Log in
A+ A A-

Il Lutto

 

La morte rappresenta l'esito ineluttabile di ogni essere vivente; nonostante questa ovvia considerazione, essa spaventa ed influenza costantemente la vita di ognuno di noi: il terrore della morte rappresenta la paura ancestrale per eccellenza ed è strettamente funzionale alla preservazione della specie. Molti studi di Psicologia dello sviluppo elaborati nel secolo scorso hanno evidenziato come la principale paura dei bambini non fosse riferita alla propria morte ma a quella dei genitori; anche questi risultati possono essere facilmente collegati al concetto della preservazione della specie ma apre anche una finestra su un aspetto più complesso rappresentato dalla morte di una persona cara. In proposito possiamo affermare che il lutto è probabilmente l'esperienza emotiva più dolorosa ed intensa che ognuno di noi deve affrontare. Il lutto è spesso accompagnato da comportamenti quali pianto, insonnia, inappetenza, perdita di interesse per gli stimoli esterni e ritiro sociale; naturalmente la manifestazione del dolore è sempre idiosincratico e di difficile catalogazione.

Per quanto sgradevole e dolorosa questa condizione rappresenta una reazione fisiologica e temporanea anche se è facile cadere in tentazione e clinicizzare questi comportamenti; infatti ad una osservazione superficiale il lutto può essere confuso con la depressione anche se bisogna ricordare che alle volte le due condizioni possono sovrapporsi. Tutte le culture che si sono avvicendate nel corso della storia hanno elaborato complesse argomentazioni e rituali atti a favorire l'elaborazione del lutto. L'elaborazione del lutto, va precisato, non significa non provare più dolore per la perdita ma è un percorso individuale di accettazione ed integrazione della perdita all'interno della propria storia individuale. Il sostegno sociale rappresenta il principale fattore di cui necessita una persona in lutto anche se alle volte questo percorso si rivela piuttosto lungo, complesso e doloroso e dunque il ricorso allo Psicologo può essere indicato per favorirlo. Fin dal diciannovesimo secolo gli Psicologi hanno dedicato ampio spazio a questo concetto contribuendo a definirlo attentamente contro il rischio, già menzionato, di patologizzare il lutto e cercando i metodi più efficaci per favorirne l'elaborazione, soprattutto per quanto riguarda il lutto nell'infanzia.

Dalle ricerche e dall'esperienza clinica sappiamo che il lutto di un genitore nell'età dello sviluppo può essere collegato ad un disagio nell'età adulta; naturalmente è obbligatorio sottolineare il condizionale poiché le variabili che intervengono nello sviluppo di un disagio psichico sono molteplici.

 

Dr. Michele Passarella

Ultima modifica ilVenerdì, 26 Dicembre 2014 12:38
Altro in questa categoria: « La Personalità Il sonno »
Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Giugno 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Area Riservata