Log in
A+ A A-
Tenport1
Luciano Gentile

Luciano Gentile

URL del sito web:

UN CONCERTO ALL'AUDITORIUM SULL'ONDA DEL TANGO

Il 3^ appuntamento della Stagione Concertistica 2019 presso l'Auditorium di Potenza, é volato sulle onde del tango, e piu' precisamente " Contemporary Tango ", comprendendo influenze jazz, con un trio d'eccezione composto da Fabio Furia al bandoneon, Walter Agus al pianoforte e Giovanni Chiaromonte al contrabbasso:

tutti con curriculum importanti che hanno riempito di attento interesse e profondo ascolto il pubblico potentino che ha seguito con gradimento l'intero programma della serata.

Ma non poteva essere diversamente con artisti che hanno molto da dire: lo spettacolo é iniziato con esecuzioni il cui autore è lo stesso Fabio Furia al bandoneon,strumento dal suono attraente che ha catalizzato l'ascolto del pubblico il quale ha molto apprezzato i suoi brani, nutriti anche da un contorno di jazz,e che ha caratterizzato la parte iniziale dello spettacolo,percependo da subito di trovarsi di fronte ad uno dei piu' importanti bandoneonisti d'europa,che si é esibito nelle piu' importanti sale da concerto del mondo;

ha iniziato con lo studio della fisarmonica sin dall'eta' di 7 anni,quindi il diploma di clarinetto in soli quattro anni per poi passare al bandoneon da autodidatta e che lo ha lanciato sulla via dell'internazionalita'. Ha al suo attivo diverse incisioni con la KNS Classical e attualmente si esibisce con  un Arnold 142 della stessa fabbrica tedesca ed uno storico "completo nacarado " del 1937.

Con lui anche il pianista Walter Agus, diplomatosi con il massimo dei voti e menzione di lode, si è dedicato allo studio della composizione e alla direzione dei cori,nel 1990 vince il concorso " Coppa Pianisti d'Italia " e nel 2011 arriva 2^ al concorso interanazionale pianistico  " Rachmanainoff ": dopo ulteriori perfezionamenti diventa direttore del coro Collegium Karalitanum e dal 2012 é docente di pianoforte a Quartu S.Elena.

Il terzo componente del trio é Giovanni Chiaromonte,professore d'orchestra,pianista che in seguito studia contrabbasso a Genova.Da subito collabora come primo contrabasso con la Filarmonica della Scala, con la Toscanini e diversi teatri italiani nonche' orchestre che lo portano ad esibirsi in tutto il mondo: nel 2011 vince il " Premio Carlo Capriata " e dal 2014 fa' parte del quartetto Novafonic che presenta repertori ispirati a Piazzolla ma anche jazz,ha inciso anche per produzioni di prosa e cinema e attualmente suona un contrabbasso anonimo italiano di fine 700'.

Quando si parla di tango è difficile eludere riferimenti al grande Astor Piazzolla, e difatti il prosieguo dello spettacolo é stato caratterizzato da suoi brani come:

Tristezas de un doble A - La Milonga de angel - La muerte del angel e Adios nonino; il pubblico potentino avendo gradito ha richiesto bis specifici ed é stato prontamente accontentato

ricompensando gli artisti con lauti applausi.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

CONCERTO DELL'EPIFANIA CON UN GIOVANISSIMO SOLISTA

Nella calza della Befana un giovanissimo solista del violoncello accanto all'Orchestra Filarmonica di Odessa diretta da Hobart Earle:

Stefano Bruno nato nel 2000, e gia' vincitore di diversi " primi premi e premi assoluti  in concorsi nazionali ed internazionali, nonche' gia' primo violoncello nell'orchestra giovanile del Conservatorio U.Giordano di Foggia, collabora con l'Orchestra Sinfonica della stessa citta',come solista si esibisce con le orchestre sinfoniche di Barletta e Foggia, si sta perfezionando

presso l'Accademia Stauffer di Cremona con il Mo. Menses e presso la scuola di Fiesole con il Mo. Gnocchi;nello scorso ottobre ha conseguito il diploma di violoncello con il massimo dei voti,lode e menzione,sta terminando l'ultimo anno del liceo classico ".

Insomma gia' tanto per un giovanissimo,che in questa serata ha partecipato nell'esecuzione di brani di Dvorak con la numerosa orchestra di Odessa, al fianco del  Direttore Hobart Earle, dando prova di padronanza e maestria dello strumento,suonato con sicurezza,attirando tutti all'ascolto e attenzione: molto applaudito dai potentini che ne hanno ammirato le giuste qualita' e abilita'.

La Filarmonica di Odessa ha aperto la serata con l'Overture Romeo e Giulietta di Tchaikovskij,per poi proseguire con le variazioni dello stesso autore offrendo al pubblico potentino puntuali esecuzioni dai suoni incantevoli e sempre ampiamente applauditi: ma non poteva essere diversamente per un'orchestra piena d'esperienza,fondata nel 1937,grande esempio culturale musicale, attraversata da grandi personalita' musicali come Stoliarsky,Oistrakh,Milstein ecc.e da famosi pianisti; non a caso dopo l'indipendenza dell'Ucraina é stata subito insignita dello" Stato Federale di Odessa Philarmonic Orchestra".

Hanno eseguito numerosi tour in tutto il mondo, e nel 2002 hanno conseguito lo status di" Istituzione Internazionale " dalle mani del Presidente dell'Ucraina Kuchma.

Continuano la loro opera sotto la guida del Mo. Earle,proveniente da precedenti esperienze di direzione in Europa ma anche in tutto il mondo,conseguendo sempre ottimi risultati,il quale oggi continua con questa mirabile orchestra, essendo ormai al suo 19^ anno di guida.

Hanno concluso la serata con esecuzioni di Beethoven,ma ancor di piu' come bis, con la famosa marcia di Radetsky.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

GENNAIO

Viene viene la Befana,

vien dai monti a notte fonda.

Com'é stanca! La circonda

neve,gelo e tramontana.

Viene viene la Befana.

Ha le mani al petto in croce

e la neve é il suo mantello

ed il gelo il suo pannello

ed il vento la sua voce.

Ha le mani al petto in croce.

E s'accosta piano piano,

alla villa al casolare,

a guardare, ad ascoltare

or piu' presso,or piu' lontano,

piano piano,piano piano.

 

( giovanni pascoli - la befana )

 

 

Si chiamono Gaspare,Melchiorre

e Baldassarre.Sono tre favolosi

Re dell'Oriente. Passano la notte

a studiare il cielo e le stelle.

Ed ecco che una notte,una stella,

si mette in moto nello spazio

immenso lassu'...

I tre Re si misero in cammino,

attraversarono i deserti,i monti,

i fiumi, e finalmente,sempre

guidati dalla Stella,giunsero a 

Betlemme.

Trovarono il Bambino Gesu'

tra le braccia di Maria, e subito

riconobbero nel piccolo neonato

il Re del mondo che cercavano.

E lo adorarono in ginocchio

offrendo i doni che avevano portato:

mirra,incenso,oro.

(Piero Bargellini  - I Re Magi - )

 

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook

UN FAVOLOSO GRAN GALA' DI CAPODANNO ALL'AUDITORIUM DI POTENZA

Non poteva cominciare nel migliore dei modi la Nuova Stagione Concertistica 2019 dell'Ateneo Musica Basilicata, giunta ormai alla 32^ edizione, presso l'Auditorium " Gesualdo da Venosa " di Potenza, ovvero con un' orchestra di tutto rispetto che ha celebrato nel Capoluogo il Primo dell'Anno intrattenendo un pubblico che ha gremito la sala.

Ospite prestigioso, l'Orchestra Filarmonica di Severedonestk, magistralmente guidata dal Direttore, attento ed energico, Vasily Kryachok,a capo di una formazione che si esibisce regolarmente in Italia,Spagna e Austria, fondata nel 1945 e che, nel 2005 ha celebrato il 60^ dalla Fondazione evidenziando buone " tradizioni culturali e sviluppo dell'arte musicale classica";

puo' vantare di aver eseguito le piu' importanti Sinfonie di Beethoven,Schubert,Brams,Tchaikovsky,Rachmaninov,Mozart,Strauss,ecc, nonche' opere sinfoniche uniche e complesse di Bruknera,Maheler,Ravel ecc.

Il prestigio l'ha portata a collaborare con cori di fama internazionale, come quello di Mosca,Kiev e San Pietroburgo,raggiungendo alti gradi di successo con " Passione secondo S.Giovanni, i requiem di Mozart ,Verdi,ecc. e negli ultimi anni ha inciso anche 13 CD di musica classica.

Insomma una formazione importante che ha regalato al pubblico di Potenza gradevoli esecuzioni spaziando dal Barbiere di Siviglia ai Valzer,alle Danze Ungheresi,Polke ed anche Bizet dalla Carmen,tutte molto applaudite e che hanno formato la prima parte dello spettacolo:

dopo una breve pausa, l'ineffabile Mo.Kriachok ha ripreso le esecuzioni dedicandosi a Strauss,iniziando dall'Overture " Il Pipistrello ", per poi procedere con le Polke, tra cui la famosa Tritsch Tratsch, il valzer Voci di Primavera,per poi concludere con l'indimenticabile " Sul Bel Danubio Blu ", esecuzioni che hanno permesso al Mo. di scherzare con il pubblico potentino che a sua volta, lo ha seguito simpaticamente e con attenzione;

non sono mancati i Bis, profusi con generosita' che hanno lasciato la gente di Potenza soddisfatta e piena di apprezzamenti.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

DICEMBRE

Il sole appare pallido e stanco.

Spesso la prima neve fa la sua comparsa improvvisa.

Nei campi deserti e sugli alberi spogli saltellano i merli e i passeri: 

ci faranno compagnia durante tutto l'inverno.

I contadini tengono d'occhio il grano.

Gli ortolani riparano gli ortaggi dal freddo.

I pescatori vanno a pesca d'anguille.

I bambini guardano dalla finestra e, 

col naso schiacciato contro il vetro,

pensano alle lontane scorribande sui prati.

( DICEMBRE - SILVANO  PEZZETTA -  ) 

 

Dicembre arriva per ultimo, col cappuccio calato sugli occhi.

Trova chiuse tutte le porte e tutte le finestre: 

nessuno gli vorrebbe aprire. Ma anche dicembre promette un

regalo.Dice con la sua voce chiara come il ghiaccio:

- Sotto il mantello ho un sacco,

apritemi bambini e poi vedrete!

Fidatevi di me...

Difatti quando é entrato nella casa, accende sul focolare

una grande grossa fiammata.

E' il sole dell'estate che, dai secchi sarmenti, torna a risplendere

e a scaldare.

E' bello li' dinnanzi, mangiar castagne, piluccare l'uva bionda,

sgranocchiare un cantuccio di pane fresco, bere un bicchiere di

vinello frizzante.!

I ragazzi guardano l'oro della fiamma, credono che la primavera ,

l'estate, l'autunno siano ancora li' tra loro,sorridenti e felici.

( I DONI DI DICEMBRE - GIUSEPPE FANCIULLI )

 

LUCIANO GENTILE 

(foto fonte facebook)

ALFREDO VIVIANI E LO STADIO DEL CAPOLUOGO

E' l'uomo a cui la citta' di Potenza deve il suo stadio:

impiegato statale ma anche calciatore,appassionato di sport,dirigente sportivo e scrittore,fu' il fondatore della prima squadra di calcio del Capoluogo,ovvero il Potenza Sport Club nel 1919 di cui fu' Presidente fino al 1936:

si prodigo' tanto per la costruzione dello stadio, fino a quando nel luglio del 1934 iniziarono i lavori che furono completati nell'ottobre dello stesso anno, e inizialmente,trattandosi dell'Era Fascista, fu' chiamato "Campo Sportivo del Littorio",inaugurato il 4 novembre successivo con l'incontro di calcio - Potenza Nissena terminata 1 a 1 - ;

purtroppo a partire dal 1936, Alfredo Viviani fu' colpito da una malattia che lo costrinse a letto fino a quando il 7 dicembre del 1937 mori', lasciando profonda tristezza in tutti i potentini e venosini, citta' quest'ultima che gli diede i natali il 26 giugno del 1889.

In conseguenza di tale avvenimento,ed essendo terminata con la fine della 2^ guerra mondiale l'Epoca Fascista, nel 1948 lo stadio di Potenza fu' intitolato ad " Alfredo Viviani ", ( 70 anni fa' )

a cui ancora oggi tutti i potentini sono riconoscenti  e memori di tante soddisfazioni,in particolar modo " il glorioso periodo della serie B ", di cui tutti,soprattutto oggi, auspicano il felice ritorno  che ci auguriamo avvenga al piu' presto.

 

LUCIANO GENTILE

( foto talenti lucani )

 

 

IN RICORDO DEL PITTORE ROCCO FALCIANO AD 85 ANNI DALLA NASCITA

Rocco Falciano, artista serio e discreto, nato nel 1933,inizia la sua attivita' nel mondo della pittura del realismo a Potenza,poi decide di trasferirsi a Roma per intensificare e migliorare le proprie conoscenze in questo settore, si incontra con il maestro Marino Mazzacurati con cui migliora la sua professionalita' e si riversa nella realizzazione di opere inerenti la pace, il mondo sociale ed economico,la non violenza ecc. affinando la propria liberta' espressiva ma senza dimenticare il vissuto nella terra d'origine.

Si dedica anche ai murali e successivamente alle nature morte,alla realta' del vivere:

persona sensibile ai valori umani e all'etica dell'arte e della pittura, é andato controcorrente rispetto all'arte contemporanea dedicandosi ad un lavoro " raffinato e rigoroso nella sua ricerca della luce e poesia dei paesaggi degli interni e delle cose".

E' stato uno stretto collaboratore del collega Ettore De Conciliis con cui realizzo' grandi opere quali, il dipinto murale - bomba atomica e coesistenza pacifica - nell'abside della chiesa di s. Francesco ad Avellino, il monumento alla Resistenza di Castelnuovo di Sotto (Reggio Emilia) e poi a Mantova,Trappeto,Fiano Romano,Cerignola ecc.

Ha anche occasione di viaggiare, New York - Toronto ecc. si dedica anche all'insegnamento negli istituti artistici, ma poi continua i suoi lavori in Lucania e nel Salento,prediligendo  - il piccolo formato e la tecnica dell'acquerello - :

pubblica anche un libro dal titolo - il Treno d'Argento -, un memoriale dal 1950 al 1990.

Si spegne a Roma il 19 gennaio 2012.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

 

LA RICORRENZA DI CRISTO RE

La solennita' di Cristo Re, che si celebra il 25 novembre," richiama Gesu' Cristo nel suo appellativo di Re, grazie al suo alto grado di eccellenza al di sopra di tutti gli uomini e di tutte le cose create, per il suo regnare nelle menti degli uomini, per il suo alto pensiero e scienza, per la verita' che esprime e che gli uomini ricevono con obbedienza influendo sulla nostra libera volonta' innalzandoci verso le cose piu' nobili;

ma é anche il Re dei Cuori grazie alla sua carita', comprensione,benignita' e misericordia che supera ogni comprensione umana, e nessun uomo é alla pari di Lui."

Tale riconoscimento e Festa verso l'Altissima Maesta' di Nostro Signore, fu' istituita da s.Pio XI con l'enciclica - Quas Primas - dell'11 dicembre 1925, per rispondere al dilagante laicismo degli stati occidentali iniziato con l'illuminismo e portato avanti anche dalla Rivoluzione Francese che perseguitava clero,episcopati e l'intera chiesa.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook

PRIMA NEVE IN BASILICATA

La Basilicata, dopo aver vissuto una meravigliosa estate di S.Martino, rispettata in pieno nelle sue caratteristiche e tradizioni, ha visto il rapido cambiamento climatico che ha portato pioggia e temporali con l'allerta della protezione civile, ma anche la prima neve:

in particolar modo ha interessato il massiccio del Pollino con la vetta di Serra Crispo che si é mostrata ricoperta di un soffice manto bianco a quota 1850 metri e con tutto il suo carico di freddo  e gelo.

Ma é arrivata anche piu' giu', cioe' sulla Sellata, a pochi chilometri da Potenza imbiancando il monte Arioso, suscitando l'interesse di tanti amanti dello sci,della neve e delle fantastiche passeggiate in montagna.

Speriamo che il tutto possa far presagire una fantastica stagione turistica, anche considerato l'avvicinarsi del Natale.

 

LUCIANO GENTILE

(foto fonte facebook)

2 NOVEMBRE. IL GIORNO DEI DEFUNTI

 " Vi é un giorno dell'anno, il 2 novembre in cui particolarmente ricordiamo i cari defunti.

Nei cimiteri discende la benedizione impartita dal sacerdote, si spargono i fiori, si accendono i lumi... e nei cento cimiteri di guerra ,

ove dormono i corpi dei soldati morti per la patria, si danno convegno il pensiero e l'amore di quanti non hanno dimenticato, ne' dimenticheranno;

vi risplendono la riconoscenza e la devozione.

Ma i fiori piu' belli che si possono offrire, i lumi piu' splendenti che si possono accendere, sono rappresentati dalle nostre opere.

Bisogna che i ragazzi onorino i loro cari perduti, crescendo buoni e bravi, quali essi avrebbero voluto vederli.

Si onorano i soldati caduti proponendosi di essere devoti e ottimi figli della Patria, di quell'Italia alla quale essi donarono la vita".

( il giorno dei morti - giuseppe fanciulli )

 

 

" C'é una croce per dire

qui fini' di soffrire

un uomo, un bambino,

la tua nonna,tuo fratello...

E ce n'e' tutto un giardino.

La pace é per chi muore.

La pace tiene le chiavi

di questo cancello.

Chi entra non faccia rumore.

Preghi, che Dio l'ascolti,

per chi é ora seminato

in questo lembo di prato.

Tutti abbiamo da ricordare

qualcuno che non puo' piu' tornare".

( camposanto  - renzo pezzani - )

 

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Meteo

Mostly Clear

2°C

Potenza

Mostly Clear

Humidity: 60%

Wind: 25.75 km/h

Ultime

Calendario Articoli

« Gennaio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Area Riservata