Log in
A+ A A-

Le Favole di Don Ciutija. INCONTRO CON LE AUTRICI ELISA CONTE, MILENA FALABELLA, FRANCA IANNUZZI.

  • Scritto da Federica Corbisiero
  • Pubblicato in In rilievo
In evidenza Le Favole di Don Ciutija. INCONTRO CON LE AUTRICI ELISA CONTE, MILENA FALABELLA, FRANCA IANNUZZI.

Si è svolto nei giorni scorsi, presso il Polo Bibliotecario di Potenza, (in Via Don Minozzi) un incontro incentrato sul volume: “Le favole di Don Ciutijs”, insieme alle autrici Elisa Conte, Milena Falabella e Franca Iannuzzi.  

L'iniziativa è stata organizzata dall'Associazione Agua e dal Polo bibliotecario di Potenza.

Ad intervenire: Luigi Catalani, Direttore della Biblioteca Nazionale di Pz, Giuseppe Lariccia, Presidente Agua (Associazione Generazione Umana Attiva) e Patrizia Del Puente, Docente Unibas e Direttrice del Centro Internazionale di Dialettologia.

A moderare il convegno la Docente e Scrittrice, Maria De Carlo.

 

La Prof.ssa Del Puente, di Glottologia e Linguistica ha voluto marcare il lavoro di salvaguardia e di valorizzazione della Lingua Lucana, perché “Un popolo diventa povero e servo quando gli rubano la lingua ricevuta dai padri: è perso per sempre. Diventa povero e servo quando le parole non creano parole e si mangiano tra loro…”, e i componenti del CID (gruppo di ricerca) non vogliono che i lucani diventano un popolo povero e servo.

 

Il brillante lavoro, insito nel volume, raggruppa sei racconti inventati a partire da altrettanti proverbi della tradizione, entrambi tradotti anche in Lingua Inglese, con l’intento di far conoscere la Lingua Lucana oltre i confini della Nazione.

Inoltre, su richiesta della moderatrice De Carlo sono stati letti alcuni racconti dalle relatrici, quale “la gatta nella dispensa quello che fa pensa”.

I proverbi trascritti nei dialetti lucani, inseriti nell’A.L.Ba. (Atlante Linguistico della Basilicata) rappresentano i 131 Comuni della Basilicata. Ad esempio si legge a Melfi, La (g)attë dë la dëspènza cumë iè, accussì së pènzë; a Muro Lucano, La mósca rë Fërènzë quigghië ca facë, pènza “La mosca di Forenza quello che fa, pensa”; a Viggianello, .): A (g)attë da: dëspénzë curë chë ffa, ppénzë.

Dal 2017, per contribuire alla celebrazione della Giornata mondiale del dialetto e delle lingue locali, il Progetto indice annualmente un concorso di poesia dialettale lucana, giunto alla terza edizione. I componimenti, trascritti in ADL, sono sempre più numerosi e confluiscono in un’antologia.

Con questo ci auguriamo di fare tesoro delle nostre origini, insieme alla Lingua, che è la fonte identitaria e primaria di un popolo; lasciandovi con questa frase: “il dialetto è amore per le nostre origini; il dialetto fa parte della nostra cultura e va salvaguardata; parlare in dialetto non è maleducazione…ma è un’arte”.

 

FEDERICA CORBISIERO

 

Ultima modifica ilGiovedì, 07 Dicembre 2023 16:17
Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Aprile 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Area Riservata