteri, scegliere ed adottare una password sicura anche per il sistema di home banking. In seguito, tra le impostazioni dello smartphone, bloccare l'opzione che consente di installare app non ufficiali, ovvero quelle provenienti da fonti alternative al Google Play Store. Infine è consigliabile installare sullo smartphone un'app Antivirus ed aggiornarne frequentemente il database delle firme antivirali.

Altro in questa categoria: « Samsung testa il 5G linux day 2014 »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Maggio 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Area Riservata