Log in
A+ A A-

Due start up lucane (entrambe partecipate da Sviluppo Basilicata spa) tra le migliori 100 in Italia

Sul versante dell'economia in Basilicata il 2016 si è chiuso con un segnale confortante: due start up lucane sono state selezionate dal sito specializzato "STARTUPITALIA!" tra le prime 100 in Italia nel 2016.
Si tratta della Domec Spa (servizi informatici ad alto contenuto tecnologico per la gestione di pagamenti) e della iGoOn Srl (car pooling urbano), entrambe destinatarie nell'anno appena concluso di interventi sul capitale di rischio realizzati mediante assunzione di quote di partecipazione di minoranza da parte di Sviluppo Basilicata, a valere sul Fondo di Venture Capital affidato alla stessa Società dalla Regione Basilicata.
"E' un ottimo segnale per le nuove iniziative imprenditoriali lucane", ha dichiarato Giampiero Maruggi, amministratore unico di Sviluppo Basilicata. "Le nostre start up dimostrano vitalità e competitività - ha aggiunto - e lo strumento del Venture Capital, messo in campo dalla Regione Basilicata e fortemente sostenuto dal Governatore Pittella nell'ambito degli strumenti di politica regionale, si rivela ogni giorno di più una leva finanziaria di fondamentale importanza per la nascita e la crescita di imprese a elevato contenuto tecnologico".
Nel corso del 2016 Sviluppo Basilicata ha acquisito quote di partecipazione di minoranza in 9 nuove iniziative (tra le quali le due selezionate dal sito specializzato), per un investimento complessivo di poco inferiore ai 3 milioni di euro
L'anno che si è appena chiuso ha visto peraltro una intensa attività anche in altri due comparti operativi di Sviluppo Basilicata: il Microcredito e la Tranched Cover.
Il primo strumento ha finanziato 733 iniziative (13 nel solo mese di dicembre) ubicate in 85 Comuni lucani, con interessanti risvolti occupazionali: l'Ente nazionale per il Microcredito (creato dal MISE) ha infatti stimato che mediamente una operazione di microcredito genera 2,43 posti di lavoro, il che vuol dire che i finanziamenti erogati in Basilicata su questa linea hanno generato e/o salvaguardato occupazione per oltre 1.700 unità.
Per quanto riguarda invece la Tranched Cover, strumento di garanzia varato dal governatore Pittella nello scorso mese di marzo, affidato a Sviluppo Basilicata e gestito dall'unica Banca candidata (Banca Popolare di Bari), il plafond massimo utilizzabile per la concessione di nuovi mutui garantiti, pari a 10 milioni di euro, è stato completamente utilizzato, dando così una concreta risposta alla domanda di credito da parte delle nostre imprese, che da tempo si scontrano con il fenomeno denominato "credit crunch", ovverosia con la riduzione degli impieghi da parte delle banche operanti in regione.
"I dati confortanti registrati nel 2016 - ha concluso Maruggi - rafforzano l'auspicio che questi strumenti, tutti naturalmente conclusi alla fine dell'anno appena trascorso, vengano rapidamente riattivati e rifinanziati, essendosi rivelati modelli virtuosi di utilizzo di risorse comunitarie, nonché validi canali di supporto delle linee di politica industriale regionale a sostegno della crescita dell'economia e dell'occupazione”.

Lorenzo Kruger in concerto ad Oppido

OPPIDO- Oggi Mercoledì 4 dicembre presso l’associazione culturale “Respirare Sinapsi” Lorenzo di Oppido Lucano Lorenzo Kruger si esibirà in concerto a partire dalle 22. La voce storica dei celebri Nobraino si esibirà in solo: voce e pianoforte.

L’ evento è  organizzato in collaborazione con Ethnopunk Records, etichetta fondata da Danilo Vignola e diretta da Giò Didonna.  Dopo più di mille concerti e 6 dischi, Lorenzo Kruger ha calcato palchi più importanti della scena italiana insieme ai suoi Nobraino. Autore di tutte le canzoni della band, le sue performance come frontman di questa band sono note per essere fuori dagli schemi, provocatorie e divertenti. Molti lo ricordano per essersi rasato a zero sul palco del primo maggio durante un pezzo pacifista…

In questo spettacolo, al contrario, Kruger si immobilizza al pianoforte; col pretesto di accompagnarsi con questo strumento la scena, dunque, si riduce alle sole canzoni, ripulite da qualsiasi arrangiamento e postura scenica. Le canzoni più belle scritte per i Nobraino saranno ascoltabili in una veste inedita: nella versione in cui sono state scritte.
Saranno in scaletta Bifolco, Film Muto, Record del Mondo, Tradimento, Cani e e Porci e diverse altre… Respirare Sinapsi si riconferma fra i più importanti fulcri culturali della Basilicata. Centro attivo fra le più svariate influenze pluritematiche e sinestetiche che negli ultimi anni, attraverso iniziative in campo musicale, cinematografico, letterario ed artistico in generale, ha fatto confluire artisti nazionali ed internazionali di prim’ordine in via Giuseppe Zanardelli 36 ad Oppido di Lucania

A Tolve nuova edizione del Presepe vivente

TOLVE (PZ) - Nello scenario delle antiche cantine sotto la Rupe, torna a Tolve domenica 18 dicembre la rappresentazione del Presepe vivente, quest’anno intitolato “I valori che da sempre illuminano la vita”, grazie all’impegno della locale associazione di arte, cultura e spettacolo Zéfiro Lab, guidata dal presidente Nicola Stigliani. L’iniziativa, giunta alla quarta edizione, si avvale quest’anno dell’importante collaborazione della cooperativa sociale “Il Giardino di Alice”, che a Tolve è impegnata nella gestione di una struttura psichiatrica terapeutica e riabilitativa, occupandosi anche di reinserimento e inclusione sociale di ragazzi e ragazze con patologie psichiatriche. Coinvolte nell’organizzazione, inoltre, alcune associazioni di altri comuni della Basilicata: la Federazione Lucana Carretti, la Pro Loco Acerenza, la Pro Loco Cancellara e l’associazione culturale Acheruntia.

L’apertura della manifestazione è prevista per le ore 17.00 nella centrale Piazza Mario Pagano, da dove partirà la sfilata del corteo con in testa Maria e Giuseppe, che si dirigerà verso l’area della Rupe, le cui caratteristiche grotte scavate nella roccia faranno da sfondo al Presepe vivente. Grazie alla supervisione del professor Rocco Mentissi, confermato nel ruolo di direttore artistico, e alla presenza di circa ottanta figuranti in costume, sarà raccontata e animata la natività di Gesù, insieme ad altre scene tradizionali del presepe, dalle attività del mercato al lavoro degli artigiani. L’illuminazione realizzata con luci scenografiche permetterà di creare un’atmosfera magica, valorizzando ancora di più il percorso già di per sé suggestivo delle cantine. Rispetto alla passata edizione sarà modificata la collocazione della capanna, come pure la disposizione delle scene.

Tra gli obiettivi degli organizzatori c’è la volontà di trasmettere quei valori ritenuti fondamentali per illuminare la vita degli uomini, quali l’amore, la famiglia, l’amicizia, la solidarietà, il lavoro, ma anche il desiderio di promuovere l’immagine di Tolve attraverso un evento che nel tempo possa fungere sempre più da attrattore per il paese e per l’intero territorio, giocando un importante ruolo di richiamo ad ampio raggio di visitatori e turisti.

A testimoniare l’apprezzamento e la risonanza ricevuti nelle passate edizioni dal Presepe vivente di Tolve l’invito arrivato direttamente dall’UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia) a prendere parte con circa cinquanta figuranti, il giorno 23 dicembre, al Presepe narrante “Dies Natalis - La Natività nei Sassi di Matera”. Invito accolto con orgoglio e gioia dall’associazione Zéfiro Lab, per la possibilità di contribuire ad un così grande evento, allestito in uno scenario storico di rara bellezza e suggestione.

Lectio magistralis artistico-musicale di Danilo Vignola.

POLICORO- Si terrà oggi 13 e domani 14 dicembre a partire dalle 18:30 presso l’accademia di formazione musicale Poly Core Factory una lectio magistralis musicale di Danilo Vignola fra workshop di ukulele e  filosofia delle nuove tendenze sull’ avanguardia artistica e creativa che ha portato il poliedrico artista Danilo Vignola ad esibirsi nei principali live club e teatri nazionali ed europei. Centinaia di concerti che hanno entusiasmato la critica internazionale per l’unicità del fenomeno artistico ed il valore tecnico compositivo delle sue opere. Dopo un riconoscimento mondiale da New York, Danilo Vignola è attualmente considerato il miglior musicista di strumenti alternativi; titolo conferitogli dalle più influenti case discografiche Italiane l’anno scorso durante la ventesima edizione del prestigioso MEI di Faenza (meeting delle etichette indipendenti).

Durante la due giorni si analizzeranno le opere composte dall’artista, lo stile tecnico di esecuzione con attenti riferimenti al contesto attuale musicale. I maestri ed allievi iscritti potranno assistere ad un’attenta analisi tecnica che ha portato lo stile e le opere di Danilo Vignola a ritagliarsi un piccolo spazio, diventando oggetto di studio in alcuni metodi di settore giapponesi e americani. 
La Poly Core Factory, importante centro per le attività di alta formazione artistica e culturale,
di recente fondazione ma in continua metamorfosi ed ascesa, inaugura le sue svariate attività concedendo ai propri allievi e docenti la preziosa testimonianza di uno degli artisti lucani più celebri ed attivi a livello internazionale che ha saputo dare rilievo di prim’ordine al prestigio  Lucano sapendo re-inventare l’arte contemporanea influenzando la cultura musicale proiettando la tradizione e la conoscenza classica nella modernità.

"Epifanie": la mostra dedicata al sacro di In Arte

In Arte Exhibit organizza una mostra concorso dal titolo “Epifanie” che sarà allestita nella Cappella Palatina del Castello di Lagopesole dal 12 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017. L’esposizione si inserisce nel programma di eventi artistici itineranti denominato “In Arte in Tour” che l’Associazione In Arte Exhibit intende realizzare in collaborazione con le Regioni Basilicata, Campania e Puglia. L’obiettivo è la valorizzazione dei beni artistici, architettonici e archeologici presenti nei centri di maggior interesse storico culturale. La mostra “Epifanie” intende dare spazio e visibilità ad artisti di ogni provenienza che operino nel campo dell’arte sacra, attraverso l’utilizzo di diverse forme di espressione (pittura, scultura, fotografia, disegno, arte digitale) rispettando l’aderenza al tema che è quello della manifestazione del sacro in tutte le sue forme. La scelta dello spazio espositivo è caduta su di un edificio di culto, considerando il periodo delle festività natalizie come momento privilegiato per celebrare il divino attraverso l’arte.

L’evento rappresenta un’occasione imperdibile per esporre le proprie opere in uno dei manieri federiciani più celebri e rappresentativi della Basilicata. Il castello di Lagopesole, fatto ampliare da Federico II di Svevia tra il 1242 e il 1250, ha un impianto quadrangolare munito di potenti torri e si erge sopra un’altura dalla quale domina la sottostante valle di Vitalba. Il luogo vanta una lunga continuità insediativa, dal momento che sorge sul sito di precedenti insediamenti militari, tra i quali figurano una roccaforte normanna e una statio romana. Con l’ampliamento voluto da Federico II il castello perde la sua funzione prevalentemente militare e viene destinato a residenza di caccia, grande passione dell’imperatore germanico. La destinazione residenziale è sottolineata dagli elementi decorativi presenti all’interno della struttura, quali le mensole decorate presenti nelle sale di rappresentanza, le bifore e le monofore degli appartamenti privati.

 

Infoline: 330 798058 - 392 4263201
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo dell'Emigrazione lucana di Lagopesole L'archivio Rocco Brindisi e il turismo di ritorno Inaugurazione della mostra documentaria "Appunti di viaggio"

L'inaugurazione della mostra documentaria "Appunti di viaggio. Rocco Brindisi, un archivio ritrovato", tenutasi martedì scorso presso il Museo dell'Emigrazione Lucana di Lagopesole, è stata l'occasione per aprire una giornata studio sulle opportunità di una nutrita fetta di mercato all'interno di una tipologia nascente d'offerta turistica: turismo di ritorno. La manifestazione è stata anche l'occasione per insignire l'erede dell'archivio Brindisi, il fiorentino Dino Basilissi, del titolo di "volontario onorario della Protezione Civile Gruppo Lucano" per il merito d'aver salvato i documenti dall'alluvione di Firenze del 1966.

Il progetto "Appunti di viaggio. Rocco Brindisi, un archivio ritrovato" è la scoperta e la comunicazione online e offline dell'esistenza di un personaggio illustre originario di Trivigno, quale appunto il dott. Brindisi, ufficiale medico emigrato in America nel 1887, dal 1891 al 1907 console a Boston, co-fondatore e presidente della Società Dante Alighieri di Boston, autore di monografie e conferenze sull'emigrazione italiana tanto da ricevere una lettera di ringraziamento da Sacco e Vanzetti. «Ma, soprattutto – sottolinea il vice sindaco di Trivigno, Rocco D'Emilio- l'accesso digitale ai documenti vuole essere uno strumento di comunicazione più efficace per tutte quelle seconde, terze e quarte generazioni di trivignesi nel mondo che hanno il desiderio di conoscere le proprie radici e visitare il paese degli antenati». Un altro spazio digitale considerato durante i lavori è il mondo wiki e le sue piattaforme: «un mezzo potentissimo per ricostruire la memoria collettiva di una comunità dispersa tra i continenti», come ha illustrato il coordinatore regionale Wikimedia Italia per la Basilicata, Luigi Catalani.

Trivigno, dal 1861 a oggi, ha avuto un'emorragia spaventosa di capitale umano ed è passato da 2754 abitanti a soli 657 attuali, da questi dati si può fare una stima di quanti potrebbero essere i "trivignesi di ritorno". Tutti i paesi della Basilicata, infatti, non sono solo nel cuore del Meridione italiano ma in tutto il mondo. «Sì c'è un'altra Basilicata, quella degli emigrati e delle loro discendenze- sottolinea il coordinatore del Comitato tecnico scientifico del Centro lucani nel mondo "Nino Calice", Luigi Scaglione- che conta una demografia totale più alta di quella residente. Questi lucani devono venire a visitare i luoghi d'origine e noi dobbiamo dar loro tutti i dati genealogici e geografici per ricostruire il loro "viaggio"». Il progetto "Appunti di viaggio" dovrebbe essere un «esperimento da allargare a tutta la Basilicata», conclude il Presidente del Consiglio, Francesco Mollica.

L'inaugurazione della mostra documentaria è stata anche l'occasione per onorare l'uomo che ha salvato l'archivio, attualmente composto da 48 lettere, 47 discorsi, 30 articoli di giornali, 13 attestati e 1 diario, dall'alluvione di Firenze. Dino Basilissi, figlioccio della seconda moglie di Rocco, Sofia Buonamici, ed erede Buonamici, ha ricevuto dal "Gruppo lucano" della Protezione civile un attestato di stima e gratitudine per aver permesso, a noi lucani oggi, di poter conoscere un conterraneo così illustre.

Hanno partecipato ai lavori anche il presidente GAL Basento Camastra, Antonio Pessolani, la commissaria Commissione regionale per le Pari Opportunità, Maria Albano, il presidente dell’Unione nazionale per la lotta contro l’analfabetismo (UNLA) Lagopesole, Leonardo Pace, il presidente della Commissione regionale Agricoltura e Turismo Forum regionale Giovani Basilicata, Stefano Genovese. Interverranno il direttore dell’ALSIA, Domenico Romaniello, la presidentessa della Società Dante Alighieri di Potenza, Maria R. Pennacchia Vertone, l’archivista Maria Teresa Pietrafesa.

“Appunti di viaggio” è un’operazione di heritage marketing del territorio realizzata dal GAL Basento Camastra che, su proposta del Comune di Trivigno e all’interno del Piano di Sviluppo Locale 2007/2013, ha finanziato questo progetto di valorizzazione d’archivio, in partenariato con la Commissione del Lucani nel Mondo.

Per maggiori informazioni consultare
archivioroccobrindisi.altervista.org,

“L’IDENTITA’ NELL’ARTE GLOBALE”, PERSONALE DI VITO PALLADINO DAL 24 NOVEMBRE AL 12 DICEMBRE ALLA PINACOTECA PROVINCIALE DI POTENZA

“L’identità nell’Arte globale” è il titolo della mostra personale dell’artista Vito Palladino esposta nella Pinacoteca provinciale di Potenza dal 24 novembre al 12 dicembre. Il vernissage è in programma per giovedì (24 novembre) alle ore 17,30 e prevede i saluti di Angela Costabile, Dirigente dell’Ufficio Cultura e Biblioteca della Provincia di Potenza; Roberto Falotico, Assessore all’Istruzione, Cultura e Turismo del Comune di Potenza; Nicola Valluzzi, Presidente della Provincia di Potenza. Interverranno: Oreste Lo Pomo, poeta e giornalista Rai Basilicata; Francesco Ruggiero, art director; don Vitantonio Telesca, Vicario generale dell’Arcidiocesi di Potenza, Muro Lucano e Marsiconuovo; Carmensita Bellettieri, giornalista; Maria Nicole Terlizzese, critica d’arte. Coordina la giornalista Cristiana Lopomo. Prevista la proiezione delle operazioni di video art realizzate da Palladino e intitolate “Cattedrale di Chatres”; “Giornata d'artista – galleria Iris Clert”; “Omaggio a Pierre Restany”; “Il ricongiungimento dei sé - Tour Eiffel”; “Io sto giocando al gioco dell'arte”; “Arte allo specchio”. Infine, una performance di poesie di Carmine Donnola, come omaggio a tutti i presenti. L’evento, in collaborazione con Filomedia, è patrocinato da Regione Basilicata, Provincia e Comune di Potenza, Federart.

La mostra è articolata in tre sezioni. Nella prima sala assemblaggi, tecniche miste e installazioni dell’artista impegnato nella dimensione dell’arte immateriale, identificativa della sua ricerca. Nella seconda i 15 “specchi d’autore” realizzati ‘a quattro mani’ da Palladino insieme ad artisti lucani che brillano sul panorama dell’arte contemporanea in Basilicata e non solo. Si tratta di Lucia Bonelli, Michele Cancro, Michele Danzi, Gaetano Dimatteo, Franco Di Pede, Anna Faraone, Irene Grieco, Donato Linzalata, Pierluigi Lo Monte, Antonio Masini, Antonietta Montemurro, Giulio Orioli, Rocchina Sivolella, Maria Grazia Tarulli, Dino Ventura: tutti artisti e amici di Palladino convolti in un’inedita operazione di arte partecipata, certamente d’impatto. Nella terza sala, infine, stampe, terrecotte, manufatti in legno, acrilici e riproduzioni su carta e su vetro per dare testimonianza, tra l’altro, delle performance contemporanee e coinvolgenti condotte nell’ambito dell’Associazione culturale Art&venti2012 di cui Palladino è Presidente, nel segno della pacifica integrazione tra i popoli e del complesso rapporto tra identità e globalità.

“La voglia di sorprendere e di depistare gli appartiene, viaggiare dalla sua terra, la Basilicata, alla terra dei Maia, al loro Calendario e poi spostarsi nei geroglifici di tracce dipinte, segnate che si stendono o si ammassano come contorte spade degli antichi samurai, importandoli da giapponesi suggestioni”: è quanto scrive nel testo della mostra Italo Moscati. Il critico milanese, scrittore e autore, sceneggiatore e regista e, tra l’altro, già presidente del Centro d’Arte Contemporanea di Prato, ha conosciuto Palladino quando insegnava all’Accademia d’Arte di Roma, nei primi anni Duemila e lo considera tra i suoi allievi “più vivaci e smaniosi”. “ Maia, ovunque; le spade contorte dei samurai invisibili trovano gli occhi puliti di un giovane artista a caccia di se stesso, di emozioni da condividere con spontaneità e fantasia. L’artista, colui che crea, si sente svincolato e procede nella sua via, senza smarrirsi, lasciandosi guidare da un dentro e un fuori - di sentimenti e ritmi interiori - che diventa percorso personale, con originalità e proposte, segnali liberi e liberati. Vito, negli anni, è andato da solo, come non poteva non essere; curioso, pronto a tutto, capace di selezionare e di sottoporcelo. Con intensità - conclude Moscati - calore, intelligenza, apertura”.

A Vietri una panchina contro la violenza sulle donne

VIETRI DI POTENZA - “Il silenzio uccide la dignità” è il titolo dell’iniziativa che si terrà venerdì 25 novembre in occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Anche Vietri di Potenza avrà la sua panchina rossa, che sarà inaugurata durante l’iniziativa, organizzata dall’Associazione Volontari Protezione Civile Vietri di Potenza, con il patrocinio del Comune e della Commissione Regionale Pari Opportunità. Ma prima dell’inaugurazione, a partire dalle ore 9:30, si terrà un incontro sul tema nella sala convegni con numerosi ospiti Si partirà con i saluti del Sindaco Carmine Grande, del presidente della Protezione Civile Antonio Russo e del parroco, Don Domenico Pitta. Interverranno i Volontari del Servizio Civile in servizio presso l’Associazione, gli assistenti sociali del Comune, gli alunni della scuola media, l’avvocato Marina Ligrani (esperta in diritto penale, minorile e di famiglia, violenza sulle donne e violenza domestica), Lucia Colicelli (dirigente del Dipartimento Politiche della Persona della Regione Basilicata) e un rappresentante della Commissione Regionale Pari Opportunità. Nell’intermezzo anche la presentazione di alcuni lavori realizzati dagli alunni e la visione di un video realizzato dai volontari del Servizio Civile. L’incontro sarà moderato dal giornalista Claudio Buono. A seguire, a pochi passi dalla sala convegni, nei pressi dell’Epitaffio, l’inaugurazione e la benedizione della panchina rossa, simbolo dell’eliminazione della violenza contro le donne. La giornata internazionale è una ricorrenza istituita dall’assemblea generale dell’Onu nel 1999. Purtroppo sono sempre allarmanti, nel mondo (non da meno in Italia) i dati delle varie forme di violenza sulle donne: alte le percentuali per quanto riguarda violenza domestica, pedofilia, tratta, mutilazioni genitali e stupro di guerra. In Italia, secondo gli ultimi dati, circa sette milioni di donne hanno subito nel corso della propria vita una violenza fisica o sessuale, oltre il 30 % ha tra i trenta e i sessant'anni. Il 12 % non ha avuto la forza di denunciare. Con questa iniziativa l’associazione vuole sensibilizzare sul tema, a partire dai più piccoli, e dare un contributo –seppur piccolo- affinché si possa porre fine a questo ignobile gesto della violenza.

 

Recital per ukulele solo di Danilo Vignola al meeting nazionale del turismo.

POLICORO- Si terranno questo fine settimana a partire dal 25 novembre tre giorni dedicati al turismo lucano presso la struttura ricettiva Orohotel.Evento promosso ed organizzato da Easy Dream che da oltre un decennio è una delle più importanti ed attive agenzie operante sul turismo internazionale nella regione Basilicata.

La promozione su panorama mondiale e la riqualificazione del territorio sono gli obbiettivi principali di Easy Dream. Numerosi ospiti esperti di settore,  dunque, a partire dalle 15:00 di venerdì saranno accolti a Policoro. Previsti Training sportivi e visite guidate a Matera fra chiese rupestri, i sassi e il parco della murgia Materna. Particolare attenzione sarà dedicata alla cucina lucana ed ai prodotti tipici. Dopo un aperitivo medievale, la serata del 26 novembre è dedicata alla presentazione di elementi strategici di trend e marketing territoriale accompagnata da una raffinata cela di gala alla quale presenzierà Danilo Vignola come rappresentanza delle eccellenze lucane. Il poliedrico e premiato artista genzanese fra i più celebri lucani nel mondo, dedicherà al pubblico un breve intervento per ukulele solo. Un recital musicale dedicato al mediterraneo ed al virtuosismo che lo ha reso celebre. E’ considerato fra i più influenti sperimentatori di ukulele al mondo, un riferimento per le avanguardie musicali internazionali. Un omaggio dalla città di Policoro al rinomato artista lucano prima del suo tour europeo previsto per il 2017. Il giorno successivo sarà dedicato a Tursi ed in particolare alla visita del castello di Isabella Morra e di Anglona e, dopo un pranzo dedicato alle specialità lucane, i turisti saranno salutati con sorprese ed omaggi legati al territorio.

#NARRAZIONI19, il programma della seconda edizione

Prenderà il via giovedì 17 novembre, alle ore 10.30, a Matera, presso “Le Monacelle”, l’edizione 2016 di #Narrazioni19, il secondo dei cinque appuntamenti annuali di riflessione sulla comunicazione e lo storytelling, per contribuire alla condivisione dei profili ideativi di Matera 2019, all’interno di politiche di sviluppo pensate per la Basilicata, il Mezzogiorno e l’Italia del futuro.

 

L’evento, promosso dal CISST (Centro Internazionale per gli Studi Storici Sociali e dei Territori) di Potenza, facente capo al CGIAM, il Centro di Geomorfologia Integrata per l'Area del Mediterraneo e patrocinato da Fondazione Matera 2019 e Università degli Studi della Basilicata, si pone l’obiettivo di dare vita ad un laboratorio dialettico capace di individuare e suggerire alcune piste interpretative e operative, in vista dell’appuntamento con il 2019.

 

L’edizione 2016 di #Narrazioni19 intende interrogarsi, in un dialogo plurale, sul ruolo di Matera e della Basilicata, attraverso una trama interrelata che fa del Sud un nuovo protagonista all’interno di scenari nazionali e internazionali.

 

Tre i panel di questa edizione (Mezzogiorno digitale e industria 4.0; industria culturale del Mezzogiorno; stabilizzazione del Mediterraneo e cybersecurity) che si svilupperanno in un’unica giornata e vedranno la partecipazione della viceministro allo Sviluppo economico Teresa Bellanova e di autorevoli rappresentanti delle istituzioni nazionali e regionali,  del digitale e dell’ict, del settore audio visivo e dei beni culturali oltre ad importanti esperti di integrazione, sicurezza e cyber security.

 

L’evento si concluderà con l’intervista al presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, sui temi della futura agenda politica regionale e nazionale.

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Chi è online

Abbiamo 93 visitatori e nessun utente online

La Pretoria Social

Ora esatta

Cerca...

Che tempo fa?!

Potenza

Calendario Articoli

« Ottobre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Area Riservata

fb iconLog in with Facebook