Log in
A+ A A-
Tenport1
Luciano Gentile

Luciano Gentile

URL del sito web:

CHOPEN E PIAZZOLLA PER L'ULTIMO CONCERTO DELL'A.M.B. DI POTENZA

Per l'ultimo concerto dell'A.M.B. di Potenza, abbiamo avuto un'ospite di tutto rispetto,il  " Talos Quntet ", ovvero una formazione che " svolge attivita' concertistica e didattica,riuniti per fare musica senza limiti di repertorio ",i cui membri, Fabio Maddaloni e Rita Iacobelli al violino,Francesco Capuano alla viola,Giuseppe Carabellese al violoncello,Giovanni Rinaldi al contrabbasso,sostenuti da Piero Rotolo al pianoforte, tutti hanno sostenuto corsi di perfezionamento con importanti docenti,hanno collaborato con Orchestre di grande importanza,si sono esibiti nei maggiori teatri italiani ed esteri,partecipato ad importanti festival internazionali ed hanno inciso per prestigiose tivu' e radio: quanto basta per dire che la qualita' non é mancata di fronte al pubblico potentino che li ha seguiti attentamente ed ha apprezzato la tematica del romanticismo espressa nelle musiche eseguite di Chopen e Piazzolla, e durante le quali é emerso il brillante suono del pianoforte suonato da quel Piero Rotolo dal curriculum importane  e dalle esibizioni da solista e accompagnatore di cui la critica ha sempre detto che " ne é scaturita una interpretazione degna dei piu' nobili dei drammi e delle sofferte lacerazioni introspettive, situazioni queste che il pianista ha saputo celebrare con maestria ed intelligenza interpretativa, avvalendosi di un tocco dalla squisita raffinatezza che ha miscelato una gamma di colori le cui immagini sonore facilmente sono state risolte in poesia: il pianista Piero Rotolo riesce sempre a far vedere la musica,a farci riflettere sui suoi significati piu' intimi e remoti, ma anche e soprattutto a farci comprendere come i meravigliosi segnali che egli riceve dai grandi del passato siano ancora irresistibilmente vivi,".

Con simili qualita' é terminato un ciclo di spettacoli che ci hanno tenuto compagnia per numerose domeniche e ci hanno fatto vivere momenti ed emozioni indimenticabili che, vogliamo augurarci si possano ripetere anche il prossimo anno.

ad maiora!

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook

BELLA SORPRESA. UN VIOLINO ECLETTICO

E' senza dubbio un'artista che riempie e conquista il palcoscenico, focalizza da subito su di se' l'attenzione e la curiosita' del pubblico che intrattiene non solo con le sue splendide esecuzioni, ma anche con il modo di muoversi e concentrarsi ed esprimere collaborazione con gli elementi dell'orchestra.

Ma non poteva essere diversamente per colui che viene definito uno dei " violinisti piu' controversi del nostro tempo " :

si é presentato davanti al pubblico potentino con una maschera di vetro e di lui, il violinista mondiale Ivry Gitlis ha detto di aver assistito ad " uno dei suoi spettacoli piu' incredibili che abbia mai sentito ".

Roman Kim, nato in Kazakistan, segue le orme di Paganini,ed é in grado di interpretare "Air " di Bach con tutte le parti del suo strumento, iniziativa che lo ha reso famoso su Youtube, e di cui spesso vengono elogiate  " l'energia esplosiva del suono, il virtuosismo , la tecnica, la purezza del suo tocco";

si dedica alle nuove tecniche per applicare le sue idee creative, ha inventato un nuovo tipo di archi e sperimenta anche l'uso dei vetri prismatici.

Tra le sue composizioni di successo annoveriamo: la parafrasi " I Brindisi e Dies Irae " per violino solo, alcune trascrizioni  e " Tre Romanzi per violino e pianoforte.

Insomma quanto basta per un'artista cosi' giovane e " veramente eclettico " che conquista letteralmente le platee,questa volta a Potenza ha incantato tutti, in compagnia dell' Orchestra Ico della Magna Grecia, ormai una valida istituzione di produzioni musicali italiane,guidata dal Mo. Piero Romano riconosciuto artista e organizzatore che oltre a dirigere questa orchestra, é stato anche insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica dal Presidente Mattarella.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook

AL CONCERTO DELL' A.M.B. GIOVANI ALLA RIBALTA

E' stata  una vera e propria ribalta per giovani, considerata appunto la loro giovanissima eta' ma anche il virtuosismo:

é stato questo lo scenario che si é presentato davanti agli occhi del pubblico potentino che ha avuto modo di ammirare questi veri talenti che hanno gia' molto seminato, e ancora lo faranno;

infatti leggendo il loro curriculum non si puo' dedurre diversamente.

Davanti all'Orchestra Filarmonica Federiciana, diretta dal Mo.Carlo Franceschi, é entrato per primo in scena il tredicenne Carlo Mistretta,che ha studiato presso il conservatorio di Caltanissetta, ed é gia' primo oboe della Juniororchestra young  dell'Accademia Nazionale di S.Cecilia a cui é stato ammesso " per merito " a frequentare il corso di Alta Formazione presso la stessa, ed il Mo. Genuini che la dirige ha detto di lui che " é un talento di grande anima e rara sensibilita', doti che lo rendono gia' musicista nobile ".

Oltre ad aver partecipato a diverse Masterclass con importanti maestri, oggi  " é considerato uno dei piu' grandi oboisti della sua generazione ", ha partecipato a numerosi concerti, é stato diretto da importanti maestri,ha vinto numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali, come " miglior solista,miglior giovane talento,come giovane promessa per la maggiore maturita' musicale ecc,inoltre il Campus di Bassano del Grappa gli ha conferito alcuni premi tra cui la collaborazione con  A.M.B. di Potenza e l'incisione discografica con Musikstrasse.

Successivamente abbiamo avuto modo di ammirare il giovane pianista Luca Lione, considerato  " Nova Promessa " del concertismo italiano " apprezzato per il suono e la tecnica brillante ", si é diplomato a Potenza con il massimo dei voti e menzione d'onore, ed ha gia' svolto una brillante carriera concertistica in Italia e all'estero, nel febbraio 2018 viene insignito del Premio al Talento e negli ultimi anni é risultato vincitore di oltre 30 concorsi nazionali ed internazionali:

nel presente svolge il ruolo di assistente alle classi di pianoforte presso il conservatorio di Potenza e di recente é stato citato nel libro di Luca Ciammarughi " Da Benedetti Michelangeli alla Argerich " fra la " meglio gioventu' italiana ".

Le loro apprezzatissime esibizioni si sono svolte sotto la direzione del Mo.Carlo Franceschi che nelle direzioni d'orchestra ha ormai acquisito grandi esperienze nazionali ed internazionali.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

IN RICORDO DI NANNI TAMMA

Il 29 marzo 2014,ovvero 5 anni fa',veniva a mancare Nanni Tamma, indimenticabile " voce radiofonica " e attore, spentosi dopo lunga malattia.

Anche se nato a Bari,ha vissuto per settant'anni a Potenza, ha lavorato presso la sede RAI Regionale del Capoluogo, si é prodigato anche in qualita' di attore, ed é soprattutto ricordato per le partecipazioni nei film di Carlo Verdone, "Viaggi di Nozze " in cui interpreta la parte del padre dello stesso e " C'era un cinese in coma ", in cui diventa " Il Mago Tiepolo ":

lo abbiamo visto in una decina di pellicole, ricordando che esordi' sul grande schermo nel 1990 con " In viaggio con Alberto " di Arthur Joffe', partecipo' nella celebre serie televisiva Don Matteo, in piu' realizzazioni del regista Dino Risi ed anche nella serie televisiva " Il Giudice Mastrangelo ", una produzione di Canale 5 dove il protagonista era Diego Abatantuono.

Si é spento all'eta' di 90 anni lasciandoci il suo sorriso e la sua grande simpatia.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

ALL'AUDITORIUM DI POTENZA IN COMPAGNIA DI CORRADO AUGIAS

Al tredicesimo concerto dell'A.M.B. organizzato presso l'Auditorium di Potenza,ha tenuto banco un volto noto della tv e del giornalismo italiano:

Corrado Augias, giornalista e scrittore di origini romane che anche ultimamente abbiamo avuto modo di seguire presso diversi canali Rai con programmi da lui stesso presentati.

Del resto la sua é una carriera lunga che lo ha visto impegnato in diversi ruoli,come corrispondente per l'Espresso e la Repubblica da Parigi e New York, poi inviato speciale per gli stessi e Panorama; si é occupato anche di teatro fin dagli anni sessanta con il " Teatro del 101 ", movimento di avanguardia per cui scrisse " Direzione Memorie e Riflessi di Conoscenza " che ebbe come protagonista Luigi Proietti. Prosegui' su questa scia con l'Onesto Jago che inauguro' la Biennale di Venezia, e poi " Le Fiamme e la Ragione " trattando delle vicende umane di Giordano Bruno: dal teatro alla casa editrice Rizzoli per cui scrisse una trilogia narrativa con caratteristiche spy-stories inerenti la Libia e la vigilia del Fascismo, e sempre sullo stesso filone, una storia reale con protagonisti i Servizi Segreti del Kaiser, impegnati a far uscire l'Italia dalla guerra prematuramente nel 1917.

Il romanzo " Tre colonne in Cronaca " segna la collaborazione con la moglie Daniela Pasti, inviato di Repubblica, a cui seguirono altri romanzi tra cui 4 dedicati ai Segreti di Parigi,Londra, New York e Roma che hanno visto numerose edizioni e traduzioni all'estero, ma anche programmi televisivi quali " Telefono Giallo e Babele ", ma anche Enigma, che lo ha visto in qualita' di autore e conduttore nonche' " Le Storie ", diario italiano per Rai 3.

Questa volta invece ce lo siamo ritrovati a tu per tu con lo spettacolo " Ecce Homo " accompagnato dalle musiche di Valentino Cervino e dagli interventi musicali di Luciano Tarantino al violoncello che ha attuato un " dolente accompagnamento musicale  al fine di stimolare lo spettatore alla scoperta di un Gesu' non vittima di un gioco bensi' pronto a mettere in gioco la sua stessa vita per le sue idee ".

Con questo spettacolo tende a mettere in evidenza cio' che meno si conosce sulle ultime ore di Gesu', uscendo dal consueto e dalle cose troppo spesso dette, e ponendosi domande insolite di quell'avvenimento " per meglio capire la tragica sorte di quel Giusto", ed a fianco a lui il perche' del parlare poco di Maria,Giuseppe,del tradimento di Giuda, l'arresto di Gesu', la sentenza del procuratore romano e della situazione politica e militare della Palestina di quegli anni.

Insomma i quesiti poco trattati che hanno avvinto la storia di un Gesu' portatore di un messaggio rivoluzionario, affascinante e commovente, i cui contenuti con l'accompagnamento di luci,video e foto, hanno catturato fino in fondo l'attenzione dei presenti.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

UN PIANISTA STRAORDINARIO ATTRAVERSO LE MUSICHE DI BACH

Un nuovo appuntamento con l'A.m.b.di Potenza, che ci ha fatto conoscere uno straordinario pianista come Andrea Bacchetti,il quale questa sera davanti al pubblico dell'Auditorium si é riversato nel mondo della musica di Bach, presentandolo attraverso suite,overture e fantasie,composizioni di gran pregio che hanno tenuto gli spettatori attenti e affascinati da un suono sublime e dalla grande maestria dell'ospite gradito e molto applaudito:

ma non poteva essere diversamente per uno come lui che aveva la fortuna di debuttare a soli 11 anni con i Solisti Veneti diretti da Scimone, e che da allora ha osservato una carriera incredibile,che gli ha permesso la partecipazione a Festival Internazionali in tante citta' italiane, in Europa,presso prestigiosi centri musicali come a Berlino,Parigi,Praga,Mosca ed oltreoceano in Argentina,Brasile ecc.

Anche in Italia é stato ospitato dalle maggiori orchestre e da tutte le piu' importanti associazioni concertistiche.

Lo stesso per quelle Europee ed ha avuto il piacere di lavorare con direttori prestigiosi quali Bellugi,Guidarini,Renes,Zedda, Manacorda,Grazioli ecc:

incide i suoi lavori esclusivamente per Sony Classical e nella sua ampia discografia vi é da ricordare il SACD con le sonate di Cherubini e " The Scarlatti Restored Manuscript " che é risultato vincitore " dell'ICMA 2014 nella categoria Baroque Instrumental, ma anche incisioni su Bach persino in collaborazione con la RAI italiana;

importanti anche le collaborazioni e persino compositori come Vacchi,Boccadoro,Del Corno, gli hanno dedicato brani, importanti i concerti tenuti in Europa e nel mondo.

Non a caso la sua attuale tournee' lo vedra' impegnato in Norvegia,Giappone,Egitto,Sudamerica includendo anche un concerto con i solisti di Mosca diretti da Baschemet.

Insomma quella del pubblico potentino é stata una conoscenza davvero importante e soddisfacente.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

PRESENTATO IL FLAUTO MAGICO DI MOZART ALL'AUDITORIUM DEL CAPOLUOGO

Un corposo schieramento di artisti,circa cento, ha invaso il palcoscenico dell'Auditorium del Capoluogo,per presentare " Il Flauto Magico " di Mozart, considerato " Il racconto del capolavoro di Mozart ",e che ha visto protagonisti soprattutto i giovani inquadrati tra i Solisti e Orchestra del Conservatorio Monteverdi di Bolzano e i Cori del Liceo Musicale Gropius di Potenza e Q.O. Flacco di Venosa:

insieme a costoro una larga schiera di cantanti di tutte le nazionalita',ovvero dei 4 continenti considerate le loro origini, che hanno lodevolmente accompagnato le esecuzioni orchestrali; infatti mentre i testi narrativi venivano spiegati e introdotti dall'abile e simpatico presentatore Giacomo Fornari,le parti esplicative della favola, venivano presentate dalla valida orchestra e dai cantanti,talvolta accompagnati dai cori, creando gradevoli esecuzioni che il pubblico potentino ha mostrato di gradire molto.

Alla guida dell'intero complesso,il direttore Emir Saul,di origine argentina,compositore e direttore dalla carriera internazionale che lo ha portato a dirigere negli stati piu' importanti del mondo ed anche in Italia, dove ha acquisito la cittadinanza e vi risiede: ha diretto importanti filarmoniche e si é esibito con artisti internazionali, nel 1985 ha fondato l'orchestra giovanile di Bolzano e attualmente é insegnante di esercitazioni orchestrali al conservatorio Monteverdi della citta' trentina,direttore dell'associazione Amici della Musica del Lago di Garda e Membro della commissione artistica Fondazione Mahler.

In questa gradevole serata si é trovato di fronte l'Orchestra Accademica Monteverdi,capace di produzioni impegnative, con a carico un cospiquo repertorio lirico -sinfonico e corale,garantendo cosi' ai giovani che ne fanno parte un largo bagaglio di esperienze e opportunita': attualmente sviluppano il Ciclo delle Nove Sinfonie di Beethoven e a marzo presenteranno i Carmina Burana con un coro di circa 200 partecipanti;

ma anche il coro dei licei musicali di Potenza e Venosa,nato per la rappresentazione dell'opera Die Zauberflote di Mozart,che li ha messi in grado di affrontare il repertorio operistico ed esperienze musicali differenti.La loro preparazione é stata curata dai professori di canto dei due licei, Milena L'amico, Antonella Orofino,Elena Sabatino e Saverio Sangiacomo.

I numerosi e giovani cantanti che si sono esibiti e alternati hanno offerto belle prove,dimostrando gia' un buon livello di preparazione raggiunto,incitati e presentati da Giacomo Fornari,simpatico e molto chiaro nelle esposizioni,dotato di ottimo curriculum e di un alto gradimento per Mozart considerati gli studi a lui indirizzati,collaboratore di riviste e programmi rai regionali,direttore del teatro musicale Monteverdi di Bolzano e dal 2012 anche membro dell'Akademie fur Mozartdorschung al Mozarteum di Salisburgo.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook

L'8 MARZO 1964 IL POTENZA DELLA SERIE B CONQUISTAVA UNA GRANDE VITTORIA AL S.PAOLO DI NAPOLI

Ne sono passati di anni, ben 55,ma i ricordi carichi di passione non si cancellano mai,soprattutto se si tratta della squadra del cuore, il Potenza Calcio,quello della serie B, il fantastico quinquennio che vide la squadra del Capoluogo impegnato nella serie cadetta con brillanti risultati:

di fronte al mancato decollo industriale, per una cittadina del sud, allora di 43.000 abitanti, il calcio costituiva una nuova speranza,fonte di realizzazioni e risultati da acquisire, e di primati ne furono conquistati considerata anche l'ammirazione della stampa nazionale,la folla che lo seguiva vocata da paesi e citta' vicine e che vedevano lo stadio Viviani sempre gremito nell'attenzione di tanti.

Il risultato straordinario a Fuorigrotta dell'8 marzo 1964 segno' un grande trionfo rossoblu',ad opera di Carrera al 36^ e suuccessivamente all'80^ di Rosito, e a nulla valse l'accorciare le distanze del napoletano Gilardoni su rigore: il risultato positivo fu' portato a casa con una grande prova di carattere, anche tra le grandi emozioni del dopo partita,che misero in risalto un magnifico Potenza che, addirittura nell'anno successivo fu' molto vicino alla conquista della serie A;

anche oggi si combatte nella speranza di un risultato che potrebbe essere raggiunto e fa' ben sperare,perche' molti,certamente molti,non vogliono rinunciare a questo sogno che ognuno di noi, in cuor suo anelerebbe a veder realizzato. Il ritorno in serie B.

La speranza é sempre l'ultima a morire.

Forza Potenza.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook

HISTOIRE DE CARMEN DI SCENA ALL'AUDITORIUM DI POTENZA

Immersi in una bella atmosfera ricostruita sul palcoscenico dell'auditorium del Capoluogo, grazie allo scorrere di diapositive, all'ambientazione ricostruita, i costumi,le ballerine, le musiche magicamente rievocate dall'Ensamble " Suoni del Sud ", é stato possibile rivivere la storia della Carmen di Bizet, una rivisitazione ispirata al racconto originale di Merimèe e nello spettacolo raccontata dal cantattore Christian Levantacci che, impersonando il brigadiere Don Jose' ci ha raccontato la storia di Carmen:

e sul palcoscenico si sono alternate ballerine,cantanti,attori che hanno snocciolato questo racconto intriso di amori,gelosie,passioni e liberta', la carica dei sentimenti ben sostenuta dalla formazione musicale che ha presentato le parti piu' belle e significative di questa storia sotto la guida di Gianna Fratta,direttore d'orchestra di alto livello che debutta in questa veste nel 1998, poi collaborando con importanti orchestre mondiali, solcando i piu' noti teatri mondiali anche al fianco di artisti internazionali per poi arrivare persino ad essere insignita , nel 2009 del titolo di Cavaliere  della Repubblica Italiana.

Il cantattore ha introdotto con i suoi interventi molto bene i quadri presentati al pubblico , ma non poteva essere diversamente per uno che a soli 5 anni gia' vinceva il " primo festival canoro ",poi lo studio della regia cinematografica ha fatto il resto aprendogli le porte delle collaborazioni e ruoli da protagonista, il tutto in un fantastico crescendo di attivita':

la musica favolosa di quest'opera ha trascinato il pubblico attento e interessato, con l'insieme arricchito dalle fantastiche musiche dell'Ensamble " Suoni del Sud ", nata nel 1992 con un trascorso di rilievo e che oggi la vede impegnata con case cinematografiche ma soprattutto in collaborazione per registrazioni di musiche da film di validi musicisti quali Morricone,Piovani,Bachalov ed altri, ma anche artisti come Ricciarelli,Lonquic,Ciccolini,Ughi,ecc.,situazioni che la portano di frequente presso gli studi della Rai;

gli ingressi delle  ballerine alternati agli interventi canori degli artisti hanno vivacizzato una rappresentazione rivisitata ma vivace e molto gradita.

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

LA VITA DI COCO CHANEL SUL PALCO DELL'AUDITORIUM DI POTENZA

Si parla di donna, una donna in controtendenza,arte difficile in altri tempi,ma che lei,Coco Chanel,ovvero Gabriel Bonheur Chanel,riusci' a sviluppare senza turbare gli altri,anzi coinvolgendoli nel gradire un nuovo modo di vestire,muoversi e comportarsi,che aiuto' la donna a mutare il proprio stile di vita.

Questo é stato messo in evidenza al 9^ concerto dell'A.M.B. DI Potenza,sul palco dell'Auditorium del Capoluogo,grazie alla formazione composta da Gabriella Orlando al pianoforte,Libera Granatiero soprano,Pino Nese al flauto e Yvonne Grimaldi voce recitante, la quale con l'ausilio del fattore " sonoro-visuale ha esposto e ripercorso i momenti salienti della vita' dell'artista madamoiselle Chanel ",ovvero " un viaggio nell'immaginario dove vedere, sentire e ascoltare diventano inseparabili,irrevocabilmente connessi tra materia e leggerezza":

e cosi' tra un racconto e una canzone é emersa la grande voglia di Chanel di cambiare il modo di vivere della donna, rendendola piu' libera da vecchie abitudini e costrizioni,offrendo una nuova visuale dell'essere donna, con una sobria eleganza che rende piu' pratico e comodo il  vestire, muoversi, comportarsi,l'essere eleganti,ovvero lo stile che tutti le attribuivano e che spaziava dai vestiti comodi ai profumi,alle borse ed altro,ovvero a tutto quanto la donna necessitava  per poter essere bella, attraente e moderna;

infatti come lei stessa diceva, " la vera eleganza non puo' prescindere dalla piena possibilita' del libero movimento ".

Questo concetto l'ha imposta nel mondo del fashion design, che nell'arco degli anni ha avuto un solo trend: é stato sempre in salita,un percorso inarrestabile che ha offerto creazioni incredibili che hanno fatto tendenza e storia sviluppando un impero di successo che ancora oggi ha molto da dire:

infatti a circa 50 anni dal suo decesso,la casa di moda da lei creata continua ad esistere e produrre idee e nuovi prodotti a sugello di un qualcosa di intramontabile dove " i suoi paesaggi interiori,i suoi sogni e disincanti circondati dal bianco delle sue amate perle e dal nero della sua petite robe noire, ci rende partecipi della sua vita straordinaria ".

 

LUCIANO GENTILE

foto fonte facebook 

Sottoscrivi questo feed RSS

Meteo

Mostly Clear

2°C

Potenza

Mostly Clear

Humidity: 60%

Wind: 25.75 km/h

Ultime

Calendario Articoli

« Maggio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Area Riservata