Log in
A+ A A-
Antonio Corbo

Antonio Corbo

URL del sito web:

STUDENTI E PROF PER IL DIGITALE (AICA-MIUR) UNA BELLA WEB COMPETITION

L’AICA (Associazione italiana per l’informatica e il calcolo automatico) e il MIUR lanciano la quarta edizione di WebTrotter: il giro del mondo in 80 minuti; una competizione nazionale in rete rivolta agli studenti dei primi tre anni degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore in una sfida basata sulla capacità di cercare informazioni in rete e di utilizzare consapevolmente il web come fonte informativa.
Le squadre in gara, composte da quattro studenti, sono state allenate dai docenti (Referenti di squadra), ed il 14 marzo 2017 hanno partecipato alla gara di qualificazione.
Ogni squadra ha avuto a disposizione un solo accesso al sistema: tutti i componenti della squadra hanno potuto usare vari dispositivi (PC, tablet, smartphone...) per collaborare alla ricerca delle risposte; gli studenti hanno formato un gruppo affiatato, in grado di interagire in modo efficace per trovare insieme e velocemente le riposte ai quesiti.
Le Competenze richieste sono state quelle della nuova ECDL Base.
Per ogni istituto sarà selezionata la squadra migliore che parteciperà alla gara nazionale prevista per mercoledì 5 aprile.
La Dirigente Scolastica Giovanna Sardone afferma che: “I docenti hanno il compito delicatissimo - di formare una generazione che si muove in uno scenario in costante divenire grazie alle tecnologie; spetta ai docenti, preparare i ragazzi ad un uso appropriato degli strumenti digitali, le cui potenzialità potrebbero andare sprecate se non affrontate in modo critico e consapevole”.
L’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza si distingue, ancora una volta, promovendo il progetto “Webtrotter”, finalizzato ad impiegare la metodologia del gioco e della sfida tra studenti, per portarli alla risoluzione di quesiti di natura interdisciplinare e destare in essi curiosità ed interesse verso la scoperta di strumenti e risorse informative tramite la rete internet.
L’iniziativa nasce sempre dal favorevole incoraggiamento (considerata l’alta valenza formativa del Progetto) della Preside di questa scuola: la Prof.ssa Giovanna Sardone. La sua “vision” dirigenziale, al passo con i tempi e coerente con la recente Riforma della Scuola Secondaria di Secondo Grado, di cui alla Legge 107/2015 (definita La Buona Scuola), ha determinato una riorganizzazione scolastica e didattica, improntata sullo sviluppo delle “competenze” e volta a superare “l’insegnamento per contenuti”.
Tutto ciò, in favore del successo formativo degli studenti e a garanzia delle pari opportunità.
A coordinare tutta l’attività è stata la dinamica e valente prof.ssa Grignetti Anna Lucia (Referente d'Istituto), promotrice dell’iniziativa.

GRAZIE ALL'ERASMUS + PLUS AN.DI.BAS. PER ANIMATORI DIGITALI A SCUOLA UN'ESPERIENZA DI FORMAZIONE IN AMBITO DIGITALE E TECNOLOGICO IN DIMENSIONE EUROPEA

E’ soprattutto grazie all’Erasmus+ An.Di.Bas. che i docenti in servizio beneficiano di mobilità per studio o sviluppo professionale all’estero in ambito digitale e tecnologico in dimensione europea. Resta molto, molto forte l’esigenza di formazione all’estero da parte dei docenti italiani: insegnanti come il prof. Antonio Corbo dell’“Einstein De Lorenzo” di Potenza che ha trascorso un bel periodo di osservazione (Job Shadowing Erasmus ) in un Istituto Scolastico di un altro paese europeo (Finlandia - Kyrönmaan lukio - Isokyrö dal 5 marzo al 11 marzo 2017) il docente Corbo Antonio ha scelto di realizzare un periodo di osservazione di insegnamento in una scuola europea, quale quella finlandese. perchè dal 2008 al 2012 circa si è tantissimo parlato della “Scuola Finlandese” come la migliore, questo perché dai “test” Pisa (Programme for International Study Assessment) che servono a valutare la preparazione degli studenti, è emerso che i finlandesi sono gli studenti migliori, i più preparati in lingua, matematica e scienze. In Finlandia ogni studente ha diritto al riposo! Mentre in Italia le ore di lezione si susseguono con pochissimi momenti di pausa (quando va bene, ci sono due intervalli da dieci minuti in sei ore), in Finlandia ogni 20/25 minuti di attività si fanno alcuni minuti di pausa, che possono essere impiegati dagli alunni per alzarsi e sgranchirsi le gambe, guardare un video musicale, cantare e ballare tutti insieme gli studenti imparano 3 lingue differenti, la scuola un luogo dove crescere, imparare a rispettare se stessi e gli altri, coltivare semi di felicità!.

Se gli insegnanti sono migliori, la scuola provvede all’assunzione dei docenti attraverso un comitato di gestione degli istituti, formato da insegnanti e genitori, che analizza i curricoli e fa un colloquio, vengono poi assunti dalle scuole e possono essere licenziati dalle scuole, i docenti per essere riconosciuti come tali, e quindi assumere uno status nobilitante (in Finlandia è uno status sociale riconosciuto importante socialmente), devono studiare molti anni ed essere molto preparati, devono continuamente tenersi aggiornati e preparati e devono superare esami durissimi per poter insegnare.

Afferma il prof. Antonio Corbo “Non bisogna dimenticare che un’attività di formazione europea, indipendentemente dal tipo di mobilità che viene realizzata, diventa un’esperienza di crescita professionale e di sviluppo di nuove competenze che parte – nel mio caso - dalle esigenze dell’Istituto Scolastico I.I.S. “Einstein De Lorenzo” nel suo insieme e all’Istituto I.I.S. “Einstein De Lorenzo” stesso ritorna, sotto forma di innovazione nell’insegnamento”. Continua il docente Corbo Antonio: «Esperienza entusiasmante, che mi ha fatto capire che in Italia dobbiamo ancora lavorare in, quanto a luoghi e attrezzature, spazi per i ragazzi e flessibilità organizzativa - anche se a dire il vero -nella mia scuola siamo già da due anni sulla strada giusta grazie all’avvento della Dirigenza Sardone Giovanna ».

L’avventura ha avuto un innesco che prosegue anche al di fuori perché molti docenti hanno scoperto grazie -  anche - alla testimonianza del prof. Antonio Corbo l’importanza della formazione permanente, degli scambi e del confronto con colleghi e scuole di altri Paesi. Il prof. Corbo Antonio ringrazia in modo particolare la: Dott.ssa Claudia Datena Dirigente Coordinatore dell’Ufficio Scolastico Regionale, la Dott.ssa Debora Infante Dirigente Provinciale dell’Ufficio Scolastico Regionale, la Dirigente Scolastica dell’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza la Prof.ssa Giovanna Sardone , lo Sportello Europa e la sua Dirigente Scolastica dell’Istituto “F.S. Nitti“ Prof.ssa Lucia Girolamo, insieme all’ing. Pasquale Costante referente Piano Nazionale Scuola Digitale dell’Ufficio Scolastico Regionale, per aver promosso, sostenuto e supportato questa magnifica esperienza di mobilità per l'apprendimento – Azione Chiave 1 Erasmus Plus sui temi dell'innovazione didattica e digitale, con la bella possibilità di confrontarsi con i colleghi di altri Paesi europei.

 

 

Trend 3.0 Winter

Dal 3 al 6 dicembre 2016 il centro storico di Potenza ha ospitato il "Trend 3.0 winter", la manifestazione dedicata alla formazione e al lavoro, con 23 stand espositivi, un'area per lo "street food", eventi teatrali e musicali e un laboratorio per gli studenti delle scuole superiori lucane. Si tratta dell'edizione "invernale" del Trend Expo, che ha raggiunto quest'anno il 22/o appuntamento.

Una bellissima manifestazione che ha cercato di mantenere vivo il legame che unisce il mercato del lavoro e l’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza: docenti, studenti e assistenti tecnici sono stati, infatti, protagonisti dell’iniziativa attraverso uno stand dedicato alle attività dell’Istituto Scolastico, presso il Ponte Attrezzato del capoluogo. L’iniziativa è stata curata dal prof. Smaldone G. e dai proff. Antonio Claps e Antonio Corbo, Coordinatori dell’evento.

Il “Trend 3.0 winter” ha rappresentato  un'ottima opportunità per gli studenti dell’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” che dal prossimo gennaio dovranno scegliere il proprio percorso di studi, sia per i giovani diplomati che, una volta concluso l'iter formativo, sono alla perenne ricerca di indicazioni utili alla definizione di un progetto professionale e lavorativo o interessati a proseguire gli studi o a ricercare  una nuova occupazione.
Gli studenti del I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza, coordinati dai docenti della Commissione di Orientamento, sono stati proprio loro a fungere da sportello informativo, raccontando ai futuri iscritti le potenzialità degli sbocchi professionali connessi ai cinque indirizzi (Meccanica, Meccanotrica ed energia, Elettronica Elettrotecnica ed Automazione, Chimica Materiali e Biotecnologie, Informatica  e Telecomunicazioni, Costruzioni, Ambiente e Territorio, Geotecnico - Corso Serale/Sirio) dell’offerta formativa dell’I.I.S. “Einstein De Lorenzo”.

La Dirigente Scolastica Prof.ssa Giovanna Sardone  afferma che l’obiettivo è quello di cercare di superare la separazione tra il mondo produttivo e il sistema scolastico, attraverso l’acquisizione di competenze maturate sul campo, nonché di incrementare le opportunità di lavoro e la capacità di orientamento degli studenti dell’I.I.S “Einstein De Lorenzo” e manifesta l’ ampia disponibilità nell'assecondare i reciproci interessi che trovano il punto d'incontro nell'intersecazione tra la domanda e l'offerta di lavoro.

 

Trend 3.0 Winter

Dal 3 al 6 dicembre 2016 il centro storico di Potenza ha ospitato il "Trend 3.0 winter", la manifestazione dedicata alla formazione e al lavoro, con 23 stand espositivi, un'area per lo "street food", eventi teatrali e musicali e un laboratorio per gli studenti delle scuole superiori lucane. Si tratta dell'edizione "invernale" del Trend Expo, che ha raggiunto quest'anno il 22/o appuntamento.

Una bellissima manifestazione che ha cercato di mantenere vivo il legame che unisce il mercato del lavoro e l’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza: docenti, studenti e assistenti tecnici sono stati, infatti, protagonisti dell’iniziativa attraverso uno stand dedicato alle attività dell’Istituto Scolastico, presso il Ponte Attrezzato del capoluogo. L’iniziativa è stata curata dal prof. Smaldone G. e dai proff. Antonio Claps e Antonio Corbo, Coordinatori dell’evento.

Il “Trend 3.0 winter” ha rappresentato  un'ottima opportunità per gli studenti dell’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” che dal prossimo gennaio dovranno scegliere il proprio percorso di studi, sia per i giovani diplomati che, una volta concluso l'iter formativo, sono alla perenne ricerca di indicazioni utili alla definizione di un progetto professionale e lavorativo o interessati a proseguire gli studi o a ricercare  una nuova occupazione.
Gli studenti del I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza, coordinati dai docenti della Commissione di Orientamento, sono stati proprio loro a fungere da sportello informativo, raccontando ai futuri iscritti le potenzialità degli sbocchi professionali connessi ai cinque indirizzi (Meccanica, Meccanotrica ed energia, Elettronica Elettrotecnica ed Automazione, Chimica Materiali e Biotecnologie, Informatica  e Telecomunicazioni, Costruzioni, Ambiente e Territorio, Geotecnico - Corso Serale/Sirio) dell’offerta formativa dell’I.I.S. “Einstein De Lorenzo”.

La Dirigente Scolastica Prof.ssa Giovanna Sardone  afferma che l’obiettivo è quello di cercare di superare la separazione tra il mondo produttivo e il sistema scolastico, attraverso l’acquisizione di competenze maturate sul campo, nonché di incrementare le opportunità di lavoro e la capacità di orientamento degli studenti dell’I.I.S “Einstein De Lorenzo” e manifesta l’ ampia disponibilità nell'assecondare i reciproci interessi che trovano il punto d'incontro nell'intersecazione tra la domanda e l'offerta di lavoro.

 

Il Futuro della Ricerca comincia in classe

Venerdì 4 novembre 2016 dalle ore 10 gli alunni eletti Referenti della Commissione “Salute e Solidarietà” di tutte le classi,

hanno partecipato c/o l’Aula Magna della scuola “Einstein De Lorenzo” per assistere ad un’interessante e utile conferenza, organizzata dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Relatore è stato il Ricercatore, Dr. Roberto Bianco.

“Il ruolo della scuola è fondamentale per trasmettere l’educazione e la conoscenza propedeutica all’adozione di comportamenti salutari e diffondere la cultura della prevenzione tra gli studenti in età scolare” così ha aperto la conferenza la Preside prof.ssa Giovanna Sardone.

Infatti comprendere l’importanza della prevenzione e degli stili di vita sani, hanno riguardato il dialogo-ascolto con il ricercatore Dr. Bianco, che ha raccontato la propria esperienza professionale e di vita e ha fatto scoprire agli studenti “privilegiati”….intervenuti… la ricerca oncologica. Un’occasione per approfondire i temi della prevenzione e dei corretti stili di vita, in cui gli studenti hanno condiviso con il ricercatore i propri dubbi e curiosità e scoperto come impegnarsi a fianco della ricerca sul cancro come con l’acquisto di una confezione “Cioccolatini della ricerca Lindt” la scelta è legata al crescente interesse nei confronti del cacao quale agente terapeutico e preventivo nei confronti del cancro – appositamente creata per l’AIRC, a fronte di una donazione. L'iniziativa è stata denominata: 'I doni per la ricerca', perché la raffinata confezione di cioccolatini, si presta perfettamente per un regalo.  Sana alimentazione la scatola sarà accompagnata da una guida intitolata per comprendere la complessità del cancro e per batterlo in cui sono illustrate le nuove frontiere della ricerca oncologica. Gli scienziati, infatti, hanno individuato dieci proprietà dei tumori, corrispondenti dieci obiettivi, su cui si sta concentrando il loro lavoro per rendere il cancro sempre più curabile.

L’AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, aiuta le scuole secondarie nel difficile compito di avvicinare i giovani alla cultura della salute, della prevenzione e del benessere, attraverso un progetto educational per dire tutti insieme "No al fumo". Nasce così “l'Isola dei Fumosi”, il percorso educativo -gratuito- sotto forma di videogioco (disponibile online all’indirizzo http://scuola.airc.it/isoladeifumosi.asp e in app) per coinvolgere i giovani su questo tema attraverso uno strumento che parla la loro stessa lingua. Giocando si scoprono consigli per la prevenzione e si può accedere alle schede didattiche del ricercatore da leggere in classe o a casa.

Come previsto dalla circolare organizzativa della dirigente, al termine dell’incontro, gli allievi dovranno relazionare per iscritto, la loro esperienza (in forma individuale e/o

di gruppo) in modo da condividerla con i compagni di classe, alla prima occasione utile (durante i cambi dell’ora, in

assenza del docente, oppure nell’assemblea di classe, etc.). Solo gli alunni meritevoli, previa verifica di un docente del Consiglio di Classe (scelto a rotazione tra i componenti delle varie discipline) conseguiranno il punto di merito previsto dal Progetto “Voglio crescere in una scuola Amica”, assegnato dall’insegnante che ha valutato la relazione.

Le docenti responsabili della Commissione “Salute e Solidarietà” (le proff. Romanelli Rosa e Daniela

Terrasi) hanno affermato che l’iniziativa è stata utile per sensibilizzare sempre più i giovani in quanto la scuola è in prima linea nella prevenzione: facendo buona informazione.

Gli studenti hanno assunto un comportamento adeguato alla circostanza, per rendere ogni attimo dell’esperienza formativa, di valida ricaduta culturale sulle competenze in fieri.

 

Il Futuro della Ricerca comincia in classe

Venerdì 4 novembre 2016 dalle ore 10 gli alunni eletti Referenti della Commissione “Salute e Solidarietà” di tutte le classi,

hanno partecipato c/o l’Aula Magna della scuola “Einstein De Lorenzo” per assistere ad un’interessante e utile conferenza, organizzata dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Relatore è stato il Ricercatore, Dr. Roberto Bianco.

“Il ruolo della scuola è fondamentale per trasmettere l’educazione e la conoscenza propedeutica all’adozione di comportamenti salutari e diffondere la cultura della prevenzione tra gli studenti in età scolare” così ha aperto la conferenza la Preside prof.ssa Giovanna Sardone.

Infatti comprendere l’importanza della prevenzione e degli stili di vita sani, hanno riguardato il dialogo-ascolto con il ricercatore Dr. Bianco, che ha raccontato la propria esperienza professionale e di vita e ha fatto scoprire agli studenti “privilegiati”….intervenuti… la ricerca oncologica. Un’occasione per approfondire i temi della prevenzione e dei corretti stili di vita, in cui gli studenti hanno condiviso con il ricercatore i propri dubbi e curiosità e scoperto come impegnarsi a fianco della ricerca sul cancro come con l’acquisto di una confezione “Cioccolatini della ricerca Lindt” la scelta è legata al crescente interesse nei confronti del cacao quale agente terapeutico e preventivo nei confronti del cancro – appositamente creata per l’AIRC, a fronte di una donazione. L'iniziativa è stata denominata: 'I doni per la ricerca', perché la raffinata confezione di cioccolatini, si presta perfettamente per un regalo.  Sana alimentazione la scatola sarà accompagnata da una guida intitolata per comprendere la complessità del cancro e per batterlo in cui sono illustrate le nuove frontiere della ricerca oncologica. Gli scienziati, infatti, hanno individuato dieci proprietà dei tumori, corrispondenti dieci obiettivi, su cui si sta concentrando il loro lavoro per rendere il cancro sempre più curabile.

L’AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, aiuta le scuole secondarie nel difficile compito di avvicinare i giovani alla cultura della salute, della prevenzione e del benessere, attraverso un progetto educational per dire tutti insieme "No al fumo". Nasce così “l'Isola dei Fumosi”, il percorso educativo -gratuito- sotto forma di videogioco (disponibile online all’indirizzo http://scuola.airc.it/isoladeifumosi.asp e in app) per coinvolgere i giovani su questo tema attraverso uno strumento che parla la loro stessa lingua. Giocando si scoprono consigli per la prevenzione e si può accedere alle schede didattiche del ricercatore da leggere in classe o a casa.

Come previsto dalla circolare organizzativa della dirigente, al termine dell’incontro, gli allievi dovranno relazionare per iscritto, la loro esperienza (in forma individuale e/o

di gruppo) in modo da condividerla con i compagni di classe, alla prima occasione utile (durante i cambi dell’ora, in

assenza del docente, oppure nell’assemblea di classe, etc.). Solo gli alunni meritevoli, previa verifica di un docente del Consiglio di Classe (scelto a rotazione tra i componenti delle varie discipline) conseguiranno il punto di merito previsto dal Progetto “Voglio crescere in una scuola Amica”, assegnato dall’insegnante che ha valutato la relazione.

Le docenti responsabili della Commissione “Salute e Solidarietà” (le proff. Romanelli Rosa e Daniela

Terrasi) hanno affermato che l’iniziativa è stata utile per sensibilizzare sempre più i giovani in quanto la scuola è in prima linea nella prevenzione: facendo buona informazione.

Gli studenti hanno assunto un comportamento adeguato alla circostanza, per rendere ogni attimo dell’esperienza formativa, di valida ricaduta culturale sulle competenze in fieri.

 

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’ STRADALE

Si è conclusa con successo l’iniziativa “Vigile per un giorno day”.... Evento riuscitissimo!!! con la perfetta sinergia tra Scuola-Comune-Polizia-Carabinieri-Vigili del Fuoco-Fidas-Parrocchia-Associazioni culturali e comunità di Grassano per testimoniare che è possibile una cultura della Legalità attraverso un senso profondo di Appartenenza. Dalla scuola della Basilicata oltre 1000 gli alunni. I partecipanti al progetto hanno dunque lavorato bene nei panni dei vigili, rendendosi in questo modo conto di persona di cosa significa essere dalla parte di chi ha il compito di controllare il traffico. 

Ringrazio la collega Marcella Marsico dell’Istituto Comprensivo di Grassano, per aver  tradotto molto bene un’idea dedicata ai più piccoli studenti, quelli delle scuole primarie – ha spiegato la D.S. prof.ssa Giovanna Sardone – E’ una iniziativa che contribuisce alla costruzione di una coscienza personale e del senso di responsabilità che deve essere particolarmente marcato, se si vuole –come si deve- tutelare la propria vita e quella degli altri, quando si guida sulle strade. La nostra scuola ha partecipato alla manifestazione “Vigile per un giorno day”,con una propria rappresentanza, capitanata dalla prof.ssa De Carlo Maria, Referente dell’iniziativa. Così, venerdì 14 Ottobre 2016, sono state selezionate e autorizzate a partecipare gli allievi delle classi 1G -1L  -1D per rappresentare l’intero Istituto Scolastico “Einstein De Lorenzo”  di Potenza, accompagnatori dai proff. De Carlo Maria, Corbo Antonio, Brindisi Raffaele e Rongo Antonio. Un’occasione educativa utilissima per far crescere sempre più il senso civico negli studenti.  “Il progetto Vigile per un giorno” nasce nell’anno scolastico 2010/2011 da un’idea della F.I.D.A.S. (Donatori Sangue) di Grassano, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo

“A. Ilvento” della Dirigente Scolastica Prof. ssa Marcella Anna Marsico, e l’Amministrazione Comunale del paese materano.
Lo scopo del progetto, che si rinnova annualmente, è quello di educare le nuove generazioni al rispetto delle regole, con particolare riguardo al rispetto delle regole della strada.  “ Vivi la strada, evita gli incidenti, per non rincorrere l’emergenza sangue”, questo l’obiettivo primario di un percorso didattico  che vede ogni anno come  protagonisti  gli alunni delle classi quinte della Scuola primaria che, ben identificati con divisa, paletta, cappellino e fischietto affiancano i Vigili urbani nella gestione del traffico all’ingresso e all’uscita dalla scuola.
Le finalità che il progetto si propone di raggiungere sono: educare  sin da bambini alla legalità e al rispetto delle regole;  assumere un atteggiamento critico, attivo e rispettoso nei confronti della segnaletica stradale;  promuovere uno stile di vita corretto;  educare alla solidarietà, favorire i rapporti fra studenti, il volontariato e le istituzioni; arricchire il bagaglio lessicale degli alunni con una terminologia appropriata.
Il progetto è stato inserito dall’U.S.R. Basilicata nel “Piano Regione per la legalità” e all’Istituto Scolastico “A. Ilvento” di Grassano è stato affidato il compito di diffonderlo sul territorio regionale e nazionale, vista l’ elevata valenza educativa.  Un progetto che sensibilizza i bambini, sin dalla Scuola dell’Infanzia a vivere la strada da protagonisti responsabili nel rispetto delle regole.  Principi che riflettono “Mission e Vision” dell’Istituto “Einstein De Lorenzo” di Potenza, di cui la Preside Sardone è l’emblema, è il modello nell’educare alla legalità, che  significa promuovere in ogni alunno la consapevolezza di essere in prima persona responsabile del proprio futuro, sviluppando la capacità di sentirsi cittadini attivi chiamati sia ad esercitare i propri diritti ma anche a rispettare i doveri della società a cui appartengono. Educare alla legalità vuol dire anche aiutare i nostri studenti a saper scegliere, con cognizione di causa, ciò che è giusto e corretto e a saper prendere le distanze da ciò che, invece, si ritiene errato; soprattutto avere il coraggio e la forza di affermare la legalità senza il timore del giudizio altrui, come troppo spesso accade.

 

 

 

 

PER CELEBRARE INSIEME LA LIBERTÀ DIGITALE!

Anche l’I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza ha partecipato alla principale manifestazione italiana dedicata a Linux Day  2016, al software libero, alla cultura aperta ed alla condivisione: per celebrare insieme la libertà digitale, che si tiene in contemporanea, in tutta Italia!. In collegamento dall’Aula Magna dell’Istituto Scolastico “Einstein De Lorenzo” di Via Sicilia, in videoconferenza con il luogo dell'evento: l’Innovation Space di Godesk, in via della Tecnica 18 a Potenza, vi hanno partecipato le classi quarte (IV I - IV L) e la classe V I sempre dell’indirizzo informatica. Grazie al contributo del prof. Francesco Lapenna (organizzatore per l’“Einstein De Lorenzo”), e dei proff.: Giuseppina Pugliese, Luigi Menchise, Giuseppe Colangelo e del prof. Antonio Corbo (Animatore Digitale), supportati dai tecnici Donato Gallicchio e Canio Pepe; gli studenti delle classi quarte e quinta hanno riflettuto e preso consapevolezza delle slides e delle registrazioni audio - video della cultura del software libero, opendata, hacking, automazione e tanto altro: parlando di “Ham Spirit e Libertà Digitale” con Giorgio Rutigliano. L‘Ham Spirit’ è la filosofia alla base del mondo dei radioamatori, ed è legata a ‘filo doppio’ alle tematiche celebrate dal Linux Day. 

Con Antonello Ventre, successivamente, si è parlato di “Margay” - appliance di rete che gestisce networks complesse attraverso una interfaccia user-friendly che permette di interfacciarsi ai comandi linux Iptables,dns-masq openvpn. Con Marco Piscopia, invece, i riflettori si sono spostati sull’automazione ed in particolare sulla tecnologia Z-WAVE e sui sistemi embedded per l’automazione non invasiva. 
C’è stata una sessione dedicata a “Wikimedia Italia per il sapere Libero”: Luigi Catalani (coordinatore regionale Wikimedia Italia per Basilicata) ha illustrato le piattaforme wiki per la costruzione collaborativa della conoscenza, la diffusione del sapere libero e dell’accesso aperto, l’innovazione della didattica, il trasferimento di competenze digitali e informative, la promozione del territorio, la salvaguardia della memoria, la disseminazione delle informazioni, il riuso dei dati, la valorizzazione del patrimonio culturale. 
C’è stato spazio anche per i dati satellitari e cartografici “Open”: l’ingegnere Gabriele Nolè ha spiegato come scaricare ed elaborare le immagini satellitari Landsat 8, come scaricare i dati cartografici dei confini comunali della Basilicata e come calcolare per ognuno di essi un indice legato alla vegetazione. 

La Dirigente Scolastica Prof.ssa Giovanna Sardone ha affermato che questi momenti costituiscono un ulteriore elemento dell’offerta formativa per i nostri giovani, sia per quanto riguarda l’innovazione e le competenze, che per le imprese del territorio.

Da Porta a Porta

Siete sicuri di conoscere bene Potenza? Avete mai attraversato il centro del capoluogo con una guida? Visto che gli studenti vivranno per 5 anni la citta’ capoluogo (si spera…dipende dal loro impegno), siamo certi che conoscono il Territorio in cui è collocata la scuola?          Il gruppo di lavoro “Accoglienza”(Avena Annamaria, Brindisi Lello, Corbo Antonio, Rongo Antonio, Caffaro Angelo, Molinari Massimo, Fusco Maria Giuseppina, Amorosi Mariella) ha raccolto l’invito della D.S. Prof.ssa Giovanna Sardone che da tre anni (da quando ha preso le redini di questo Istituto) promuove lo studio del  Terriorio locale.
Da “porta a porta" è il titolo dell'evento dedicato alle classi prime dell’ I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza, con un viaggio tra le porte storiche del capoluogo per vivere attraverso alcuni angoli del centro la storia risorgimentale cittadina.
Conoscere in modo diretto e giocoso il Territorio, attraverso la ricerca, l'indagine e l'esplorazione, a partire dalla città sede della nostra scuola e l’ambiente circostante. Gli alunni, sviluppano la capacità di individuare gli elementi più specifici del proprio contesto, collocando persone, fatti ed eventi nel tempo, conoscendo la propria realtà territoriale con la sua storia e le sue tradizioni, fino a pervenire alla consapevolezza della propria identità sociale e culturale. 
Per arginare il fenomeno delle “bigiate” o come dir si voglia” marinare la scuola” (sono assenze sempre ingiustificate) il gruppo di lavoro “Accoglienza dell’ I.I.S. “Einstein De Lorenzo” di Potenza, sensibilizza quotidianamente gli studenti ad entrare a scuola sei giorni su sette, evitando di saltare le lezioni, come nel  gergo studentesco si dice andare in villa o osservare il sabato fascista. La scuola permette ai genitori degli studenti di verificare in tempo reale, ogni giorno, i dati sull’andamento scolastico e le assenze dei figli, attraverso il registro elettronico.
Basta una password e se riceve un sms dalla scuola, ogni genitore potrà verificare se il figlio, in una determinata giornata, era seduto al suo banco o se invece il professore lo aveva dichiarato “assente”.
La visita al centro storico di Potenza di tutte le classi prime (di Via Sicilia e Via Danzi) da lunedì 10  ottobre a giovedì 13 ottobre 2016, secondo il programma redatto dal prof.ssa Annamaria Avena e dal prof. Lello Brindisi (Referenti dell’Accoglienza), è stata valorizzata dalla partecipazione di una Guida turistica abilitata, Rosario Avigliano, selezionato tramite un avviso pubblico della scuola. La Dirigente anche stavolta ha voluto “investire” sulla qualità di un’iniziativa, apparentemente ludica, che ha portato i nostri allievi alla scoperta dei luoghi più significativi del centro storico: dal Castrum Romano l’accampamento militare romano, in latino detto ”Castrum” (che era una fortificazione), nel quale risiedeva in forma stabile o provvisoria, un'unità dell'esercito romano o addirittura una o due legioni. È stato forse l’elemento fondamentale della potenza militare dell’esercito e dell’espansione della civiltà romana. Una comunità autonoma e autosufficiente garantiva ai legionari la sicurezza di poter affrontare lunghissime campagne militari in territorio nemico. Tale struttura e organizzazione così perfetta risultava una potente arma psicologica agli occhi del nemico. Superata la prima fase di occupazione di un territorio, i forti romani diventavano col tempo delle vere e proprie città.
Città moderne come Torino, Colonia, Londra ecc., nacquero appunto dagli accampamenti militari. Intorno al castrum si insediavano, oltre alle famiglie dei soldati, i mercanti, gli artigiani e le popolazioni del luogo, attratti dalla possibilità di fare commercio, alle porte e mura della città. Lo testimonia il castello, dove i resti della Torre Guevara, passando per le storie di insurrezioni e rivoluzioni di cui ai fatti del 24 febbraio 1799, all’eccidio del Vescovo Serrao fino all’insurrezione lucana del 18 agosto 1860, sembrano raccontare il loro vissuto.
Gli studenti hanno inoltre trattato, attraverso la visita alle chiese della città, l’identità religiosa del popolo potentino (Santo Aronzo patrono di Potenza prima di San Gerardo), la vita e la storia di San Gerardo oltre al culto miceneo legato alla chiesa di San Michele.

“Chi non conosce la storia non ha futuro!” inizia e conclude Rosario Avigliano (Guida Turistica Abilitata  e componente del Comitato Tecnico Scientifico della storica parata dei Turchi di Potenza) nella visita didattica alla scoperta della città capoluogo. Al termine gli studenti partecipanti sono stati invitati ad osservare e fotografare alcuni angoli caratteristici del centro storico che li hanno colpiti particolarmente, per poi disegnarli in classe, e per far maturare in essi il desiderio di conoscenza del territorio nei suoi diversi aspetti. Ciò rappresenta il presupposto per un comportamento corretto ed educato che la scuola quotidianamente, in primis, la sua Dirigente Scolastica Prof.ssa Giovanna Sardone, cerca costantemente  di inculcare a tutti i suoi oltre 800 studenti, pardon “figli” come le piace puntualizzare, considerando il contesto scolastico un ambiente familiare, proprio come dovrebbero essere anche gli spazi esterni, in cui si muovono i nostri studenti.

 

AUGURI NONNI

....PER UN PROGETTO COMUNE DI CRESCITA

AUGURI NONNI

2 OTTOBRE 2016

Incontro con Alunni Genitori e Nonni

Per questo i nonni sono importanti e in occasione della ricorrenza della loro festa,  il 2 ottobre 2016 , la Dirigente Scolastica Prof.ssa Giovanna Sardone, lo Staff Dirigenziale e la Commissione del Gruppo “Accoglienza” dell’Istituto di Istruzione Superiore “Einstein De Lorenzo” di Potenza ha dimostrato tutto l'affetto che si nutre per loro, perché ha capito benissimo il loro ruolo: un ruolo educativo.
E’ molto importante che esista un dialogo tra i genitori e i nonni per chiarire la base dell’educazione che essi prediligono per il ragazzo/a, soprattutto per rispettarla e non creare confusione. Il ragazzo/a infatti tenderà a preferire i nonni se questi lo “vizieranno” con amore permettendogli di fare cose che gli sono state vietate dai genitori. Questo atteggiamento renderà i nonni “ buoni” agli occhi del giovanotto e i genitori “cattivi”.
I genitori devono educare e far rispettare le regole mentre i nonni hanno un ruolo più rilassato fatto di coccole e giochi insieme.
A tutti quelli che i nonni non li hanno più e gli mancano da morire, a quelli che li hanno ancora, vicini o lontani. A quelli che hanno avuto la fortuna di sentirsi accarezzare dalle loro mani nodose e ossute. Che non riescono a dimenticare l’odore della loro casa, in cui si sono sentiti i bambini più felici del mondo. A quelli che hanno tra i ricordi più belli le vacanze passate insieme a loro. A quelli che non avrebbero potuto fare un sacco di cose senza il loro amore e la loro presenza. Perché i nonni “tengono le nostre mani per un po’ e i nostri cuori per sempre“.
In cosa i nonni sono figure insuperabili. Il valore aggiunto dei nonni nella crescita degli studenti e la nostra scuola “Einstein De Lorenzo” di Potenza ha testimoniato ancora una volta, di averlo capito molto bene ....per un progetto comune di crescita. AUGURI NONNI che mondo sarebbe senza di voi??......Come previsto dal calendario dell’Accoglienza dell’“Einstein De Lorenzo” di Potenza alle prime classi,  si è tenuto venerdì presso il Cine Teatro Due Torri di Potenza, l’incontro con le famiglie (genitori e nonni) degli alunni iscritti alle classi prime. Si è presentato tutto il Personale della scuola, a partire dai rispettivi Consigli di Classe, per instaurare un legame più diretto e, dunque, favorire l’adeguato comportamento degli allievi nel contesto scolastico. L’occasione è stata utile per consegnare le password di accesso al Registro Elettronico e validare il Diario 2016/2017, per coloro che ancora non lo avevano fatto.Il tenero rapporto di complicità che si crea tra nonni e nipoti è così bello che, quando possibile, non deve mancare ai piccoli. Questa dolce relazione risulterà indimenticabile nel tempo e verrà ricordata in epoca adulta con molta nostalgia.

 

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Chi è online

Abbiamo 85 visitatori e nessun utente online

La Pretoria Social

Ora esatta

Cerca...

Che tempo fa?!

Mist

4°C

Potenza

Mist

Humidity: 85%

Wind: 9.66 km/h

  • Partly Cloudy
    24 Mar 2016 6°C 1°C
  • Sunny
    25 Mar 2016 9°C 2°C

Calendario Articoli

« Luglio 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Area Riservata

fb iconLog in with Facebook