Log in
A+ A A-

Politica e felicità: la comunità di Potenza attende il ruggito

In evidenza Politica e felicità: la comunità di Potenza attende il ruggito

“Diciamo, allora, che questo è il compimento del tessuto, ben intrecciato, dell’azione politica: la tecnica regia, prendendo il comportamento degli uomini (…) li tiene insieme in questo intreccio, e governa e dirige, senza trascurare assolutamente nulla di quanto occorre perché la città sia, per quanto possibile, felice”. E’ quanto si legge nel Politico di Platone. Il “luogo” che interpella il politico è la comunità, che non è mai perfetta, ma è “luogo” dove bisogna saper far vivere gli uomini. Il politico è visto come “allevatore” e “curatore” di greggi, egli agisce su e tra i cittadini. Un’azione la sua che parte dalla comunità e che vuole fare “cittadini di una città felice”. Politica e felicità sono un binomio che vanno a braccetto nell’opera platonica.
Ma nella comunità di Potenza questo binomio – politica e felicità – è in questo ultimo periodo particolarmente mortificato. Per tutte le difficoltà che sta vivendo la città di Potenza, per un’assenza di servizi dovuti alla crisi economica, a quel default causato da una cattiva gestione amministrativa (vedi editoriale del 24ott.us) che in questi anni ha giocato alla staffetta, i cittadini del capoluogo cominciano a diventare in-sofferenti. La buona volontà del neo Sindaco è chiara e trasparente così come tutte le forze politiche che vogliono sostenerlo in questa scalata al “recupero”. E ahimé le parole della saggezza popolare risuonano fortemente: senza soldi non si cantano messe!! E’ un dato certo. Se il Comune non avesse debiti e le casse fossero ricche si parlerebbe ora di altro! Ma la crisi si fa pesante e “pressante”. La comunità è sofferente. Alcuni esempi: dal servizio delle scale mobili (Porta Salza-Via Tammone) sospeso con relative attività commerciali in delirio, dalla ztl del centro storico non definita con disagi accentuati per i residenti alle strade dissestate etc. etc... e l’elenco potrebbe continuare...
Nella scelta del sindaco De Luca a voler rimettersi in gioco (col ritiro delle dimissioni) la comunità attende tempi nuovi e migliori rievocando nel suo nome (Dario) quello del re di Persia (detto Dario il Grande) che seppe riorganizzare l’amministrazione dell’Impero facendolo rifiorire. Ma è chiaro che da soli non si va da nessuna parte…..qui il gioco delle forze politiche tutte contribuiscono – con l’ausilio di un miracolo economico (che si spera negli effetti di una regione che concorre ad essere (con Matera) a capitale europea e quindi al sostegno solidale (editoriale del 19ott.us) – alla ripresa e al rilancio del capoluogo ridando grinta e ruggito alla Leonessa.
Tornando a Platone e al modello di governo che ci presenta e cioè basato sul “rigoroso rispetto delle leggi, al cui interno l’azione del politico deve costruire un tessuto sociale e saper intrecciare il contributo di cittadini portatori di valori, i quali, però, sono, e devono essere, opposti”, il ruolo dei cittadini è altrettanto essenziale come di chi esercita l’arte regia perché “senza il loro apporto questa felicità non si può realizzare”. Come dire: “Buoni cittadini rendono possibile una città felice”.
Dall’opera platonica molti gli stimoli e gli spunti per una riflessione sul fare politica e sull’essere politico. Si condannano coloro che “elaborano ragionamenti falsi e capziosi”, che Hanna Arendt poi definirà “piazzisti che vendono un prodotto”. Ma chi è il “politico perfetto”? Colui che racchiude in sé le virtù di scienza e di attività pratica … Il politico è colui che cerca la verità. E’ colui che “media” o in altri termini “tesse”. “Sa mescolare le virtù opposte”. E la politica non è forse l’arte regia che tiene insieme i vari opposti?


Ultima modifica ilDomenica, 08 Febbraio 2015 22:50
Maria De Carlo

LA DIRETTORA

Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Gennaio 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Area Riservata