Attenzione
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 550
  • Fallito caricamento file XML
Log in
A+ A A-

Intervista alla scrittrice Mariolina Venezia.

  • Scritto da 
  • Pubblicato in In rilievo
In evidenza Intervista alla scrittrice Mariolina Venezia.

 

Mariolina Venezia è una scrittrice nata a Matera. Dopo aver vissuto per lungo tempo in Francia, si è stabilizzata definitivamente a Roma. Autrice del romanzo “Mille anni che sto qui”, edito da Einaudi, che ha vinto il premio Campiello, nel 2007. Si tratta di una saga familiare ambientata a Grottole, in cui il destino non risparmia nulla, dalla guerra all'emigrazione, dalla fame alla ricchezza, per arrivare agli scandali pubblici. Si è cimentata, nel 2009, con il genere giallo pubblicando, sempre per Einaudi, “Come Piante tra i sassi”, ambientato questa volta a Matera. Ha pubblicato diverse raccolte di poesie e ha lavorato come sceneggiatrice di fiction televisive, fra cui l'episodio “Dietro le mura del convento” della settima serie di “Don Matteo”. Nel 2011 esce con “Da dove viene il vento”, storia di dipendenze e ossessioni amorose e nel 2013 si ripropone con un nuovo giallo: “Maltempo”, con il quale vince il premio letterario Basilicata, della sezione narrativa. Per cercare di saperne di più, è stata realizzata un'interessante intervista.

 

Quando è nata la sua passione per la scrittura?

Già da piccola. Ero affetta da nefrite, malattia che non mi consentiva di stare troppo tempo in movimento, così iniziai a leggere sin dalla più tenera età, ancora prima di iniziare le scuole. Però, prima ancora della passione per la lettura, è nata la passione per le storie che raccontava mia nonna da piccola. Dopo un po' iniziò a stancarsi, così decisi di imparare a leggere, in modo da provvedere autonomamente a quest'attività. Quando in seguito cominciai a scrivere, nacque in me un amore vero e proprio.

 

Parliamo della tua ultima fatica: “Maltempo”? Di cosa tratta?

La storia è ambientata nei giorni nostri, durante la campagna elettorale per le elezioni in Basilicata. Terra quanto mai tragica, per i suoi paesaggi vuoti e drammatici al tempo stesso. Ci sono storie che vengono raccontate soltanto vedendo questi paesaggi. Purtroppo, come da copione, in queste fasi politiche si fanno molte promesse, si dicono bugie e si omettono scottanti verità. Il tutto è descritto con una massiccia dose di realismo. “Maltempo” ha come protagonista una donna di mezza età. Si tratta di una detective, Imma Tataranni, donna ruvida e agguerrita, abituata ad andare contro corrente. È bassa e tozza, ma fiera della propria fisicità e delle proprie origini. Lei non si nutre certo di illuminazioni fulminanti, bensì del duro lavoro che le costa per portare avanti le sue indagini, in cui finisce sempre per avere la meglio, ma solo grazie alla dedizione e all'impegno.

 

Che differenza c'è fra scrivere una sceneggiatura e scrivere un romanzo?

Il romanzo è qualcosa di finito, invece la sceneggiatura esiste per altri scopi, come un film. Il romanzo non ha costrizioni, la sceneggiatura, invece, deve attenersi a degli standard ben precisi. Non deve, ad esempio, essere lunga un po' più o meno di un certo numero di pagine.


Che rapporto mantiene con i suoi lettori?                                                         

Ogni tanto capita che mi scrivono lettere in cui esprimono il loro apprezzamento per le mie storie e questo non può che farmi piacere.

 

Le ispirazioni le prende dalla realtà o dalla fantasia?                                       

Le prendo dalla realtà, che poi in seguito mi fa scattare la fantasia.

 

Siamo nel 2014. Secondo lei, c'è ancora molto da scoprire nella lettura?

Tolstoj diceva che nelle famiglie la narrativa permette di attraversare i momenti di maggiore difficoltà. Un meccanismo lento che ci consente, però, poi di guardare al mondo con occhi diversi e in maniera certamente più matura e consapevole.

 

Qual è la ricetta per il successo di un libro?

Il fatto di scrivere cose che ci riguardano profondamente, quindi quello che ci sta più a cuore, a noi in primis. Uno scrive e spera che le cose piacciano. A volte, inaspettatamente, può succedere che si incontra il desiderio e i gusti di tanti. Ma l'importante è cominciare a scrivere per sé e non per gli altri.

 

Ha un consiglio da dare ai giovani che si cimentano nella scrittura, attività faticosa ma molto entusiasmante?

Bisogna leggere tanto, soprattutto i classici. Poi viene il resto. Senza la lettura non ci sarebbero molti elementi a disposizione per dare stimolo e spessore alla nostra fantasia. 

 

Giulio Ruggieri

Ultima modifica ilMartedì, 16 Dicembre 2014 01:22

Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Aprile 2024 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Area Riservata