Log in
A+ A A-

Serie D girone H: Sorrento-AZ Picerno 0-1, Real Agro Aversa-F.C. Francavilla 2-1 e Casarano-U.S.D. Lavello 2-3. Serie D girone I: Rotonda-F.C. Messina 1-1.

In evidenza Serie D girone H: Sorrento-AZ Picerno 0-1, Real Agro Aversa-F.C. Francavilla 2-1 e Casarano-U.S.D. Lavello 2-3. Serie D girone I: Rotonda-F.C. Messina 1-1.

Domenica 9 maggio 2021 si è giocata la ventinovesima giornata di ritorno del campionato di serie D girone H 2020/2021.

Sorrento-Az Picerno 0-1, rossoneri ko i lucani espugnano di rigore lo stadio "Italia" di Sorrento. Due legni e il gol per Esposito.

Nel primo tempo la sbloccano i lucani dagli undici metri, nella ripresa ospiti vicini al bis col palo ancora del capitano ma i padroni di casa nel finale sfiorano ripetutamente un pari che sarebbe stato probabilmente il risultato più giusto.

La rete dagli undici metri di Esposito è sufficiente a punire i rossoneri. Seconda sconfitta consecutiva per il Sorrento e zona play-out più vicina

SORRENTO (NA). Allo stadio "Italia" in campo la ventinovesima giornata del campionato di serie D girone H, i padroni di casa del Sorrento ospitano l'AZ Picerno. Sfida importante per entrambe le squadre, i campani vogliono chiudere il discorso salvezza, mentre i lucani sono a caccia di una vittoria che può tenere ancora viva la speranza di agguantare il primo posto.

E' un Sorrento a corrente alternata quello che esce sconfitto per 0 a 1 dal match casalingo contro il Picerno. Una sfida certamente difficile per i costieri, al cospetto di una squadra in piena lotta per la prima posizione in classifica e la promozione diretta. Ai lucani basta un rigore siglato al 37' dal capitano Esposito per chiudere i conti, ma i padroni di casa hanno tanto da recriminare.

Soprattutto nel finale i ragazzi di mister La Scala sfiorano ripetutamente il pareggio, dopo il legno colpito da Sandomenico nel primo tempo. Soltanto la dea bendata nega al Sorrento la gioia del gol, e dunque un punto che varrebbe oro, complici le vittorie di Aversa e Fasano che complicano enormemente la questione salvezza per la squadra rossonera.

LA CRONACA di SORRENTO - AZ PICERNO

PRIMO TEMPO:

La prima frazione di gioco è all’insegna dell'equilibrio. Diverse le occasioni da rete, tra queste arriva il gol del vantaggio picernese.

Il Sorrento prova subito a sbloccarsi al 6', con una punizione guadagnata da Cassata e calciata da Sandomenico, troppo debole e centrale per impensierire Giuliani. La risposta dei rossoblù arriva al 15', Albadoro prova la conclusione potente da posizione defilata, bloccata da Scarano. I padroni di casa appaiono più abili nel districarsi in campo e nel rendersi pericolosi in avanti. Cassata servito da Masullo trova un tiro da buona posizione al 25', la palla termina però alta sulla traversa.

I lucani reagiscono, si difendono bene e riescono a passare in vantaggio nella seconda metà del primo tempo. Esposito centra il palo con un tiro dalla distanza al 36'. Lo stesso capitano rossoblù si presenta sul dischetto un minuto dopo, a causa di un tocco di mano in area di Cacace, tra le proteste dei costieri. Il tiro è potente e centrale, imparabile per Scarano. Al 37' il tabellino recita 0 a 1.

Il Sorrento non ci sta, un paio di giri di lancette e Sandomenico sfiora il gol del pareggio su punizione, ma il pallone si stampa sul palo. Dopo 2' di recupero al 45'+2' si chiude la prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO:

All'inizio della ripresa sono gli ospiti a scendere in campo agguerriti e vogliosi di mantenere inalterato il risultato a proprio favore.

Al 48' capitan Esposito per poco non punisce per la seconda volta il Sorrento. Il suo potente tiro centra in pieno la traversa. L'AZ Picerno controlla il match senza alcuna pressione, Albadoro va vicino al raddoppio al 57', servito da un cross dalla destra di Kone, ma il colpo di testa è impreciso.

I rossoneri vengono fuori soltanto nel finale, con diverse palle gol purtroppo infruttuose. Liccardi riceve palla da La Monica al 76', è bravo a difenderla e a girarsi per cercare lo spazio per il tiro, la palla termina di poco al lato. Il forcing rossonero continua quando all'83' Sandomenico indirizza a botta sicura di testa a due passi dalla porta avversaria, decisivo il miracoloso intervento di Stasi sulla linea.

Termina così un match nel complesso equilibrato, con occasioni da ambo le parti, e diversi legni colpiti da entrambe le squadre. Il risultato finale premia il Picerno, ma non rispecchia il reale bilancio delle palle gol avute dalla squadra di casa. Il Sorrento inanella la seconda sconfitta dopo quella subita sul campo del Portici.

L'AZ Picerno di mister Palo allo stadio "Italia" di Sorrento alle ore 16:00, vince di misura 0-1 contro il Sorrento, la rete degli ospiti dell'AZ Picerno arriva al 37' del primo tempo con Esposito su calcio di rigore.

Real Agro Aversa-F.C. Francavilla 2-1. Real Agro Aversa vittoria ai danni della F.C. Francavilla.

Vittoria importantissima del Real Agro Aversa che torna al successo dopo otto partite e riaccende la speranza della salvezza diretta. Al Bisceglie i ragazzi di De Stefano hanno offerto un’ottima prova battendo 2-1 una diretta rivale nelle lotta per non retrocedere, il Francavilla di Lanko Razic. Con questo successo i normanni si portano al tredicesimo posto con 30 punti mentre i pugliesi rimangono fermi a quota 28 punti scivolando al quindicesimo posto

Real Agro Aversa - F.C. Francavilla 2-1: i normanni tornano alla vittoria

La gara regala subito emozioni con gli ospiti che al decimo del primo tempo sfiorano il goal sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma il colpo di testa di Ronza viene fermato da un ottimo intervento di Papa. Al 21' replicano i normanni con il colpo di testa di Negro che viene deviato da Di Ronza con la palla che finisce sul palo. Al 29' occasione clamorosa ed allo stesso tempo assurda per gli aversani con Ziello che direttamente da calcio d’angolo colpisce la traversa, il pallone finisce nell’area piccola con i giocatori normanni che si avventano sul pallone e ne esce un tiro che finisce ancora una volta sul palo. Al 34' arriva il meritato vantaggio granata con Ziello che direttamente da calcio di punizione mette la palla all’incrocio e porta in vantaggio il Real Agro Aversa

Nel secondo tempo subito la F.C. Francavilla alla ricerca del pari ma il tiro di Nolè viene intercettato da un attento Papa. La squadra di De Stefano continua a macinare occasioni sfiorando prima il goal con un siluro di Faella che accarezza al palo ma poi, al 58' i normanni trovano il meritato raddoppio sugli sviluppi di un altra splendida azione condotta da Faella che serve Ndiaye che viene fermato dal portiere rossoblù Cefariello, sulla ribattuta lo stesso esterno senegalese rimette in mezzo per Faella che con uno splendido tiro fa esplodere i pochi presenti al Bisceglia. Al 67' viene espulso il tecnico del Real Agro Aversa De Stefano. Al minuto 80' arriva il goal del 2-1 della squadra della Basilicata con Leonetti che di testa riapre il match. Il Real Agro Aversa però non concede occasioni alla squadra di Razic e torna finalmente alla vittoria dopo otto giornate e mette nel mirino il dodicesimo posto, detenuto fino a questo momento dalla Citta del Fasano che ha un margine di quattro punti di vantaggio sulla squadra granata.

La F.C. Francavilla di mister Lazic allo stadio "Augusto Bisceglia" di Aversa alle ore 16:00, perde 2-1 contro il Real Agro Aversa, le reti, al 34' del primo tempo i padroni di casa passano in vantaggio con Ziello, al 58' del secondo tempo arriva il raddoppio del Real Agro Aversa con Faella e all'80' del secondo tempo gli ospiti della F.C. Francavilla accorciano le distanze con Leonetti.

Casarano-U.S.D. Lavello 2-3. Salentini in caduta libera. I lucani corsari allo stadio "Giuseppe Capozza" di Casarano. Doppio Burzio lancia gli uomini di mister Zeman.

Accade tutto nella ripresa, botta e risposta tra le due squadre nel giro di pochi minuti. Nelò finale decisivo l'attaccante argentino che regala tre punti pesanti in ottica play-off ai suoi.

Sfida con vista playoff con i rossazzurri reduci dal terribile tonfo esterno col Cerignola e desiderosi di riscatto dopo due ko di fila, mentre i lucani nelle ultime tre uscite stagionali hanno raccolto tre pareggi e vogliono ritrovare la vittoria per tenere a bada le inseguitrici.

La U.S.D. Lavello di mister Zeman allo stadio "Giuseppe Capozza" di Casarano alle ore 16:00, vince 2-3 contro il Casarano, le reti tutte nel secondo tempo, al 59' i padroni di casa passano in vantaggio con Rodriguez su calcio di rigore, al 62' arriva il pareggio degli ospiti della U.S.D. Lavello con Longo, al 66' è la U.S.D. Lavello che passa in vantaggio con Burzio, al 73' il Casarano pareggia con Sansone e all'87' la U.S.D Lavello ripassa in vantaggio ancora con Burzio che sigla la sua doppietta personale.

Sabato 8 maggio 2021 e domenica 9 maggio 2021 si è giocata la ventottesima giornata di ritorno del campionato di serie D girone I 2020/2021.

Rotonda-F.C. Messina 1-1. Occasione sprecata per i peloritani.

Si torna in campo dopo due domeniche senza calcio e la F.C. Messina è atteso dalla difficile gara sul campo del Rotonda, che arriva a questa sfida dopo una settimana particolarmente agitata, tra le dimissioni di mister Boncore, le dichiarazioni del presidente Bruno e l'arrivo del neo tecnico Pepe. I lucani giocano per raggiungere la matematica salvezza, ma con due gare in meno sperano ancora in qualcosa di più e in quella zona play-off attualmente lontana sei lunghezze.
Per i giallorossi, invece, l'imperativo è vincere per dare continuità alle ultime vittorie, soprattutto in trasferta, e non perdere terreno dalla capolista Acr. I 4 punti di svantaggio non sono un gap incolmabile ma la squadra di mister Costantino non potrà permettersi alcun passo falso. La F.C., che ha dovuto fare i conti con qualche problema fisico, si schiera con il 4-3-1-2, dando seguito alle ultime uscite. Davanti a Marone, la linea difensiva è composta da Marchetti, Fissore, Cangemi e Ricossa mentre, ad impostare il gioco, un inedito trio composto da Agnelli, Lodi e Bevis, con Arena padrone della trequarti, in appoggio alla coppia d'attacco composta da Carbonaro e Caballero. Si accomoda in panchina el mago Coria, insieme a Palma e Piccioni. Tutto da scoprire, invece, il "nuovo" Rotonda di Alfonso Pepe, all'esordio sulla panchina lucana: la formazione di casa dovrebbe schierarsi con il 3-4-1-2, affidandosi all'estrosità di Actis Goretta e Ferreira in avanti, supportati da Adeyemo. Si accomoda in panchina, per problemi fisici, il portiere titolare e capitano Polizzi, sostituito da Kaspunitis. 

Primo tempo: Inizia la sfida sul sintetico del Di Sanzio di Rotonda, con una temperatura estiva. Football Club Messina in tenuta interamente blu, mentre i padroni di casa scendono in campo con la classica casacca verde con inserti bianchi. Inizia in attacco la formazione lucana, conquistando un calcio d'angolo poi sventato addirittura da Caballero. Al 5' il primo squillo della F.C. Messina, con Lodi che prova la conclusione, ribattuta dalla retroguardia potentina. A dispetto del gran caldo, la gara appare abbastanza viva frizzante. Al 7' il vantaggio dei padroni di casa con Ferreira, abile a risolvere, con il piatto sinistro, una mischia nell'area dei peloritani. Al 14' esce proprio l'autore del gol, Ferreira Da Luz, per un problema fisico, al suo posto Diop. Prova a reagire il Football Club, con due angoli consecutivi conquistati al 19': il secondo si conclude con un tiro insidioso di Arena, bloccato da Kapustinis. I peloritani provano ad aumentare la pressione ma il Rotonda, grazie al gol realizzato a freddo, si difende ordinatamente, rintuzzando gli attacchi degli ospiti. Episodio dubbio alla mezz'ora: azione travolgente di Arena che, dopo aver saltato due uomini, trova Caballero, abile a servire Bevis che insacca la palla del pareggio. Il guardialinee, però, alza la bandierina, annullando il pareggio degli ospiti. Proteste vibranti degli uomini di Costantino, tra i quali viene ammonito Carbonaro. Momento favorevole agli ospiti che, alla ricerca della rete, stanno assediando la porta del Rotonda. Il Football Club Messina sta attaccando senza soluzione di continuità e, al 35', Carbonaro colpisce il palo esterno dopo un'azione personale. Al 40' una conclusione di Lodi, deviata in angolo da Kapustinis, viene trasformata in rimessa dal fondo dal guardalinee: i calciatori del Football Club continuano a protestare con la terna arbitrale che allontana gli uomini in blu. Finisce il primo tempo allo stadio "Gianni Di Sanzio" di Rotonda, con i padroni di casa in vantaggio per 1-0. Sicuramente più propositivo la F.C. Messina che può recriminare per il gol annullato a Bevis ed il palo esterno scheggiato da Carbonaro.

Secondo tempo: Inizia la ripresa senza cambi. Stesso copione del primo tempo: la F.C. Messina preme nella metà campo lucana, senza però raccogliere i frutti del proprio sforzo. Occasione per i peloritani: Ciccio Lodi, abile a liberarsi nello stretto, serve Caballero che, dopo un buon controllo, spara a lato. Nuove proteste ospiti per un brutto fallo del già ammonito Ceesay, non sanzionato dall'arbitro con il secondo giallo. Continua la pressione degli ospiti, alla disperata ricerca del pareggio, mentre i padroni di casa si limitano a controllare. Costantino, nel tentativo di cambiare l'inerzia della gara, inserisce el mago Coria al posto di Bevis. Al 67', sul calcio d'angolo battuto da Lodi, Fissore colpisce di testa ma non impensierisce l'estremo difensore lucano. Dopo l'ingresso del numero 10 argentino, mister Costantino si gioca anche la carta Piccioni, che entra al posto di Carbonaro. Il gioco è molto spezzettato, con molti falli e pochissime azioni manovrate. Rimangono solamente 10' minuti più recupero per le speranze dei peloritani che, nonostante la grande voglia, non riescono ad imbastire azioni pericolose per mettere in difficoltà Kapustinis. Da una punizione di Lodi, battuta velocemente, nasce un'occasione per la F.C. Messina, sprecata malamente da Fissore che, di testa, lancia una "telefonata" all'estremo difensore lucano. Improvvisa conclusione di Boscaglia che, con un tiro da fuori area, sfiora il doppio vantaggio per i padroni di casa. Tenta il tutto per tutto l'allenatore dei peloritani: Bianco sostituisce Cangemi a poco più di 5' dalla fine. Proteste dei calciatori della F.C. Messina per il quarto fallo di confusione fischiato dall'arbitro su altrettanti calci d'angolo. La panchina di casa, saggiamente, protesta continuamente per spezzettare la partita: l'arbitro fa il gioco del Rotonda estraendo il cartellino giallo nei confronti del secondo portiere lucano. Vengono concessi 5' di recupero. Al 90'+1' la F.C. Messina riesce a trovare il pareggio grazie ad un bellissimo gol di Agnelli che piazza una splendida conclusione all'incrocio dei pali. Al 90'+3' Ciccio Lodi rischia di regalare l'incredibile vantaggio agli ospiti grazie ad un'insidiosa punizione bloccata dall'estremo difensore. Arriva il triplice fischio, in una partita che, fino al 90', sembrava assolutamente maledetta per i peloritani. Grande rammarico per gli uomini di Costantino che, visti i concomitanti pareggi di A.C.R. Messina e Gelbison, buttano al vento l'occasione per riavvicinarsi alla vetta.

Il Rotonda di mister allo staio "Gianni Di Sanzio" di Rotonda alle ore 16:00, pareggia 1-1 contro la F.C. Messina, le reti, al 7' del primo tempo i padroni di casa del Rotonda passano in vantaggio con Ferreira e al 90'+1' arriva il opareggio della F.C. Messina con Agnelli.

 

Michele Saporito

 

 

Ultima modifica ilMartedì, 11 Maggio 2021 12:24
Devi effettuare il login per inviare commenti

Meteo

Potenza

Ultime

Calendario Articoli

« Dicembre 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Area Riservata