Log in
A+ A A-

Chloë, ovvero la bellezza del demonio

In evidenza Chloë, ovvero la bellezza del demonio

Sono passati la bellezza di 37 anni, ma la sua bellezza il vecchio satanasso non la perde mai. Ieri con il visetto emaciato di Sissy Spacek ed oggi con la super-lolita Chloë Grace Moretz. Ci piace davvero questo giovanissimo, conturbante ed irregolare volto, che ha già alle spalle l’ottima interpretazione dell’originalissimo e dissacrante Kick-Ass. Negli anni ’70, Sissy Spacek incarnava il personaggio complesso di Carrie in maniera quasi passiva e rassegnata. Oggi Chloë esprime al meglio la crudeltà demoniaca dei social media, con gli occhi e soprattutto con le sue mani magicamente conduce una sinfonia inquietante, senza apparire nemmeno un istante la vittima sacrificale, suggeritaci da De Palma.

La pellicola diretta da Kimberly Peirce è una rivisitazione in chiave dark-teen, che però comunica con più efficacia il messaggio subliminale del Maestro King, dal cui capolavoro lo ricordiamo è tratto il film. Carrie è un’adolescente segretamente inquieta ma in apparenza timorosa ed emarginata, repressa da un’educazione oscurantista di una madre single, che ha il volto della sempre splendida Julianne Moore, che mantiene il suo fascino maturo, senza risultare particolarmente angosciante. E poi la trama si dipana in maniera semplice in un crescendo sanguinario di assurde vendette.

La storia di telecinesi e fenomeni paranormali, catapultata nell'epoca contemporanea, si aggiorna sulle diavolerie degli adolescenti, che ora passano anche attraverso gli smartphone, e YouTube. 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Giugno 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Area Riservata